Gastão Elias

tennista portoghese
Gastão Elias
Elias US16 (11) (29236708333).jpg
Gastão Elias durante lo US Open 2016
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 183 cm
Peso 76 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 31-56 (35.63%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 57º (24 ottobre 2016)
Ranking attuale 156º (11 aprile 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2017)
Francia Roland Garros 1T (2014, 2015, 2017)
Regno Unito Wimbledon 1T (2013, 2016, 2018)
Stati Uniti US Open 1T (2016)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 17-30 (36.17%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking 151º (15 agosto 2016)
Ranking attuale 1531º (11 aprile 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open 1T (2016)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate all'11 aprile 2022

Gastão Elias (Lourinhã, 24 novembre 1990) è un tennista portoghese. I suoi migliori ranking ATP sono stati il 57º in singolare, raggiunto nell'ottobre 2016, e il 151º in doppio nell'agosto 2016. Ha vinto diversi tornei Challenger e i migliori risultati nel circuito maggiore sono due semifinali raggiunte in singolare nel 2016.

CarrieraModifica

2006-2010Modifica

Esordisce in un tabellone principale del circuito maggiore all'Estoril Open 2006 come lucky loser, e al primo turno del main draw viene sconfitto da Dmitrij Tursunov per 6-2, 6-1. Raggiunge inoltre la sua prima finale in doppio nel torneo Futures di Ponta Delgada, perdendo in coppia con Pedro Sousa per 7–64, 3–6, 4–6 dai finlandesi Tuomas Ketola e Juho Paukku. L'anno successivo fallisce le qualificazioni per i tornei di Estoril e Halle, perde inoltre la sua prima finale Futures in singolare a Cartagena, sconfitto da Adrián Menéndez-Maceiras. Un mese più tardi conquista il primo titolo da professionista al Futures di Ciudad Obregón, superando lo spagnolo Pablo Martin-Adalia col punteggio di 6–2, 6–3.

Nel 2008 non supera le qualificazioni ATP di Delray Beach, Miami e New Haven, grazie ad una wild card entra nel tabellone principale del torneo dell'Estoril e cede in due set a Michael Berrer. Conquista inoltre il Futures di Boca Raton. Nel 2009 raccoglie pochi successi, il miglior risultato è la semifinale al Futures di New York, nella quale è costretto al ritiro. L'anno seguente raggiunge la finale al Futures di Barueri e viene sconfitto da Daniel Dutra da Silva.

2011-2015Modifica

Nel 2011 raggiunge le sue prime finali Challenger a Belo Horizonte e Buenos Aires, perdendole entrambe. Viene sconfitto anche nella finale di doppio a São Leopoldo. Gli viene concessa nuovamente una wild card per l'Estoril Open e si ritira al primo turno. Partecipa per la prima volta alle qualificazioni in un torneo Slam allo US Open, e dopo aver sconfitto al primo turno Alex Kuznetsov viene eliminato da Louk Sorensen. In settembre raggiunge la prima finale in un Challenger a Belo Horizonte e viene sconfitto da Júlio Silva. Nel 2012 perde nuovamente al primo turno dell'Estoril Open da João Sousa in tre set. Dopo aver perso le finali Challenger di Sao Paulo, Caltanissetta e Porto Alegre, conquista il primo titolo di categoria a Rio de Janeiro battendo in finale Boris Pašanski col punteggio di 6–3, 7–5. Si qualifica così per le ATP Challenger Tour Finals di San Paolo, nel round robin viene sconfitto da Paolo Lorenzi e Aljaž Bedene e batte Victor Hănescu. Nelle qualificazioni negli ultimi tre Slam stagionali viene sconfitto al primo turno rispettivamente da Nicolas Devilder, Simon Greul e Dominik Meffert.

Nel 2013 supera le qualificazioni a Buenos Aires e viene sconfitto al primo turno del tabellone principale da Tommy Robredo per 3-6, 0-6. In aprile vince il suo secondo torneo Challenger a Santos battendo in tre set Rogério Dutra da Silva. A maggio conquista la prima vittoria nel circuito maggiore e si spinge fino ai quarti di finale a Oeiras, superando nei primi due turni Horacio Zeballos e Denis Istomin per poi arrendersi a Stan Wawrinka in due set. Nello stesso torneo disputa in coppia con Sousa la semifinale in doppio. Fa il suo esordio in un torneo dello Slam a Wimbledon e viene subito sconfitto in tre set da Aleksandr Dolgopolov. Nel 2014 si qualifica per i tornei ATP di Delray Beach e San Paolo e viene sconfitto al primo turno rispettivamente da Kei Nishikori per 1-6, 7-5, 2-6 e Albert Ramos-Vinolas per 3-6, 6-3, 2-6. Si spinge nuovamente fino ai quarti di finale a Oeiras e viene eliminato da Hanescu. Si qualifica per la prima volta a un ATP 500 ad Amburgo, supera al primo turno Montanes e viene eliminato da Philipp Kohlschreiber. Supera le qualificazioni anche a Basilea, e perde al primo turno da Benjamin Becker, e all'Open di Francia, dove cede a Diego Schwartzman in tre set. Il 2015 è un anno privo di successi; a Oeiras perde al primo turno dal qualificato Kenny de Schepper. Nei tornei del Grande Slam si qualifica solo al Roland Garros e perde al primo turno da Benoît Paire.

2016Modifica

Eliminato nelle qualificazioni dell'Australian Open, raggiunge il secondo turno a Buenos Aires e nel 500 di Rio, e viene sconfitto rispettivamente da Dominic Thiem e Santiago Giraldo. A San Paolo elimina Pablo Andújar e Giraldo e nei quarti viene fermato da Dušan Lajović. Il 24 aprile vince il Torino Challenger entrando nella top 100 ATP per la prima volta, alla 94ª posizione. Dopo la sconfitta al primo turno all'Estoril, vince la Venice Challenge Save Cup di Mestre e porta il best ranking all'88º posto. Accede di diritto al tabellone principale di Wimbledon e perde al primo turno da Radu Albot. Raggiunge la sua prima semifinale ATP allo Swedish Open superando Christian Lindell, Tarō Daniel e Sousa prima di arrendersi a Fernando Verdasco; la settimana seguente arriva in semifinale anche a Umago con i successi su Guillermo García López, Pablo Cuevas e Pablo Carreño Busta e viene eliminato dal futuro campione Fabio Fognini. Questi risultati lo portano alla 60ª posizione del ranking. Debutta alle Olimpiadi ai Giochi di Rio e viene eliminato al secondo turno sia in singolare che in doppio, in coppia con Sousa. Perde al primo turno a Winston-Salem da Daniel Evans e agli US Open da Sergiy Stakhovsky. Viene convocato per i play-off di Coppa Davis nella sfida vinta 5-0 con la Slovenia e batte Grega Žemlja in 3 set. Esce al primo turno al St. Petersburg Open e a Shenzhen. Fallisce le qualificazioni al Japan Open e si riscatta a Stoccolma, dove raggiunge i quarti di finale e viene battuto dalla testa di serie nº 6 Jack Sock. Grazie a questo risultato migliora il ranking salendo al 57º posto.

2017Modifica

Inizia l'anno a Chennai e viene eliminato al primo turno da Jozef Kovalik. La settimana seguente all'Apia International Sydney si qualifica per il tabellone principale e batte Christopher O'Connell al primo turno prima di arrendersi a Dominic Thiem. Al primo turno degli Australian Open raccoglie solo 5 giochi contro Nick Kyrgios. Al primo turno di Coppa Davis contro Israele, batte Dudi Sela in singolare e in doppio, conquistando l'accesso al secondo turno. Eliminato al primo turno a Buenos Aires e a Rio, accede al secondo turno a San Paolo e viene sconfitto da Albert Ramos-Viñolas. Nella sfida di Davis vinta 4-1 contro l'Ucraina batte Artem Smyrnov in cinque set, conquistando il primo punto per il Portogallo. Raggiunge la finale al Challenger di Barletta e viene battuto in due set da Aljaž Bedene. All'Estoril batte al primo turno Malek Jaziri prima di cedere a Nicolás Almagro. Nel torneo ATP di Lione batte al secondo turno Juan Martín del Potro e raggiunge i quarti di finale, dove viene sconfitto da Raonic. Al Roland Garros perde al primo turno da Kyle Edmund. Nei successivi 5 Challenger non va mai oltre i quarti di finale. Un infortunio alla spalla lo costringe al ritiro ad Amburgo[1] ed esce al primo turno al successivo torneo di Kitzbuhel. La crisi di risultati lo fa scivolare in agosto al 173º posto del ranking. Una serie di buoni risultati nei Challenger nel finale di stagione gli fa risalire la classifica, si impone in quello di Campinas in ottobre, superando in finale Renzo Olivo, e il mese dopo perde la finale a Montevideo contro l'idolo di casa Pablo Cuevas. Chiude il 2017 alla 115ª posizione del ranking.

2018-2020Modifica

Non supera le qualificazioni all'Australian Open; si qualifica invece per i tabelloni principali ai tornei ATP di Buenos Aires e Rio de Janeiro e viene eliminato in entrambi al secondo turno, rispettivamente da Federico Delbonis e Pablo Cuevas. In aprile viene sconfitto in tutti e tre gli incontri disputati nella sfida di Coppa Davis persa 3-2 con la Svezia. In maggio si infortuna nuovamente alla spalla[1] durante l'incontro di semifinale al Braga Open e rientra dopo quasi 2 mesi per giocare a Wimbledon, dove viene eliminato al primo turno di qualificazione. Nei successivi 12 incontri in singolare subisce 11 sconfitte e precipita oltre la 300ª posizione del ranking. Verso fine stagione gioca altre due volte in doppio in Coppa Davis, perde nel 1º playoff contro gli ucraini e vince nel 2º playoff contro i sudafricani, contribuendo alla permanenza del Portogallo nel gruppo I.

La crisi di risultati prosegue per tutto il 2019, durante il quale è impegnato quasi esclusivamente nei tornei Challenger. Il miglior risultato è la semifinale raggiunta a inizio gennaio all'Orlando Open. In luglio viene eliminato nei quarti a Nur-Sultan e durante la stagione supera il secondo turno altre 5 volte. Nell'unico impegno del 2019 nel circuito maggiore, viene eliminato al primo turno delle qualificazioni all'Estoril. In ottobre scende al 378º posto del ranking. In doppio gioca solo tre tornei e a fine anno si trova oltre la 1000ª posizione in classifica. Nella prima parte del 2020 disputa solo un torneo Challenger in gennaio e viene eliminato al secondo turno. Dopo la pausa per la pandemia di COVID-19, rientra a giocare in settembre, ripartendo dal 532º posto in singolare, e perde la finale del torneo ITF M15 di Sintra. Il 4 ottobre torna a vincere un titolo dopo 3 anni imponendosi nell'ITF M15 di Oporto. Torna a giocare nei Challenger ma vince un solo incontro a fronte di 3 sconfitte.

2021-2022Modifica

Continua a risalire la classifica a inizio 2021 giocando con successo nel circuito ITF, a fine marzo riprende a giocare nei Challenger e subito arriva in finale all'Oeiras Open I, persa in due set contro Zdeněk Kolář. In maggio vince il primo Challenger dopo oltre 43 mesi all'Oeiras Open IV, battendo in finale Holger Rune per 5-7, 6-4, 6-4. Nei mesi successivi raggiunge la semifinale a Forlì, ottiene altri discreti risultati nei Challenger e sfiora la qualificazione agli US Open; a fine torneo sale alla 215ª posizione del ranking. Torna a mettersi in luce nel marzo 2002 battendo Nino Serdarušić nella finale dell'Oeiras Challenger e rientra nella top 200. La settimana successiva vince la finale anche all'Oeiras II sconfiggendo Alessandro Giannessi.

StatisticheModifica

Aggiornate al 10 aprile 2022.

Tornei minoriModifica

SingolareModifica

Vittorie (16)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (10)
Futures (6)
Data Torneo Superficie Avversario Punteggio
21 ottobre 2012   Peugeot Tennis Cup, Rio de Janeiro Terra battuta   Boris Pašanski 6-3, 7-5
21 aprile 2013   Campeonato Internacional de Tenis de Santos, Santos Terra battuta   Rogério Dutra da Silva 4-6, 6-2, 6-0
1º novembre 2015   Lima Challenger, Lima Terra battuta   Andrej Martin 6-2, 7-64
8 novembre 2015   Challenger Ciudad de Guayaquil, Guayaquil Terra battuta   Diego Schwartzman 6-0, 6-4
24 aprile 2016   ATP Challenger Torino, Torino Terra battuta   Enrique López Pérez 3-6, 6-4, 6-2
22 maggio 2016   Venice Challenge Save Cup, Mestre Terra battuta   Horacio Zeballos 7-60, 6-2
8 ottobre 2017   Campeonato Internacional de Tênis de Campinas, Campinas Terra battuta   Renzo Olivo 3-6, 6-3, 6-4
30 maggio 2021   Oeiras Challennger IV, Oeiras Terra battuta   Holger Rune 5-7, 6-4, 6-4
3 aprile 2022   Oeiras Challenger, Oeiras Terra battuta   Nino Serdarušić 6-3, 6-4
10 aprile 2022   Oeiras Challenger II, Oeiras Terra battuta   Alessandro Giannessi 7-64, 6-1
Finali perse (16)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (10)
Futures (6)
Data Torneo Superficie Avversario Punteggio
18 settembre 2011   BH Tennis Open International Cup, Belo Horizonte Terra battuta   Júlio Silva 4-6, 4-6
13 novembre 2011   Copa Topper, Buenos Aires Terra battuta   Carlos Berlocq 1-6, 63-7
8 gennaio 2012   Prime Cup Aberto de São Paulo, San Paolo Cemento   Thiago Alves 65-7, 61-7
10 giugno 2012   Città di Caltanissetta, Caltanissetta Terra battuta   Tommy Robredo 3-6, 2-6
28 ottobre 2012   Aberto de Tênis do Rio Grande do Sul, Porto Alegre Terra battuta   Simon Greul 6-2, 65-7, 5-7
27 aprile 2014   Campeonato Internacional de Tenis de Santos, Santos Terra battuta   Máximo González 5-7, 3-6
15 giugno 2014   Internationaux de Tennis de Blois, Blois Terra battuta   Máximo González 2-6, 3-6
1 febbraio 2015   Claro Open Bucaramanga, Bucaramanga Terra battuta   Daniel Gimeno-Traver 3-6, 6-1, 5-7
16 aprile 2017   Open Città della Disfida, Barletta Terra battuta   Aljaž Bedene 64-7, 3-6
4 aprile 2021   Oeiras Challenger I, Oeiras Terra battuta   Zdeněk Kolář 4-6, 5-7

DoppioModifica

Vittorie (2)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (2)
Futures (0)
Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
4 ottobre 2015   Aberto de Tênis do Rio Grande do Sul, Porto Alegre Terra battuta   Frederico Ferreira Silva   Cristian Garín
  Juan Carlos Sáez
6-2, 6-4
24 gennaio 2016   Vivo Tennis Cup, Rio de Janeiro Terra battuta   André Ghem   Jonathan Eysseric
  Miguel Ángel Reyes Varela
6-4, 7-62
Finali perse (8)Modifica
Legenda tornei minori
Challenger (7)
Futures (1)
Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
5 novembre 2011   São Léo Open, São Leopoldo Terra battuta   Frederico Gil   Franco Ferreiro
  Rubén Ramírez Hidalgo
7-64, 3-6, [9-11]
20 aprile 2013   Campeonato Internacional de Tenis de Santos, Santos Terra battuta   Guilherme Clezar   Pavol Červenák
  Matteo Viola
2-6, 6-4, [6-10]
9 novembre 2014   Knoxville Challenger, Knoxville Cemento (i)   Sean Thornley   Miķelis Lībietis
  Hunter Reese
3-6, 4-6
8 novembre 2015   Challenger Ciudad de Guayaquil, Guayaquil Terra battuta   Fabricio Neis   Guillermo Durán
  Andrés Molteni
3-6, 4-6
21 novembre 2015   Uruguay Open, Montevideo Terra battuta   Marcelo Demoliner   Andrej Martin
  Hans Podlipnik
4-6, 6-3, [6-10]
29 maggio 2016   Internazionali Città di Vicenza, Vicenza Terra battuta   Fabricio Neis   Andrey Golubev
  Nikola Mektić
3-6, 3-6
8 ottobre 2017   Campeonato Internacional de Tênis de Campinas, Campinas Terra battuta   José Pereira   Fabricio Neis
  Máximo González
1-6, 1-6

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Gastao Elias - Bio, su atptour.com.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica