Gemeprost

farmaco
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Gemeprost
Gemeprost.svg
Nome IUPAC
metil (2E,11α,13E,15R)-11,15-diidrossi-16,16-dimetil-9-ossoprosta-2,13-dien-1-oato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC23H38O5
Massa molecolare (u)394,545
Numero CAS64318-79-2
Numero EINECS264-775-9
Codice ATCG02AD03
PubChem5282237
DrugBankDB08964
SMILES
CCCCC(C)(C)C(C=CC1C(CC(=O)C1CCCCC=CC(=O)OC)O)O
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Pessario
Indicazioni di sicurezza

Il gemeprost (chimicamente il 16,16-dimetil-trans-delta2 PGE1 metil estere) è un analogo sintetico della prostaglandina E1 (alprostadil o PGE1).

FarmacodinamicaModifica

Nei mammiferi le prostaglandine esercitano effetti fisiologici e farmacologici a molti livelli. Tuttavia il gemeprost possiede un'azione relativamente selettiva nei confronti dell'utero e della cervice. Studi sperimentali hanno dimostrato che il farmaco è in grado di stimolare la contrazione uterina ed indurre il rilassamento della cervice stessa.[1][2] Il gemeprost strutturalmente è un analogo della PGE1, la sua azione è invece paragonabile ma decisamente più potente di quella della PGF2a. Il meccanismo d'azione sul muscolo uterino richiede la partecipazione del calcio e non è mediato da altre prostaglandine endogene o da ossitocina. Studi sperimentali inerenti all'effetto abortivo del farmaco sono stati condotti su conigli e scimmie ed in entrambe le specie il farmaco, somministrato in dosi proporzionali al periodo della gravidanza, ha raggiunto l'obiettivo.[3] Per quanto è inerente alla capacità di dilatare la cervice uterina gli studi sperimentali sono stati invece condotti su scimmie gravide. Anche in questo caso gemeprost è risultato efficace.

FarmacocineticaModifica

Negli studi di farmacocinetica è stato riscontrato che la somministrazione in donne gravide di una candeletta vaginale contenente 1 mg di gemeprost ad intervalli regolari di 3 ore, comporta nel sangue una concentrazione plasmatica massima di 6 µg/ml a distanza di 1 ora dalla prima somministrazione ed una diminuzione nella misura di circa un terzo a distanza di 3 ore.

TossicitàModifica

Nel topo femmina i valori della DL50 sono di 62,5 mg/kg dopo somministrazione orale, di 32,5 mg/kg dopo somministrazione sottocutanea, di 29,5 mg/kg dopo somministrazione endovenosa e di 36 mg/kg dopo somministrazione vaginale.

Usi cliniciModifica

Il farmaco sotto forma di candelette vaginali viene utilizzato in ostetricia come pre trattamento, per dilatare la cervice prima di un intervento chirurgico (ad esempio nell'intervento di interruzione dello stato di gravidanza nel primo trimestre).[4][5][6] Gemeprost è usato anche nel trattamento del sanguinamento ostetrico.[7][8][9] Il farmaco viene anche somministrato, da solo[10][11][12][13] oppure in associazione al mifepristone[14][15][16] od al misoprostol[17][18][19] per indurre l'aborto entro la ventiquattresima settimana di gravidanza.[20] Le candelette di gemeprost possono essere impiegate in ginecologia a scopo diagnostico prima di interventi strumentali come, ad esempio, la biopsia endometriale, l'isteroscopia, l'introduzione di un dispositivo intrauterino (spirale o IUD, Intra Uterine Device). Una candeletta è in grado di indurre una dilatazione che permane per almeno 6 ore.

Dosi terapeuticheModifica

In ostetricia, si introduce una candeletta vaginale, contenente 1 mg di gemeprost, 3 ore prima dell'intervento chirurgico. Nella induzione dell'aborto nel secondo trimestre di gravidanza si introduce ogni 3 ore una candeletta vaginale contenente 1 mg di gemeprost, sino ad un massimo di 5 candelette. Se il trattamento risulta inefficace, può essere ripetuto dopo un intervallo di 24 ore.

Effetti collaterali ed indesideratiModifica

Gli effetti collaterali di tipo sistemico che si possono verificare dopo somministrazione vaginale di gemeprost sono: nausea, vomito, diarrea, cefalea, vertigini, palpitazioni, dispnea, dolori al torace, dolori di tipo mestruale accompagnati o meno da perdite ematiche (spotting), vampate. Il gemeprost può provocare modificazione della pressione arteriosa, leggera piressia, brividi.

ControindicazioniModifica

Il farmaco risulta controindicato in caso di asma con gravi broncospasmi e in caso di ipersensibilità nota alle prostaglandine. Il gemeprost non deve essere utilizzato per l'induzione del travaglio nella gravidanza a termine con feto vivo e nelle situazioni di elevato rischio emorragico (fragilità uterina, utero cicatriziale). Dato che non si conoscono gli effetti che la somministrazione di gemeprost può avere sul feto, è più che consigliabile che venga interrotta la gravidanza una volta somministrato il farmaco. Il gemeprost deve essere utilizzato con cautela nelle pazienti che presentano insufficienza cardiovascolare, ipertensione oculare, cerviciti e vaginiti.

InterazioniModifica

Si consiglia di non associare il gemeprost con farmaci ossitocici che possano potenziarne l'azione. La somministrazione contemporanea di antalgici di tipo non steroideo può diminuire l'effetto del gemeprost.

NoteModifica

  1. ^ K. Matsumoto, A. Akimoto; K. Shibata; T. Obata; T. Tsuda; M. Tsuboshima, [Effects of 16,16-dimethyl-trans-delta 2-PGE1 methyl ester (ONO-802) on uterine motility (author's transl)]., in Nihon Yakurigaku Zasshi, vol. 78, n. 4, Oct 1981, pp. 231-8, PMID 7327452.
  2. ^ R. Ohkawa, [A study on the uterine contractile effect of 16, 16-dimethyl-trans-delta 2-PGE1 methyl ester (ONO-802) (author's transl)]., in Nihon Sanka Fujinka Gakkai Zasshi, vol. 34, n. 4, Apr 1982, pp. 460-8, PMID 6950990.
  3. ^ K. Matsumoto, A. Akimoto; K. Shibata; S. Matsuo; T. Muryobayashi; T. Sakai; T. Tsuda; M. Tsuboshima, [Effects of 16,16-Dimethyl-trans-delta 2-PGE1 methyl ester (ONO-802) on uterine, placental and ovarian circulation (author's transl)]., in Nihon Yakurigaku Zasshi, vol. 78, n. 4, Oct 1981, pp. 239-48, PMID 7327453.
  4. ^ NJ. Christensen, M. Bygdeman, Cervical dilatation with 16,16-dimethyl-trans-delta 2-PGE1 methyl ester (Cervagem) prior to vacuum aspiration. A double-blind, placebo-controlled randomized study., in Contraception, vol. 29, n. 5, maggio 1984, pp. 457-64, PMID 6378517.
  5. ^ PR. Fisher, JH. Taylor, Controlled study of 16,16-dimethyl-trans-delta 2 prostaglandin E1 methyl ester vaginal pessaries prior to suction termination of first trimester pregnancies., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 91, n. 11, Nov 1984, pp. 1141-4, PMID 6388625.
  6. ^ PC. Ho, ST. Liang; GW. Tang; HK. Ma, Pre-operative cervical dilatation in termination of first trimester pregnancies using 16, 16-dimethyl-trans-delta 2 PGE1 methyl ester vaginal pessaries., in Contraception, vol. 27, n. 4, Apr 1983, pp. 339-46, PMID 6851564.
  7. ^ A. Bates, K. Johansen, The use of gemeprost pessaries to arrest postpartum haemorrhage., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 101, n. 3, Mar 1994, pp. 277-8, PMID 8193115.
  8. ^ N. el-Lakany, RA. Harlow, The use of gemeprost pessaries to arrest postpartum haemorrhage., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 101, n. 3, Mar 1994, p. 277, PMID 8193114.
  9. ^ JW. Barrington, A. Roberts, The use of gemeprost pessaries to arrest postpartum haemorrhage., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 100, n. 7, Jul 1993, pp. 691-2, PMID 8369256.
  10. ^ KJ. Thong, DT. Baird, A study of gemeprost alone, dilapan or mifepristone in combination with gemeprost for the termination of second trimester pregnancy., in Contraception, vol. 46, n. 1, Jul 1992, pp. 11-7, PMID 1424619.
  11. ^ SK. Smith, DT. Baird, The use of 16-16 dimethyl trans delta 2 PGE1 methyl ester (ONO 802) vaginal suppositories for the termination of early pregnancy. A comparative study., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 87, n. 8, Aug 1980, pp. 712-7, PMID 7426533.
  12. ^ IT. Cameron, DT. Baird, The use of 16,16-dimethyl-trans delta 2 prostaglandin E1 methyl ester (gemeprost) vaginal pessaries for the termination of pregnancy in the early second trimester. A comparison with extra-amniotic prostaglandin E2., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 91, n. 11, Nov 1984, pp. 1136-40, PMID 6594157.
  13. ^ P. Kajanoja, M. Mandelin; UM. Mäkilä; O. Ylikorkala; C. Felding; C. Somell; A. Olund; H. Pedersen, A Gemeprost vaginal suppository for cervical priming prior to termination of first trimester pregnancy., in Contraception, vol. 29, n. 3, Mar 1984, pp. 251-60, PMID 6539662.
  14. ^ KJ. Thong, P. Lynch; DT. Baird, A randomised study of two doses of gemeprost in combination with mifepristone for induction of abortion in the second trimester of pregnancy., in Contraception, vol. 54, n. 2, Aug 1996, pp. 97-100, PMID 8842586.
  15. ^ KJ. Thong, DT. Baird, Induction of second trimester abortion with mifepristone and gemeprost., in Br J Obstet Gynaecol, vol. 100, n. 8, Aug 1993, pp. 758-61, PMID 8399016.
  16. ^ H. el-Refaey, K. Hinshaw; A. Templeton, The abortifacient effect of misoprostol in the second trimester. A randomized comparison with gemeprost in patients pre-treated with mifepristone (RU486)., in Hum Reprod, vol. 8, n. 10, Oct 1993, pp. 1744-6, PMID 8300840.
  17. ^ M. Nuutila, J. Toivonen; O. Ylikorkala; E. Halmesmäki, A comparison between two doses of intravaginal misoprostol and gemeprost for induction of second-trimester abortion., in Obstet Gynecol, vol. 90, n. 6, Dec 1997, pp. 896-900, PMID 9397098.
  18. ^ NS. Eng, AC. Guan, Comparative study of intravaginal misoprostol with gemeprost as an abortifacient in second trimester missed abortion., in Aust N Z J Obstet Gynaecol, vol. 37, n. 3, Aug 1997, pp. 331-4, PMID 9325520.
  19. ^ H. el-Refaey, L. Calder; DN. Wheatley; A. Templeton, Cervical priming with prostaglandin E1 analogues, misoprostol and gemeprost., in Lancet, vol. 343, n. 8907, maggio 1994, pp. 1207-9, PMID 7909874.
  20. ^ KS. Wong, CS. Ngai; AY. Wong; LC. Tang; PC. Ho, Vaginal misoprostol compared with vaginal gemeprost in termination of second trimester pregnancy. A randomized trial., in Contraception, vol. 58, n. 4, Oct 1998, pp. 207-10, PMID 9866000.

Voci correlateModifica