Gendō Ikari

personaggio di Neon Genesis Evangelion
Gendō Ikari
Gendo Ikari.jpg
Gendō nella sigla iniziale
UniversoNeon Genesis Evangelion
Nome orig.ゲンドウ 碇 (Gendō Ikari)
Lingua orig.Giapponese
AutoreGainax
StudioGainax
1ª app. inCapitolo 2
Voce orig.Fumihiko Tachiki
Voci italiane
SessoMaschio
Data di nascita29 aprile 1967

Gendō Ikari (碇 ゲンドウ Ikari Gendō?), o Gendō Rokubungi (六文儀 ゲンドウ Rokubungi Gendō?), è un personaggio della serie televisiva anime Neon Genesis Evangelion, sceneggiata e diretta da Hideaki Anno, e dell'omonimo manga di Yoshiyuki Sadamoto. Nel doppiaggio originale è interpretato da Fumihiko Tachiki, mentre nell'adattamento italiano il suo ruolo è affidato a Massimo Corvo e, nel ridoppiaggio di Netflix, a Roberto Draghetti[1]. Il personaggio è comparso in altre opere tratte della serie animata, in diversi manga spin-off, videogiochi, visual novel, nell'ONA Petit Eva - Evangelion@School e nella tetralogia cinematografica Rebuild of Evangelion.

Gendō nella serie originale è il comandante supremo dell'agenzia speciale Nerv, deputata allo studio e all'annientamento di una serie di misteriosi nemici del genere umano chiamati angeli[2]. L'uomo, segnato e afflitto dall'improvvisa morte della sua sposa Yui, abbandona il suo unico figlio Shinji Ikari per potersi dedicare a tempo pieno a un piano chiamato Progetto per il perfezionamento dell'uomo[3]. Il suo atteggiamento pragmatico, freddo e calcolatore lo porta a usare qualsiasi mezzo pur di raggiungere i propri scopi personali[4].

Il personaggio di Gendō è emerso in sondaggi di popolarità, ma ha anche subito delle critiche da parte degli appassionati, che hanno criticato il suo atteggiamento distaccato e spietato; altri invece ne hanno apprezzato la caratterizzazione e l'introspezione psicologica, arrivandolo a considerare uno dei personaggi negativi più memorabili della storia dell'animazione nipponica.

Creazione e sviluppoModifica

Hideaki Anno, regista e principale sceneggiatore della serie, prese il nome di Gendō da un personaggio presente in un progetto fallito dello studio Gainax, un anime pianificato prima di Evangelion ma mai prodotto. Per il suo cognome da celibe optò per la parola rokubungi (六文儀? lett. "sestante"); per quello da sposato scelse invece Ikari (? lett. "àncora"), così da collegarsi ai nomi di altri personaggi di Neon Genesis Evangelion, ispirati a termini provenienti dal gergo nautico o a navi della Marina imperiale giapponese[5]. Il suo design fu affidato a Yoshiyuki Sadamoto, mangaka della versione cartacea della serie. Sadamoto, stando a quanto da lui stesso dichiarato, venne influenzato alla serie televisiva UFO e modellò il suo rapporto con Kōzō Fuyutsuki in base a quello fra il comandante Ed Straker e il colonnello Alec Freeman della serie classica[6].

 
«Siccome sono diventato anche io un padre di famiglia, mi riconosco nella figura di Gendō. Capisco i suoi sentimenti, come il timore di non riuscire ad avvicinarsi al figlio»
—Yoshiyuki Sadamoto, character designer di Neon Genesis Evangelion[7]

Come tema centrale della serie la produzione scelse di inserire quello della comunicazione interpersonale, e più in particolare della comunicazione fra generazioni diverse[8], così da riflettere sull'incomunicabilità e le difficoltà relazionali del mondo moderno, giudicato quasi allo sfacelo[9]. Per la psicologia del personaggio, padre del protagonista incapace di entrare in contatto emotivo con il proprio stesso figlio, il regista si basò sulla propria personalità[10], proprio come per tutti gli altri personaggi della serie[11][12]. L'agenzia speciale Nerv venne pensata come una metafora dello studio Gainax, mentre il comandante Ikari fu descritto dallo stesso Anno come una rappresentazione della propria ombra, il lato oscuro e incosciente della psiche di un individuo. Il regista dichiarò di non aver concepito Gendō come un padre concreto con un legame di sangue con il proprio figlio, ma come una rappresentazione della società, aggiungendo: «Non credo di aver proiettato così tanto [dentro di lui]»[13]. La figura di Gendō fu influenzata dal vissuto personale dei membri del personale, fra cui quello dello stesso Hideaki Anno[14]. Suo padre, Takuyo Anno, a causa di un incidente giovanile con una sega elettrica rimase ferito alla gamba sinistra e fu conseguentemente costretto a portare una protesi artificiale. L'uomo in seguito all'incidente diventò instabile a livello emotivo. Il giovane Anno crebbe quindi in un ambiente familiare teso, segnato dalle punizioni fisiche ed emotive del genitore, che arrivò al punto di dirgli una frase come: «Vorrei che tu non fossi mai nato»[15]. Secondo Kazuya Tsurumaki, assistente alla regia della serie:

«Un sacco di famiglie giapponesi della generazione scorsa, e forse anche di quella di adesso, avevano dei padri costantemente al lavoro e completamente assenti fra le mura domestiche. Erano fuori dalla vita dei propri stessi figli. Anche mio padre era così, e non ho potuto avere un vero rapporto con lui fino a pochissimo tempo fa. In fondo sono proprio come Hideaki Anno. E questi avvenimenti credo influenzino gli anime che produco.»

(Kazuya Tsurumaki[16])

Nelle prime fasi progettuali di Evangelion si decise di rappresentare Gendō come un uomo «dal comportamento e dalle parole enigmatiche», strenuo difensore del Progetto per il perfezionamento, espressivo, tumultuoso, simile a un dottor Victor Frankenstein del ventunesimo secolo[17][18]. Con il tempo sarebbe diventato ossessionato dalla ricerca, giustificando ogni mezzo pur di raggiungere il proprio scopo, al punto da trasformare il suo stesso corpo e diventare un essere umano digitalizzato. Il suo obiettivo sarebbe stato però di natura benevola, nella convinzione di poter realizzare un sogno utopico capace di portare vera uguaglianza fra le persone[19]. Nel primo episodio della serie avrebbe chiamato Shinji per combattere contro un angelo chiamato Raziel, e nel quarto, intitolato Quattordici anni, il primo giorno (14歳、 始まりの日 14-sai, hajimari no hi?), avrebbe ignorato il figlio il giorno del suo compleanno, idee poi accantonate durante la produzione della serie[20]. Negli intenti iniziali degli autori, inoltre, non avrebbe partecipato a una spedizione di indagine al polo sud; lo scenario originale lo vedeva coinvolto in un misterioso incidente in seguito al quale l'intero Mar Morto sarebbe evaporato, svelato nella ventesima puntata della serie animata[21]. Nel finale si sarebbero infine scoperti i suoi veri obbiettivi e il vero scopo del Perfezionamento, durante il quale sarebbero stati svelati dei ruderi di un luogo chiamato Arqa (アルカ Aruka?), mai menzionato nella versione definitiva[22]. Nella conclusione originariamente prevista dal personale ci sarebbe stata una scena in cui Gendō, separandosi dal figlio, avrebbe detto «Vivi!» (生きろ Ikiro?), in maniera simile al finale della precedente opera dello studio Gainax, Nadia - Il mistero della pietra azzurra, in cui il capitano Nemo, padre della protagonista Nadia, pronuncia la stessa frase prima di sacrificarsi[23].

DoppiaggioModifica

 
Gendō sulla copertina del sesto DVD della versione italiana della serie
(JA)

«ただゲンドウについて自分自身の中では「演じる」という感覚は比較的少ないかもしれません。空気のように流れていく……。しゃべり方なり演じ方なり、気持ちのもっていき方なり……ですね。感情の起伏みたいなものには無縁です。[...] ゲンドウの場合は声優の仕事とかという感覚がなく、本当に俳優として演じている感じです。やっぱり人物に魂をそのまま吹きこんでいるというかね。»

(IT)

«Ma, parlando sinceramente, non sento di dover "recitare" per entrare nella parte di Gendō. Si muove come aria. Nel modo in cui parlo, nel modo in cui lo interpreto e in cui mi preparo emotivamente. Mi libero da tutti gli sbalzi d'umore. [...] Nel caso di Gendō, non mi sento un doppiatore, ma un attore in carne e ossa. È proprio come l'anima che alimenta un individuo.»

(Fumiko Tachiki[24])

Il ruolo di Gendō venne interpretato dal doppiatore giapponese Fumihiko Tachiki, sia nella serie animata originale[25] sia nei due lungometraggi del 1997 Neon Genesis Evangelion: Death & Rebirth[26] e Neon Genesis Evangelion: The End of Evangelion[27][28]. Il seiyū interpretò il personaggio anche negli spin-off tratti dalla serie originale, o in alcuni videogiochi, come in Meitantei Evangelion e Shin seiki Evangelion - Kōtetsu no girlfriend 2nd[29][30], e nella tetralogia cinematografica Rebuild of Evangelion[31][32]. Tachiki trovò difficoltoso riuscire a immedesimarsi o a comprendere Evangelion e il personaggio assegnatogli, chiedendosi perciò, secondo le sue stesse parole, «se odiassi o se invece amassi Gendō»[33]. Non riuscendo a inquadrare le laconiche frasi e le intenzioni di Gendō rimase confuso, venendo costretto a chiedere come recitare le sue battute e interpretare una determinata frase. Lui stesso dichiarò: «Quando iniziai a recitare nella serie televisiva ero stato appena catapultato negli eventi. Fu molto dura e mi tormentai molto su come rendere bene il personaggio»[24]. Durante le sessioni per la serie originale e per i lungometraggi del 1997 però ricevette il continuo supporto del personale, venendo istruito e diretto da Hideaki Anno e dal direttore del suono[34].

Difficoltà simili incontrò per il Rebuild of Evangelion, e in particolare per la pellicola Evangelion: 3.0 You Can (Not) Redo, ambientata a quattordici anni di distanza dal secondo lungometraggio e doppiata dopo quasi vent'anni dalla serie originale. Tachiki, pur restando interdetto dall'ambientazione futuristica e dai cambiamenti di trama, fu aiutato dall'esperienza accumulata e la maggiore maturità, grazie alle quali recitò in modo più franco e sereno rispetto alla serie classica[24]. Per l'ultimo capitolo della saga, Evangelion: 3.0+1.0 Thrice Upon a Time, Tachiki rimase molto sorpreso dalla sceneggiatura, dovendo ripassare le proprie battute diverse volte mentre guardava i disegni ancora incompleti della pellicola. Le prime sessioni del doppiatore verterono sui suoi dialoghi con Fututsuki, con un collega quindi più anziano di lui, rilassandosi di più in fase di registrazione. Nonostante i cambi di caratterizzazione al personaggio il personale non chiese a Tachiki di doppiarlo emotivamente, ma con naturalezza, senza passione o tensione particolare. Anche in tal caso ebbe delle difficoltà, visto il cambio di direzione. Particolarmente complicato fu una scena in cui urla il nome di Yui, in cui dovette alzare la voce; la produzione gli richiese di convogliare tutte le emozioni e i sentimenti in quel frangente, e alla fine gli fece male la gola[35].

Nel doppiaggio italiano il suo ruolo è stato affidato a Massimo Corvo, sia nella serie classica, sia nei vari lungometraggi da essa tratti, inclusi Neon Genesis Evangelion: The Feature Film e quelli che compongono il Rebuild of Evangelion[36][37]. Nella versione nordamericana della serie e delle pellicole conclusive è doppiato da Tristan MacAvery[38][39], eccezion fatta per le parti aggiunte nella versione director's cut e i Rebuild, in cui è interpretato da John Swasey[40]. MacAvery sostenne di aver avuto diverse difficoltà al momento di doppiare gli ultimi due episodi, ambientati nell'animo del protagonista: «Non avevo idea di cosa stesse accadendo. Dovetti capire da solo come leggere le mie battute: se in modo piatto o in modo filosofico»[41]. In spagnolo è doppiato da Juan Carlos Gustems[42], da Humberto Solorzano nella versione latinoamericana[43], da Fabio Moura in portoghese brasiliano[44] e da Erich Räuker in tedesco[45]. In lingua francese il suo ruolo è affidato a diversi doppiatori: nell'anime originale e nei lungometraggi del Rebuild viene interpretato da Gerard Rouzier[46], ma quando venne ridoppiato per l'edizione speciale Gold Edition la sua voce fu assegnata a Michel Roy[47]. Nel giugno del 2019 la piattaforma Netflix ha pubblicato un nuovo doppiaggio della serie, in cui Gendō viene interpretato da Roberto Draghetti nella versione italiana, da Ray Chase in quella inglese[48], Idzi Dutkiewicz nella latinoamericana[49] e Urs Remond nella tedesca[50].

BiografiaModifica

 
La mezza foglia di fico, simbolo dell'agenzia speciale Nerv

Gendō Rokubungi nasce il 29 aprile del 1967[51]. Nella serie non vengono mai nominati i suoi genitori e non vengono forniti dettagli riguardo alla sua infanzia o la giovinezza. Il primo fatto noto risale al 1999, quando egli ha circa trentadue anni. In quell'anno l'uomo viene arrestato e portato al dipartimento di polizia di Kyoto per condotta violenta in stato di ubriachezza. Una volta rinchiuso egli indica per motivi ignoti come proprio garante il professore Kōzō Fuyutsuki, un docente che insegna nell'università locale. Nel loro primo incontro Fuyutsuki ha uno sgradevole presentimento nei suoi riguardi. Rokubungi, dopo essere stato scagionato per mano del docente, si lega sentimentalmente a Yui Ikari, brillante ricercatrice e studentessa dello stesso Fuyutsuki. Anche in tal caso il professore non vede di buon occhio le azioni di Gendō, sospettando dei secondi fini da parte sua[52][53]. Yui è infatti legata a una misteriosa organizzazione denominata Seele, e molte voci di corridoio asseriscono che l'unico interesse di Rokubungi sia quello di avvicinarsi a detta organizzazione e sfruttare il talento della donna. Per mandare segretamente avanti i piani della Seele l'uomo partecipa a un gruppo di ricerca noto come spedizione Katsuragi, partito per il polo sud per condurre alcuni esperimenti riguardo a un meccanismo noto come elemento S². Il 12 settembre dell'anno 2000 Rokubungi lascia il continente antartico assieme ad altri membri del gruppo[54], fra i quali un uomo chiamato Lorenz Keel, capo della Seele[55]. Il giorno dopo, per un'apparente coincidenza, nel continente antartico si verifica una gigantesca calamità naturale nota con il nome di Second Impact, e tutti gli altri membri della spedizione periscono nell'incidente, ad eccezione di Misato Katsuragi, figlia del dottor Katsuragi. Il 6 giugno dell'anno seguente nasce il suo unico figlio, Shinji Ikari. Dopo essersi sposato con Yui cambia il proprio cognome in Ikari[56][57] e partecipa a una spedizione di inchiesta sul Second Impact organizzata dalle Nazioni Unite, assieme ad altri membri della Seele e al professor Fuyutsuki[58][59]. Poco più tardi la Seele lo insignisce del ruolo di direttore di una struttura posta nella città di Hakone chiamata Laboratorio per l'evoluzione artificiale, con l'incarico di dirigere un piano segreto noto come progetto E[60].

Nel 2003 il professor Fuyutsuki raccoglie delle informazioni sul Second Impact e si presenta nel Laboratorio per l'evoluzione artificiale, minacciando il direttore di rendere pubblica la verità scoperta. Gendō, senza scomporsi per le minacce del professore, lo porta in una cavità sotterranea posta al di sotto del Laboratorio, quartier generale di un'organizzazione chiamata Gehirn di cui fa parte. Sul luogo Ikari gli mostra un gigantesco essere chiamato Eva, e lo invita a collaborare con lui «per costruire la nuova storia del genere umano»[61]. Dopo un'attenta riflessione, Fuyutsuki accetta l'offerta, unendosi a lui nel Gehirn[62][63]. L'anno seguente Gendō assiste assieme a Shinji a un esperimento di attivazione di un Eva, cioè l'Unità 01. A causa di un incidente Yui scompare sotto i suoi occhi. Il direttore, cambiato dall'incidente, decide di abbandonare suo figlio Shinji affidandolo nelle mani di un tutore. Una settimana dopo la scomparsa della moglie l'uomo annuncia a Fuyutsuki l'elaborazione di un nuovo progetto, un piano noto come Progetto per il perfezionamento dell'uomo[64][65], che lui stesso definisce «l'inviolato cammino verso la divinità»[66]. Nel 2010 il Gehirn viene sciolto; al suo posto viene istituita l'agenzia speciale Nerv, di cui Ikari diventa il comandante supremo[67].

Nel 2015, dopo molti anni di silenzio, Gendō convoca Shinji nella città di Neo Tokyo-3 per fargli pilotare l'Eva-01 e affrontare dei misteriosi esseri chiamati angeli[68]. Nei confronti del figlio mantiene un atteggiamento freddo, dicendogli di averlo chiamato per utilità[69]. In seguito alla battaglia contro il sesto angelo, Gaghiel, Ryōji Kaji consegna al comandante un piccolo oggetto simile a un embrione, identificato come il primo angelo Adam[70][71]. In un momento non precisato Gendō fa impiantare l'embrione nel palmo della propria mano destra[72]. Con il tempo sorgono delle discrepanze fra il comandante e la Seele, ambedue intenti a dare avvio al Progetto per il perfezionamento dell'uomo ma con due scenari differenti. Gendō, a differenza della Seele, decide di provocare una "unione proibita" fra Adam, impiantato nel proprio corpo, e il secondo angelo Lilith, la cui anima è custodita all'interno di una ragazza chiamata Rei Ayanami[73]. Nella pellicola conclusiva The End of Evangelion Ikari tenta di mettere in atto la propria versione del Perfezionamento per potersi ricongiungere con Yui, tradendo la Seele[74]. Per attuare il piano entra con Rei nella sezione più profonda del quartier generale, il Terminal Dogma, e inserisce la sua mano destra nel corpo della ragazza, in modo da farle assorbire l'embrione di Adam[75][76]. Rei, tuttavia, tradisce le sue aspettative e si unisce contro la sua volontà al secondo angelo, facendo fallire i suoi piani[77].

PersonalitàModifica

 
«Gendō è quel tipo di persona capace di vedere e pensare al benessere di un'organizzazione nel suo complesso. Farebbe qualunque cosa pur di avere successo. Prende misure drastiche ed estreme, con le buone o con le cattive, pur di realizzare il proprio scopo. In un certo senso è un uomo meschino, che si preoccupa molto raramente di Shinji.»
Hideaki Anno, regista della serie animata[78]
(JA)

«ただ単にクールとか非人道的だとか、そういうんじゃないんです。なんかホントに人としての力の部分をね、ものすごく感じます。それは『新劇場版』を始めてから、特に強く感じるようになった一番のことですね。だからこそ、余計にね……。もしゲンドウに終焉があるとしたら、どんな風になっていくんだろうなってね……。きっとその時点でゲンドウに対しての自分の本当の情が、入りこんでいくのかもしれません。»

(IT)

«[Gendō] non è soltanto un uomo freddo o immorale. Non so come spiegarmi, ma sento come se lui avesse una forza che nessun altro essere umano ha. È la sensazione più forte che io abbia avuto da quando ho cominciato a doppiare i Rebuild. Per questo mi chiedo, se mai Gendō incontrasse la sua fine, come reagirei. Forse sarà allora che lascerò trasparire i sentimenti che provo verso di lui.»

(Fumihiko Tachiki[24])

Gendō Ikari è un uomo misterioso[79], chiuso[80][81], austero, determinato[82][83], calcolatore[84], spietato e senza scrupoli[85][86]. Il suo innato pragmatismo e il suo carattere flemmatico ed egoista lo portano a utilizzare qualunque mezzo pur di raggiungere i propri scopi[87][88], anche se questo dovesse comportare il ferire e calpestare i sentimenti delle altre persone[89]. Le uniche persone che paiono riuscire a comprenderne i pensieri più intimi sono il vicecomandante della Nerv, Kōzō Fuyutsuki[90][91], e la dottoressa Ritsuko Akagi, che condivide la sua filosofia di vita[92]. Nel corso della serie sfrutta a suo vantaggio anche il suo sottoposto Ryōji Kaji, pur essendo al corrente delle sue attività di spionaggio, traendo il massimo profitto dalla sua presenza[93]. Eccetto che verso Rei Ayanami, pilota dell'Unità 00, Gendō ostenta un atteggiamento distaccato con tutti i suoi sottoposti, mantenendo calma e sangue freddo in tutte le circostanze[94] e rimanendo costantemente fedele ai propri piani. Nutre fiducia nelle proprie strategie belliche e per attuarle spesso prende il posto delle Nazioni Unite come se lo considerasse un suo diritto[95], non esitando a usare suo figlio Shinji, pilota dell'Unità 01, e la stessa Ayanami[96].

Per poter realizzare i propri piani Gendō intraprende una relazione segreta con la dottoressa Naoko Akagi, scienziata e ricercatrice dedita allo sviluppo di tre supercomputer chiamati Magi[97][98], approfittando del suo talento scientifico[99]. Anche quando i due amanti si baciano, però, l'uomo tiene gli occhi aperti guardando in alto, inespressivo[100]; per lui la dottoressa Akagi è solo uno strumento per il Perfezionamento e poter incontrare Yui, che non riesce a dimenticare. Secondo i filmbook ufficiali sulla serie, inoltre, l'inizio della loro relazione potrebbe essere antecedente alla morte della moglie[101]. Naoko, resasi conto di essere sfruttata dall'amante, nel 2010 si suicida. Dopo la sua morte Gendō stringe una relazione sessuale anche con la figlia di lei, Ritsuko[102]. Anche Ritsuko, tuttavia, si accorge di essere usata dal comandante, compiendo alcune azioni contro di lui che la portano a essere reclusa in isolamento. Gendō, mantenendo un atteggiamento freddo e distaccato, in una scena sostiene di essere rimasto «deluso» della condotta della giovane scienziata, parole a cui lei risponde: «Deluso? Sin da principio tu non hai mai avuto né aspettative né desideri nei miei riguardi»[103]. Nella pellicola The End of Evangelion Ritsuko tenta di distruggere l'intero quartier generale della Nerv per vendicarsi, ma l'uomo la precede e le spara un colpo di pistola, uccidendola[104].

Gendō pare indifferente alla vita del figlio[105], mentre sembra dimostrare particolare attaccamento nei confronti di Rei[82][106], a cui è più legato e più intimo[107]. In realtà l'uomo adotta questi atteggiamenti e si dedica costantemente al Progetto per il perfezionamento in seguito all'improvviso decesso della moglie, cercando a tutti i costi di incontrare nuovamente la sua amata[97]. Nel quindicesimo episodio della serie egli si reca in visita alla sua simbolica tomba assieme al figlio, sostenendo che «Yui mi ha fatto conoscere quel qualcosa che è per me insostituibile»[108]. In altre occasioni invece mostra un volto insolitamente umano; durante la battaglia contro l'angelo Matarael, ad esempio, aiuta i propri uomini ad azionare manualmente le unità Evangelion[109][110], mentre, poco dopo la sconfitta dell'angelo Sahaquiel, esprime delle parole di elogio per Shinji[111][112]. Gendō finisce con il deludere tutte le aspettative del figlio durante la battaglia contro l'angelo Bardiel, in cui fa annientare senza rimorso l'unità Evangelion 03, ferendo e mutilando il suo pilota, Tōji Suzuhara, compagno di classe amico di Shinji[113][114]. Il suo particolare comportamento potrebbe essere interpretato come una "manifestazione inversa di affetto": non volendo ferire il figlio, egli se ne allontana e lo evita completamente[96]. Il suo percorso ha il suo culmine proprio durante il Perfezionamento, in cui incontra di nuovo Yui e pronuncia, poco prima di morire, le parole: «Perdonami, Shinji»[115]. Un opuscolo ufficiale della pellicola The End ha paragonato la loro relazione al dilemma del porcospino, un concetto formulato dal filosofo tedesco Arthur Schopenhauer, secondo cui più ci si avvicina l'un l'altro, più ci si ferisce a vicenda[116]. Alla fine del lungometraggio Gendō viene divorato dall'Eva-01; secondo Yūichirō Oguro, curatore di alcuni contenuti delle edizioni home video della serie, l'Eva-01 visibile nella sequenza potrebbe essere una illusione, e la scena potrebbe simboleggiare il fatto che Gendō sia riuscito a diventare una cosa sola con la moglie[117].

Versioni alternativeModifica

 
Copertina dell'ottavo volume del manga raffigurante Fuyutsuki (a sinistra), Yui (al centro), Gendō (a destra) e, sullo sfondo, l'Unità 01

In una scena dell'ultimo episodio della serie animata viene presentato un universo parallelo con una storia differente rispetto alle puntate precedenti; nella realtà alternativa Gendō appare come un normale uomo impegnato a leggere il giornale in cucina e convive con Shinji e Yui[118][119]. Dai titoli dei giornali si apprende che nel mondo parallelo dell'ultima puntata esiste ancora l'Antartide e non è avvenuto alcun incidente al polo sud[120]. Una versione degli eventi simile è rintracciabile nel manga Neon Genesis Evangelion The Shinji Ikari Raising Project[121] e in Shin seiki Evangelion - Kōtetsu no girlfriend 2nd[122]. In The Shinji Ikari Raising Project, in particolare, Gendō ha ancora una personalità tormentata, ma meno severa e brusca della sua controparte animata, mantenendo alcune caratteristiche dell'originale in un ruolo semicomico[123]. Nell'ONA Petit Eva - Evangelion@School, parodia della serie originale, Gendō svolge il ruolo di preside in un istituto scolastico chiamato terza accademia municipale "Nerv" di Neo Tokyo-3 (第3新東京市立ねるふ学園 Dai-3 shin Tōkyō shiritsu neru fu gakuen?), frequentato da Shinji, Asuka, Rei e gli altri personaggi di Evangelion[124]. In Petit Eva è rappresentato come un personaggio meno negativo e come un padre tranquillo e rigoroso; tende a comportarsi come se avesse una cotta per Ritsuko ma ama comunque sua moglie, con la quale ha un buon rapporto e verso la quale si comporta in modo onesto e innocente[125].

Ulteriori differenze nella caratterizzazione e nello sviluppo del personaggio vengono introdotte nella versione cartacea, scritta e illustrata da Yoshiyuki Sadamoto, già character designer della serie animata. L'artista ha tentato di raffigurarlo in maniera più equilibrata rispetto al Gendō di Hideaki Anno; pur mettendolo comunque in una luce negativa, Sadamoto ha cercato di spiegare meglio i motivi dell'attrazione di Yui nei suoi riguardi, mettendo in maggior risalto la sua caparbietà e rappresentando invece Fuyutsuki come un tipo ribelle[126]. Nel manga lascia il figlio nelle mani degli zii, laddove nella serie non viene rivelata l'identità del tutore a cui affida Shinji[127]. Se nella serie fa impiantare l'embrione di Adam nel palmo della mano destra, nella versione di Sadamoto lo inghiotte interamente[128], sviluppando così la capacità di estendere un AT Field, campo di forza direzionale caratteristico degli angeli e degli Evangelion[129][130]. A differenza della serie originale, inoltre, lo scontro con l'angelo Bardiel, in cui Gendō ordina di attaccare l'Unità 03 di Tōji Suzuhara, ha come risoluzione il decesso del ragazzo[131]. Anche dopo la morte di Tōji l'uomo non prova rimorsi; il suo atteggiamento suscita l'ira di suo figlio, che cerca di prenderlo a pugni[132]. Durante un attacco delle Forze di autodifesa riesce a salvare Shinji[133], dicendogli di aver provato grande gelosia nei suoi confronti fin dalla nascita, perché improvvisamente centro delle attenzioni e dell'affetto della moglie[134]. Come nel lungometraggio The End of Evangelion spara alla dottoressa Akagi, dicendole le parole «Io l'ho amata»[135] e venendo a sua volta assassinato dalla dottoressa con un colpo di pistola alla gola[136].

Rebuild of EvangelionModifica

Nel lungometraggio Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance, secondo capitolo della tetralogia Rebuil of Evangelion, il suo rapporto con il figlio appare migliore rispetto all'anime e al manga originali[137]. Nelle sequenze iniziali del lungometraggio i due si recano in visita alla tomba di Yui, nonostante le difficoltà di comunicazione. Da quel momento in poi padre e figlio incominciano a comunicare in maniera più sincera i propri sentimenti e a passare più tempo insieme[138][139], costruendo un rapporto più affettuoso della controparte animata[140]. Shinji, in particolare, comincia a entrare in contatto con il genitore grazie alla spinta e agli incoraggiamenti di Misato Katsuragi e, in misura ancora maggiore, di Rei Ayanami[141], che cerca di far avvicinare i due preparando loro una cena[142]. In origine Anno pensò di usare un'idea simile per il quarto episodio della serie televisiva, ma la proposta fu accantonata in fase di produzione[143]. Nel capitolo seguente, Evangelion: 3.0 You Can (Not) Redo, ambientato a distanza di quattordici anni dal precedente, Gendō continua a perseguire il Perfezionamento in qualità di comandante della Nerv, apparentemente ridotta al vicecomandante Fuyutsuki e a Kaworu Nagisa[144]. L'uomo presenta inoltre un aspetto più attempato rispetto alla serie classica[145]. Nel corso del lungometraggio Gendō entra in conflitto con la Wille, società capitanata da Misato Katsuragi nata per distruggere la Nerv, e ordina a Shinji di pilotare l'Eva 13, mantenendo lo stesso atteggiamento distaccato di quattordici anni prima[146]. Nel capitolo conclusivo, Evangelion: 3.0+1.0 Thrice Upon a Time, Gendō, inniettato un oggetto chiamato Chiave di Nabucodonosor nel proprio corpo, riesce a trascendere l'umanità ed entra nell'Eva-13 per dare avvio al Perfezionamento dell'Uomo, realizzare il deicidio e l'Additional Impact. Durante il processo egli combatte con l'Eva-01 e Shinji al suo interno. L'Unità 01 e o 13, da Gendō rispettivamente definite unità della speranza e della disperazione, sono però sintonizzate e sincronizzate fra loro; Shinji, non riuscendo a prevalere nello scontro, decide dunque di discutere con il genitore invece di usare la forza e la violenza. Ikari parla al figlio rivelandogli la sua giovinezza di ragazzo solitario, appassionato di piano e poco socievole fino all'incontro con la futura moglie. Viene rivelato che per lungo tempo ha avuto un collegamento con Mari, e a fine processo risolve la sua sofferenza[147], abbracciando Shinji e chiedendogli perdono per gli sbagli fatti. L'Eva-01 e l'Eva-13 si inflizano con delle lance, e Gendō e Yui si sacrificano per permettere al figlio di continuare a vivere, riunendosi per un'ultima volta.

Negli utimi due capitoli del Rebuild Gendō indossa degli occhiali diversi, i quali gli coprono completamente le orbite oculari. L'idea degli occhiali venne a Mahiro Maeda, che volle dare l'impressione che il comandante stesse cadendo nell'oscurità. Maeda, considerando gli occhi come lo specchio dell'anima di un individuo, volle che il personaggio non avesse più prospettive umane. Egli durante la produzione proiettò inoltre Gendō su Anno, chiedendosi come fosse stata l'infanzia del regista[148]. Anche Megumi Hayashibara, doppiatrice di Rei Ayanami, dichiarò qualcosa di simile, ritrovando il regista a volte nel personaggio di Gendō e a volte in quello di Shinji[149]. Lo stesso regista disse in fase di realizzazione di non sentirsi più vicino a Shinji come una volta, identificandosi maggiormente nel comandante Ikari[150]. All'inizio della produzione l'assistente alla regia Kazuya Tsurumaki istruì il mecha designer Ikuto Yamashita chiedendogli di creare uno scenario in cui padre e figlio si sarebbero scontrati per l'eternità, anche dopo aver perduto i propri corpi[151].

Riferimenti culturali e interpretazioniModifica

«Scacciato dal paradiso terrestre il genere umano non ha potuto che rifugiarsi nel mondo terreno, permeato dalla morte. Il più debole degli esseri viventi, l'uomo, ha creato quindi, con la conoscenza acquisita a causa della sua stessa debolezza, un paradiso terrestre suo proprio»

(Gendō, Neon Genesis Evangelion, episodio 17)

Secondo il critico culturale Hiroki Azuma l'uniforme del personaggio costituisce un omaggio alla serie La corazzata Yamato di Leiji Matsumoto[152]. Screenweek.it ha paragonato la sua posa a mani congiunte a quella di Gargoyle, antagonista di Nadia - Il mistero della pietra azzurra, la precedente opera dello studio Gainax[153]. Lo scrittore Andrea Fontana invece ha paragonato l'«edipicità» della serie ad altre opere del genere mecha, come quelle del regista Yoshiyuki Tomino[154]. Anche il motto di Gendō, «Le lancette dell'orologio non possono tornare indietro», è simile a una frase di un'opera precedente della Gainax, cioè «Se l'acqua traboccata si potesse versare di nuovo» di Punta al Top! Gunbuster[155]. Il critico giapponese Akio Nagatomi lo ha paragonato a Kōichirō Ōta, detto "Coach", e suo figlio Shinji a Noriko di Gunbuster[156]. Secondo alcune interpretazioni inoltre il personaggio di Gendō sarebbe un riflesso di Shinji[157] e rappresenterebbe il concetto di paternalismo[24][158]. La Nerv è stata interpretata dai critici come una società di stampo patriarcale[159][160], comandata da un uomo austero e dittatoriale che impartisce ordini indiscutibili, lontano dal proprio stesso figlio[161][162]. Viene lasciato alla sensibilità dello spettatore decidere se la serie sostenga il modello maschilista o se invece ne faccia una critica, cercando di confutare l'intrinseco valore di una visione simile[163][164]. Il suo atteggiamento egocentrico è stato associato dallo psichiatra giapponese Kōji Mizobe al disturbo narcisistico di personalità[165]. Alexander Greco di Fifthy Wall Renaissance ha associato Shinji all'Individuo o Io, Rei al concetto psicologico di Anima e Gendō alla Società, all'Autorità e al Super-io[166]. La scrittrice statunitense Susan J. Napier, notando come gli angeli siano «esplitcitamente associati» a Gendō nel corso della serie, ha interpretato i nemici come delle figure paterne[160]. Lo stesso Hideaki Anno ha descritto Gendō come una metafora del «sistema» e dei limiti imposti dalla società; il regista ha intenzionalmente rappresentato il comandante Ikari e gli angeli come delle entità «amorfe», perché per lui la società e il concetto di nemico sono indefiniti[13]. Lo scrittore Mark MacWilliams ha descritto la serie come «un ritratto della solitudine infantile di una società distrutta in cui il padre lavora sempre», confrontando tale rappresentazione con il contesto familiare giapponese e i bambini cresciuti negli anni novanta prima del collasso della bolla speculativa[167]. Jonny Lobo di Anime News Network ha paragonato il conflitto fra Shinji e Gendō al mondo presentato dall'OVA Megazone 23, ove le figure genitoriali sono quasi del tutto assenti; secondo lui però in Megazone il protagonista Shogo Yahagi si ribella verso il governo, esecutore de facto del patriarcato, piuttosto che verso un singolo individuo come Gendō[168].

Gendō è stato associato a figure e concetti religiosi e mitologici, come il Dio Padre della Trinità cristiana, la leggenda di Edipo e quella di Pandora della mitologia greca

In una bozza del ventiquattresimo episodio della serie, scritta dallo sceneggiatore Akio Satsukawa e poi accantonata in fase di produzione, il personaggio di Kaworu Nagisa avrebbe paragonato il comandante Ikari a Paul, protagonista dell'opera Die tote Stadt di Erich Wolfgang Korngold. Paul nell'opera originale di Korngold si rinchiude nella propria casa dopo la perdita di sua moglie Marie, costruendo un "Tempio di ciò che è stato" con i suoi oggetti; l'uomo incontra una giovane simile alla defunta consorte, una ballerina chiamata Marietta, e se ne innamora. La base della Nerv dunque sarebbe stata paragonata a un "Tempio di ciò che è stato" del comandante Ikari[169]. Nella versione director's cut della puntata, inoltre, la Seele sostiene che il Perfezionamento di Gendō sia in qualche modo assimilabile al mito del vaso di Pandora. In fondo all'omonimo vaso, come nell'antico mito greco, che il comandante Ikari apre in chiave metaforica provocando un'incontrollabile catastrofe e liberando tutti i mali del mondo, rimane la speranza[170].

Gendō è protagonista di alcuni dialoghi sulla religione e sul valore della scienza, tematica già presente in altre opere di Hideaki Anno[171][172]. Nel dodicesimo episodio della serie, ad esempio, discute al polo sud con il vicecomandante Fuyutsuki sulle implicazioni filosofiche del Second Impact, sostenendo che «la scienza è la forza dell'uomo» e che l'Antartide, completamente sciolta e priva di vita, è «un mondo purificato dal peccato originale»[173][174]. Lo scrittore Gerald Alva Miller ha descritto il suo Perfezionamento come un tentativo di «ritorno alla beatitudine edenica»[175]. Secondo il libro Neon Genesis Evangelion: The Unofficial Guide, scritto da Kazuhisa Fujie e Martin Foster, una diversa scrittura del vocabolo Gendō (言動?) è traducibile con l'espressione italiana "condotta", "parole e comportamento". Tale particolare, assieme al nome di suo figlio Shinji, foneticamente simile al vocabolo shinjin (しんじん o 神人? lett. "Dio e uomo"), epiteto giapponese di Gesù Cristo, e quello di Rei Ayanami, che in kanji può essere reso come "spirito", "anima" ( rei?), potrebbe collegarsi alla trinità cristiana e al concetto filosofico di "Verbo", o "Parola", che nell'ottica di Evangelion pare diventare un attributo del Dio Padre. In tale ottica Rei rappresenterebbe lo Spirito Santo, Shinji il Dio Figlio e Gendō il Dio Padre, in riferimento ai primi versi del vangelo secondo Giovanni: «Nel principio era la Parola, la Parola era con Dio, e la Parola era Dio» (Giovanni 1:1[176])[177]. La studiosa Mariana Ortega ha paragonato Yui a una Madonna che allatta Shinji e che lo protegge da Gendō, da lei associato alla figura gnostica del demiurgo[178]. Per la critica giapponese Kotani Mari invece Gendō sembra assumere i connotati dell'Essere Supremo dello gnosticismo, detto anche Monade[159]. Egli è stato paragonato inoltre a Satana, antagonista di Devilman; a differenza della Seele, che segue un piano basato sulla fede nelle Pergamene del Mar Morto, Gendō vuole diventare lui stesso una divinità, come un angelo caduto che si ribella nei confronti di Dio[179].

Gendō nel corso della serie diventa oggetto di desiderio sessuale della dottoressa Naoko Akagi e, allo stesso tempo, di sua figlia Ritsuko, in una moderna rivisitazione del complesso di Elettra[180]. Nella pellicola The End of Evangelion egli spara all'ex amante, Ritsuko Akagi, dicendole: «Dottoressa Akagi, in realtà..». L'ultima parte della battuta fu resa muta, lasciando alla sensibilità dello spettatore immaginare le parole mancanti; secondo l'interpretazione di alcuni appassionati Ikari direbbe «Ho bisogno di te» o «Ho avuto bisogno di te», in riferimento a I need you, titolo della seconda metà del lungometraggio[181]. Ulteriore riferimento alla psicoanalisi è individuabile nel suo rapporto con Rei Ayanami: l'uomo è infatti vicino alla ragazza, clone della sua defunta moglie, e vive un rapporto teso con suo figlio[182]. Evangelion è pertanto interpretabile come una rivisitazione della leggenda di Edipo e come una storia incentrata sul complesso di Edipo postulato da Sigmund Freud[183]. Anno ha paragonato l'ideologia dietro Evangelion a quella del romanzo Ai to gensō no fascism di Ryū Murakami. Il protagonista del romanzo, Tōji Suzuhara, tenta di uccidere il primo ministro giapponese, che trova simile a suo padre, e secondo il regista egli viola anche la propria madre, che in Ai to gensō no fascism è lo stesso Giappone[184]. Anche Evangelion si incentra sul complesso edipico, e la rivalità fra Gendō e suo figlio si risolve nell'ultimo episodio[185]:

(JA)

«ロボット-ということで置き換えることはしたけれど、オリジナルな母はロボットで、同年代の母親として綾波レイが横にいる。実際の父親も横にいる。全体の流れを司るアダムがもう一人の父としてそこにいるんです。そういう多重構造の中でのエディプス・コンプレックスなんですよ。やりたいのはそこだった。»

(IT)

«C'è stata una specie di sostituzione da parte di un robot [chiamato Eva], così la vera madre [di Shinji] è diventata un robot, ma al suo fianco c'è anche una figura materna che ha la sua stessa età, Rei Ayanami. [Rei è] anche dalla parte del vero padre [Gendō]. C'è anche un altro padre, Adam, che gestisce il corso generale di questi eventi. Volevo che tutti questi collegamenti creassero un complesso di Edipo a più livelli.»

(Hideaki Anno[184])

AccoglienzaModifica

Dopo la conclusione della serie Gendō si posizionò sedicesimo fra i personaggi maschili più popolari del momento nell'Anime Grand Prix del 1996, un grande sondaggio condotto annualmente dalla rivista giapponese Animage[186]. L'anno successivo nello stesso sondaggio salì al quattordicesimo posto, diventando il quarto personaggio maschile più popolare di Neon Genesis Evangelion[187]. Nel febbraio del 1998 la rivista lo piazzò al sessantacinquesimo posto fra i cento personaggi più popolari[188]. Nel 2013 il sito web Biglobe chiese a circa quindicimila utenti quale personaggio maschile avrebbero voluto come fidanzato, occasione in cui il personaggio di Gendō emerse al 43º posto[189]. Un risultato simile si ebbe nel 2015, anno in cui il sito Charapedia domandò quale fosse il personaggio barbuto più attraente dell'animazione giapponese, indagine in cui riuscì a conquistare l'ottava posizione[190]. Anche Anime News Network pose un sondaggio analogo, in cui Gendō apparve all'undicesimo posto[191].

Anche il sito Goo Ranking ebbe modo di sottolineare la ricezione del personaggio in dei ondaggi di popolarità. Nel 2016 Gendō riuscì a emergere al tredicesimo posto in un'indagine sui "personaggi maschili attempati più attraenti"[192]. Nel mese di ottobre dello stesso anno risultò il terzo padre più odiato dell'animazione giapponese dagli utenti dello stesso sito[193]. In sondaggi seguenti invece riuscì a conquistare l'ottavo posto fra i "migliori personaggi istruiti o laureati"[194], il ventitreesimo fra i più attraenti uomini sposati dell'animazione nipponica[195], trentesimo fra i migliori personaggi "dallo sguardo di ghiaccio"[196] e tredicesimo fra i padri più attraenti dell'animazione giapponese[197]. Nel mese di luglio 2019 il quotidiano giapponese Merumo invece ha pubblicato i risultati di un sondaggio rivolto esclusivamente al pubblico femminile in cui è emerso ottavo fra i personaggi maschili preferiti della serie[198]. Nel 2020 NHK ha chiesto a un largo numero di fan di Eva quale fosse il loro personaggio preferito della serie, e Gendō ha guadagnato il decimo posto[199].

CriticaModifica

In Giappone, a essere onesti, non ho visto molti fan di Gendō Ikari. Molti appassionati dicono che è troppo severo con Shinji e che trasuda l'aria di un padre duro, tradizionale e chiuso. Gendō, in realtà, avrebbe dovuto essere un padre tenace, un padre che avrebbe dovuto avere un'influenza positiva su Shinji, così da farlo crescere più forte e sicuro di sé. Io penso che molti padri giapponesi si siano "infiacchiti" rispetto al passato. Perciò abbiamo deciso di rappresentare Gendō come un padre sicuro di sé.
Kazuya Tsurumaki, assistente alla regia della serie[200]

Il personaggio di Gendō ha suscitato dei pareri negativi da parte dei critici e degli appassionati di animazione, i quali lo hanno descritto come egoista e spietato[201][202]. Il sito web Otaku Vines lo ha inserito al sesto posto fra i personaggi più odiati dell'animazione nipponica, arrivando a descriverlo come «il padre peggiore della storia degli anime» e a paragonarlo soltanto a Shou Tucker di Fullmetal Alchemist[203]. La testata Wired lo ha nominato fra i "peggiori parenti delle serie tv", chiamandolo «il padre più mostruoso di sempre»[204]. Tim Jones del sito web T.H.E.M. Anime Reviews l'ha descritto come un uomo «raccapricciante», spaventoso, afflitto da un «complesso di Dio» e poco gradevole[205]. Analogo parere è stato espresso dalla testata Buho Magazine, che lo ha inserito fra i padri «più infami» della storia della fiction[206]. Screen Rant[207][208] e alcuni scrittori di Comic Book Resources[209][210] lo hanno inserito fra i personaggi meno gradevoli della serie, criticandone i modi abusivi. Zac Bertschy, recensore di Anime News Network, ha in più occasioni criticato l'atteggiamento manipolatorio ed egocentrico del personaggio, definendolo «un grande cretino»[211] e difendendo di conseguenza suo figlio Shinji, a suo dire ingiustamente criticato dagli appassionati di essere «vigliacco» o «rammollito»[212]. Lo stesso Bertschy ne ha elogiato il realismo della caratterizzazione, nominandolo fra gli antagonisti più memorabili della storia dell'animazione giapponese: «Gendō Ikari è il padre peggiore che si possa immaginare, e, di conseguenza, il più memorabile antagonista di sempre. Lo dice la scienza. Non le faccio io le regole»[213]. Jacob Buchalter del sito CBR l'ha inserito al secondo posto fra i peggiori personaggi degli anime shōnen[214]. Il suo collega Michael Iacono, di contro, l'ha nominato, «per la sua diabolica brillantezza, il suo atteggiamento radicale e il suo carattere profondamente imperfetto», fra i migliori antagonisti della storia degli anime[215].

 
Cosplayer nei panni di Gendō

Lynzee Loveridge di Anime News Network ha definito il suo tradimento e le sue azioni nella pellicola The End of Evangelion «scioccanti», inserendole fra otto tradimenti che hanno traumatizzato il pubblico di appassionati di animazione[216]. Tasha Robinson di Sci Fi Weekly è rimasto parzialmente deluso dal finale della serie, a suo dire reo di non aver esplorato a pieno le motivazioni o le abilità di Gendō[217]. Anche Kenneth Lee di Anime News Network ha espresso un parere simile. Lee ha notato come Shinji, disposto a morire durante la lotta contro l'Eva-04, abbia una determinazione simile a quella di suo padre Gendō, dicendo che «è alquanto eccitante e interessante vedere così tanti possibili parallelismi fra i personaggi», che però «rimangono inconcludenti», criticando la serie per aver lasciato «un mucchio di supposizioni a cui non verrà mai data una risposta»[218]. Richard Eisenbeis di Kotaku ha apprezzato gli sviluppi e gli approfondimenti sul passato di Gendō introdotti nella versione cartacea di Sadamoto, a sua detta più «chiari» e interessanti della serie originale[219]. Fa eco Carlos Santos di Anime News Network, che ha invece elogiato i cambiamenti presenti nello spin-off The Shinji Ikari Raising Project. Il manga, secondo Santos, con i suoi momenti comici e i background meno cupi e «contorti» della serie animata, riuscirebbe a offrire un'immagine di Gendō più serena e godibile, «come un qualsiasi padre sfortunato che riesce a strappare al lettore qualche risata»[220].

Anche il suo ruolo nel Rebuild of Evangelion ha attirato critiche ed elogi da parte dei recensori. La testata online Visual Nippon ad esempio ha apprezzato lo sviluppo del suo rapporto con Shinji in Evangelion 2.0, più «sincero» e «genuino» della «rigida» controparte animata, e gli sforzi del comandante Ikari di avvicinarsi al figlio[137]. Justin Sevakis invece ha elogiato la scena iniziale della pellicola, in cui visita la tomba di Yui assieme a Shinji, dicendo: «Qui c'è un calore, una sensazione di affetto che non era così presente nella [serie] originale»[140]. Angelo Delos Trinos di Comic Book Resources, dal canto suo, ha criticato il suo ruolo nel Rebuild, ritenendo il personaggio eccessivamente potente[221]. Il sito web The Vault ha espresso alcuni commenti negativi per i bruschi cambiamenti del lungometraggio seguente, Evangelion 3.0, scrivendo che: «Gendō è ancora una palla al piede, e, a differenza della serie originale, tre lungometraggi non sembrano essere sufficienti per spiegarne il motivo»[222]. La rivista Anime Reign ha descritto negativamente il nuovo ruolo del personaggio, definendolo «poco sviluppato» e in ombra[223]. Opinione diametralmente opposta è stata espressa da Nicoletta Christina Browne di Them Anime Reviews; Browne, in particolare, ha dichiarato di aver apprezzato molto il «dinamismo» della lotta fra il «genio egoista» di Gendō e i suoi ex sottoposti della Wille, trovandola «perfettamente in linea con lo spirito del franchise»[224]. Diversi recensori hanno espresso parole di elogio per il suo ruolo nell'ultimo capitolo della saga, 3.0+1.0 Thrice Upon A Time[225][226], nel quale a fine lungometraggio vengono analizzate le motivazioni dell'uomo e la sua psicologia[227][228], nonché il suo rapporto con Shinji[229]. Secondo il sito Fumettologica, per esempio, con la pellicola conclusiva Gendō assumerebbe «una profondità e una sensibilità psicologica inaspettate»[230]. Giuseppe Arace di Everyeye.it ha lodato la tempra morale del personaggio, che secondo lui conoscerebbe «un approfondimento illuminante»[231], mentre per Andrea Peduzzi di IGN diventa «una delle figure più interessanti della tetralogia»[232]. Per Andrea Vitagliano di Tomshw.it il lungometraggio riuscirebbe finalmente a mostrare la sua complessità e a mostrarne una conclusione, da lui giudicata «ben più soddisfacente della (semplice) fine fatta in The End of Evangelion»[233]. Parere simile è stato dato da Animeclick.it, che elogia la conclusione di Gendō come un esempio di «una chiusura diversa ma per alcuni splendida e raccontata con grande cura e dolcezza», dal momento che «finalmente vediamo [Gendō] nella sua umanità, fuori dalla macchietta rigida di padre snaturato che il tempo e i meme gli hanno costruito addosso»[234].

Influenza culturale e merchandisingModifica

Il personaggio di Gendō è stato usato per produrre una vasta gamma di articoli di merchandising, come occhiali da sole e da vista[235], action figure[236], modellini collezionabili[237], magliette[238], prodotti culinari[239] e riproduzioni dei suoi indumenti per cosplay[240]. Gendō, oltre che nei vari videogiochi e spin-off tratti dalla serie animata originale, è apparso in alcuni media non appartenenti al franchise di Evangelion, come nei videogiochi della saga Million Arthur[241], Monster Strike[242] e Puzzle & Dragons[243]. Il personaggio è stato usato anche per alcune campagne pubblicitarie della Japanese Racing Association[244] e per delle pubblicità dell'azienda di rasoi Schick, collaborazione che riuscì ad attirare attenzione fra gli appassionati di animazione[245] e fu rinnovata anche dopo anni dal primo video pubblicitario. Nel 2011 invece ha ispirato una attrazione allestita nel parco di divertimenti giapponese Fuji-Q Highland[246]. Nel 2015 è stato usato assieme ad altri personaggi della serie per delle funzionalità del 500 Type Eva, un treno ad alta velocità dedicato a Evangelion[247]. Diversi personaggi noti lo hanno omaggiato facendone un cosplay, come Minoru Takashita, presidente della società AnimeJapan[248], Takashi Kawamura, sindaco di Nagoya[249] e l'economista Takkaki Mitsuhashi, che nel 2010 fondò un Partito Cosplay per le elezioni della Camera dei consiglieri del Giappone[250]. Il personaggio di Gendō ha inoltre ispirato la posa di un personaggio che compare nel filmato iniziale del videogioco Evil Factory sviluppato dalla Neople[251].

Secondo Ricardo Contreras di Vice la sua immagine e il suo volto austero hanno raggiunto una tale notorietà da raggiungere anche il pubblico di non appassionati di animazione, divenendo «uno dei personaggi animati più facilmente riconoscibili della rete»[252]. Sul web viene spesso associato all'ironica frase «Get in the fucking robot, Shinji» (lett. "Sali sul cazzo di robot, Shinji"), anch'essa virale. La frase è diventata un meme di internet ed è stata usata per degli articoli di merchandise dedicati alla serie[253][254]. Nel corso degli anni la sua caratteristica posa con mani congiunte all'altezza del viso, ribattezzata dagli stessi appassionati Gendō pose, ha raggiunto popolarità, venendo citata, omaggiata e parodiata in delle serie animate seguenti, come da Taizo Haisegawa in Gintama, anch'esso doppiato da Fumihiko Tachiki[255], Voltron: Legendary Defender[256], dal personaggio di Stella di Rose Guns Days[257], da Nifuji Hirotaka di Wotakoi - L'amore è complicato per gli otaku[258][259] e da Hayato in un episodio cross-over ufficiale fra Evangelion e Shinkansen henkei robo Shinkalion[260]. Adam Beach di Screen Rant invece ha notato come l'ufficio di Ragyō Kiryūin di Kill la Kill sia simile a quello di Gendō[261]. Secondo Outcast.it, inoltre, dei suoi tratti caratteriali possono essere ritrovati in Holland Novak di Eureka Seven[262].

NoteModifica

  1. ^ Evangelion su Netflix: si alza il sipario sul nuovo doppiaggio!, in AnimeClick.it, 21 giugno 2019. URL consultato il 22 giugno 2019 (archiviato il 7 luglio 2019).
  2. ^ Filmbook, vol. 5, p. 4.
  3. ^ Sony Magazines, vol. 2, pp. 24-25.
  4. ^ Filmbook, vol. 8, p. 4.
  5. ^ (JA) Hideaki Anno, Essay, su gainax.co.jp, Gainax. URL consultato l'11 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2007).
  6. ^ Dall'intervista a Yoshiyuki Sadamoto in (JA) Der Mond: Newtype Illustrated Collection - Limited Edition, Kadokawa Shoten, 1999, ISBN 4-04-853048-8.
  7. ^ Intervista a Yoshiyuki Sadamoto, su dummy-system.com, 11 luglio 2013. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 ottobre 2018).
  8. ^ Filmbook, vol. 1, p. 34.
  9. ^ Sony Magazines, vol. 24, pp. 25-26.
  10. ^ (EN) Japan Edge: The Insider's Guide to Japanese Pop Subculture (PDF), Viz Media, 1999, ISBN 156931-345-8. URL consultato il 12 marzo 2021 (archiviato il 21 novembre 2019).
    «[Anno] comunica con un diverso aspetto della sua personalità attraverso ogni personaggio, a partire dal suo "figlio" vile e codardo, Shinji, [...] fino al misterioso e dittatoriale "padre", Gendo, a cui si diceva che il regista assomigliasse mentre la produzione della serie si avvicinava alla sua devastante conclusione.»
  11. ^ Khara, pp. 323-351.
  12. ^ (JA) EVA SPECIAL TALK with 庵野秀明+上野俊哉, in Newtype, Kadokawa Shoten, novembre 1997.
  13. ^ a b Sanenari, pp. 79-80.
  14. ^ (EN) Animerica Spotlight: Neon Genesis Evangelion, in Animerica, vol. 10, n. 7, luglio 2002.
    «Eva sembra contenere una miriade di simboli personali. Si dice che la tormentata relazione fra Shinji e il suo distante e manipolatore padre sia basata sull'infanzia di Anno.»
  15. ^ (EN) Resurfaced Interview Sees Evangelion Creator Reveal His Father's Abusive Ways, su comicbook.com, 17 settembre 2019. URL consultato il 29 settembre 2019 (archiviato il 29 settembre 2019).
  16. ^ (EN) Carl Gustav Horn, FLCL is the formula, su pulp-mag.com. URL consultato il 12 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2006).
  17. ^ (JA) Ikari Gendoh, in 新世紀エヴァンゲリオンPHOTO FILE Eve, Kadokawa Shoten, aprile 1996, p. 64, ISBN 4-04-852661-8.
  18. ^ Sony Magazines, vol. 16, p. 28.
  19. ^ Kadokawa, p. 87.
  20. ^ Sony Magazines, vol. 18, pp. 25-26.
  21. ^ Sony Magazines, vol. 19, pp. 25-26.
  22. ^ Sony Magazines, vol. 20, pp. 25-26.
  23. ^ Kentaro, p. 140.
  24. ^ a b c d e (JA) ヱヴァンゲリヲン新劇場版:Q 記録集, 17 novembre 2012, pp. 62-63.
  25. ^ Neon Genesis Evangelion, su antoniogenna.net, Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 3 luglio 2021 (archiviato il 3 luglio 2021).
  26. ^ Antonio Genna, Neon Genesis Evangelion: Death and Rebirth, su antoniogenna.net, Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 28 dicembre 2013 (archiviato il 4 marzo 2016).
  27. ^ Antonio Genna, Neon Genesis Evangelion: The End Of Evangelion, su antoniogenna.net, Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 28 dicembre 2013 (archiviato il 4 marzo 2016).
  28. ^ (JA) EVA新生!!, in Animedia, Gakken, ottobre 1997.
  29. ^ (JA) 鋼鉄のガールフレンド 2nd, su gainax.co.jp:80. URL consultato il 15 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2007).
  30. ^ (JA) 渚カヲル役の声優 石田彰さんへのアフレコインタビュー!, su broccoli.co.jp. URL consultato il 31 marzo 2017 (archiviato il 22 aprile 2016).
  31. ^ Antonio Genna, Evangelion: 1.01 You are (not) alone, su antoniogenna.net. URL consultato il 6 dicembre 2013 (archiviato il 15 ottobre 2013).
  32. ^ Antonio Genna, Evangelion: 2.0 You can (not) advance, su antoniogenna.net. URL consultato il 6 dicembre 2013 (archiviato il 15 ottobre 2013).
  33. ^ (JA) Gainax (a cura di), 出演者コメント, in Death & Rebirth Program Book, 1997.
  34. ^ Gainax, 声ノ出演.
  35. ^ Khara 2021, pp. 52-53.
  36. ^ Dynit presenta: Evangelion - The Feature Film Limited Edition 2 DVD, su animeclick.it. URL consultato il 31 marzo 2017 (archiviato il 4 aprile 2017).
  37. ^ Massimo Corvo, su antoniogenna.net. URL consultato il 31 marzo 2017 (archiviato l'11 febbraio 2017).
  38. ^ (EN) Charles Solomon, Anime Series Draws on a World of Alienation, su articles.latimes.com, Los Angeles Times. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 5 marzo 2016).
  39. ^ (EN) Tristan MacAvery, su crystalacids.com. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 6 aprile 2016).
  40. ^ (EN) From Golden Boy to Made in Abyss, Introducing John Swasey!, su derpycon.com. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 febbraio 2020).
  41. ^ (EN) Otakon Highlights - Evangelion Voice Actors - Aug. 7, 1998, su fansview.com. URL consultato il 29 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  42. ^ (EN) Gendo Ikari, su behindthevoiceactors.com. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 ottobre 2018).
  43. ^ (EN) Humberto Solorzano, su behindthevoiceactors.com. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 ottobre 2018).
  44. ^ (RU) Neon Genesis Evangelion: The End of Evangelion, su ru.namikoi.com. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 ottobre 2018).
  45. ^ (DE) Synchronsprecher der deutschen Fassung des Animes „One Punch Man“ bekannt, su japaniac.de, 3 febbraio 2017. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 25 marzo 2021).
  46. ^ (FR) Gerard Rouzier, su doublanim.fr. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 28 ottobre 2018).
  47. ^ (EN) Neon Genesis Evangelion Gold Edition, su nippon-actu.fr, 17 maggio 2018. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2018).
  48. ^ (EN) Netflix Reveals Neon Genesis Evangelion's New English Dub Cast, su comicbook.com, 21 giugno 2019. URL consultato il 29 settembre 2019 (archiviato il 29 settembre 2019).
  49. ^ (ES) ¡Evangelion ya llegó a Netflix!… pero los fans no están muy contentos, su atomix.vg, 21 giugno 2019. URL consultato il 29 settembre 2019 (archiviato il 21 settembre 2019).
  50. ^ (DE) »Neon Genesis Evangelion« ab sofort mit neuer Synchronisation bei Netflix, su anime2you.de, 21 giugno 2019. URL consultato il 29 settembre 2019 (archiviato il 29 settembre 2019).
  51. ^ Sony Magazines, vol. 27, p. 6.
  52. ^ Poggio, p. 76.
  53. ^ Cavallaro, p. 62.
  54. ^ Glénat 2009, p. 40.
  55. ^ Sony Magazines, vol. 1, p. 14.
  56. ^ (JA) Gainax (a cura di), 用語集, in Death & Rebirth Program Book (Special Edition), 1997.
  57. ^ Filmbook, vol. 1, p. 45.
  58. ^ Glénat 2010, p. 66.
  59. ^ Sony Magazines, vol. 28, pp. 9-10.
  60. ^ Filmbook, vol. 8, p. 27.
  61. ^ Sony Magazines, vol. 1, pp. 15-16.
  62. ^ (JA) Gainax (a cura di), 作品内年表, in Death & Rebirth Program Book, 1997.
  63. ^ Cavallaro, p. 64.
  64. ^ Glénat 2010, pp. 64-65.
  65. ^ Sony Magazines, vol. 2, pp. 13-14.
  66. ^ Glénat 2010, pp. 68-69.
  67. ^ Sony Magazines, vol. 2, p. 16.
  68. ^ Glénat 2010, pp. 44-45.
  69. ^ Sony Magazines, vol. 6, p. 6.
  70. ^ Glénat 2009, p. 83.
  71. ^ Sony Magazines, vol. 10, p. 16.
  72. ^ Glénat 2010, p. 81.
  73. ^ Glénat 2010, p. 100.
  74. ^ Glénat 2010, p. 90.
  75. ^ Sony Magazines, vol. 27, p. 8.
  76. ^ Cavallaro, p. 102.
  77. ^ Glénat 2010, pp. 10-11.
  78. ^ (EN) Miyako Graham, Anecdotes from Mr. Hideaki Anno, in Protoculture Addicts, n. 43, 1996, pp. 40-41.
  79. ^ Filmbook, vol. 6, p. 4.
  80. ^ Filmbook, vol. 1, p. 6.
  81. ^ (JA) Evangelion - Characters, su gainax.co.jp. URL consultato il 13 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2015).
  82. ^ a b Cast, in Evangelion New Collection, vol. 1, Panini Comis, marzo 2015.
  83. ^ Fujie, Foster, p. 82.
  84. ^ (EN) Spotlight: Evangelion, in Protoculture Additcs, n. 39, Protoculture Inc., marzo 1996, p. 20.
  85. ^ (EN) Characters, su gainax.co.jp. URL consultato il 24 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 1999).
  86. ^ Fujie, Foster, p. 172.
  87. ^ Filmbook, vol. 7, p. 4.
  88. ^ Glénat 2010, p. 25.
  89. ^ Filmbook, vol. 9, p. 4.
  90. ^ Glénat 2009, p. 25.
  91. ^ Filmbook, vol. 7, p. 70.
  92. ^ Glénat 2010, p. 27.
  93. ^ Glénat 2009, p. 29.
  94. ^ Sony Magazines, vol. 46, p. 6.
  95. ^ Glénat 2009, p. 48.
  96. ^ a b Glénat 2009, pp. 22-23.
  97. ^ a b Sony Magazines, vol. 6, pp. 7-8.
  98. ^ Glénat 2009, p. 27.
  99. ^ Glénat 2010, p. 31.
  100. ^ Filmbook, vol. 8, p. 36.
  101. ^ Filmbook, vol. 8, p. 33.
  102. ^ Filmbook, vol. 9, p. 42.
  103. ^ Sony Magazines, vol. 27, p. 15.
  104. ^ Glénat 2010, p. 29.
  105. ^ Filmbook, vol. 1, p. 74.
  106. ^ Glénat 2009, p. 9.
  107. ^ Glénat 2009, p. 13.
  108. ^ Sony Magazines, vol. 16, p. 16.
  109. ^ Poggio, p. 34.
  110. ^ Sony Magazines, vol. 44, p. 29.
  111. ^ (JA) 第45回 エヴァ雑記「第拾弐話 奇跡の価値は」, su style.fm. URL consultato il 31 ottobre 2018 (archiviato il 1º marzo 2021).
  112. ^ Sony Magazines, vol. 45, p. 11.
  113. ^ Poggio, p. 62.
  114. ^ Fujie, Foster, p. 22.
  115. ^ Glénat 2010, p. 96.
  116. ^ Gainax, Note.
  117. ^ (JA) 第62回 エヴァ雑記「第26話 まごころを、君に」, su style.fm. URL consultato il 7 giugno 2020 (archiviato il 10 ottobre 2018).
  118. ^ Miller, pp. 87-88.
  119. ^ Susan J. Napier, When the Machines Stop: Fantasy, Reality, and Terminal Identity in «Neon Genesis Evangelion» and «Serial Experiments Lain», in Science Fiction Studies, vol. 29, n. 3, Greencastle, SF-TH Inc., novembre 2002, pp. 426-427, ISSN 0091-7729 (WC · ACNP).
  120. ^ Platinum Booklets, Episode Commentaries, vol. 8.
  121. ^ (JA) 新世紀エヴァンゲリオン 碇シンジ育成計画 (1), su kadokawa.co.jp. URL consultato il 14 ottobre 2015 (archiviato l'11 agosto 2016).
  122. ^ (ES) Neon Genesis Evangelion: Girlfriend of Steel 2nd (PC), su gamesaffinity.com. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato il 29 ottobre 2018).
  123. ^ (EN) Different but not better, su thestar.com.my, 31 gennaio 2010. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2010).
  124. ^ (EN) Petit Eva Super-Deformed Series to Be Made into Video, su animenewsnetwork.com, 6 agosto 2007. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato il 25 maggio 2019).
  125. ^ Sony Magazines, vol. 36, p. 22.
  126. ^ Dall'intervista a Sadamoto e Tsurumaki uscita assieme all'ultimo capitolo.
  127. ^ (EN) Carl Gustav Horn, Gendo Ikari, in Neon Genesis Evangelion, vol. 10, Viz Media.
  128. ^ (EN) Carl Gustav Horn, Gendo Ikari, in Neon Genesis Evangelion, vol. 12, Viz Media.
  129. ^ Guide, p. 71.
  130. ^ Sony Magazines, vol. 40, p. 21.
  131. ^ Enrico Fornaroli, Chronicles, in Neon Genesis Evangelion, vol. 7, Panini Comis, ottobre 2015.
  132. ^ Guide, p. 85.
  133. ^ Guide, p. 87.
  134. ^ Guide, p. 45.
  135. ^ Manga di Neon Genesis Evangelion, capitolo 85.
  136. ^ Manga di Neon Genesis Evangelion, capitolo 88.
  137. ^ a b (EN) Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance [ヱヴァンゲリヲン新劇場版:破] - Anime Movie Review, su visualnippon.com. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2017).
  138. ^ (EN) Martin Theron, Evangelion 2.22: You Can (Not) Advance, su animenewsnetwork.com, 31 marzo 2011. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato il 15 giugno 2018).
  139. ^ (EN) Review for Evangelion: 2.22 You Can (Not) Advance, su myreviewer.com. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato il 2 agosto 2018).
  140. ^ a b (EN) Justin Sevakis, Evangelion: 2.0 You Can [Not] Advance, su animenewsnetwork.com, 24 novembre 2009. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato il 17 giugno 2018).
  141. ^ (EN) Nicoletta Christina Browne, Evangelion 2.0: You Can (Not) Advance, su themanime.org. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato il 2 agosto 2018).
  142. ^ (EN) Chris Beveridge, Neon Genesis Evangelion Movie 2.22 You Can [Not] Advance, su mania.com, 9 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2011).
  143. ^ Khara, pp. 352-385.
  144. ^ (EN) Evangelion 3.0: You Can (Not) Comprehend, su otakuusamagazine.com, 19 novembre 2012. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  145. ^ Dal filmbook ufficiale di You Can (Not) Advance, pagina 21.
  146. ^ (EN) Zac Bertschy, Evangelion 3.33: You Can (Not) Redo, su animenewsnetwork.com, 2 febbraio 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 29 settembre 2019).
  147. ^ Khara 2021, pp. 28-30.
  148. ^ Khara 2021, pp. 66-69.
  149. ^ Khara 2021, pp. 22-24.
  150. ^ (JA) 「庵野さん、卒業おめでとう」緒方恵美が振り返る、庵野秀明と碇シンジとの25年, su moviewalker.jp, Movie Walker, 23 marzo 2021. URL consultato il 19 ottobre 2021 (archiviato il 19 ottobre 2021).
  151. ^ (JA) Ikuto Yamashita, 山下いくと@エヴァンゲリオンANIMA全5巻, su Twitter. URL consultato il 22 ottobre 2021 (archiviato il 27 agosto 2021).
  152. ^ (EN) Woznicki, Krystian, Towards a cartography of Japanese anime: Hideaki Anno's "Evangelion", in Blimp Film Magazine, n. 36, 1997, pp. 18-26. URL consultato il 9 novembre 2015 (archiviato il 23 ottobre 2013).
  153. ^ 7 cose che forse non sapevate su Nadia – Il mistero della pietra azzurra, su blog.screenweek.it, 5 febbraio 2020. URL consultato il 27 aprile 2020 (archiviato il 20 aprile 2020).
  154. ^ Andrea Fontana, Davide Tarò, Anime. Storia dell'animazione giapponese 1984-2007, Piombino, Il Foglio Letterario, 2007, p. 101, ISBN 978-88-7606-160-8.
  155. ^ Filmbook, vol. 8, p. 54.
  156. ^ (JA) Episode 8: Asuka Strikes!, su abcb.com, The Animé Café. URL consultato il 10 maggio 2021 (archiviato il 2 agosto 2018).
  157. ^ (EN) Brittanie Maldonado, Evangelion: 10 Things You Didn't Know About Shinji And Gendo's Relationship, su cbr.com, Comic Book Resources, 28 settembre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021 (archiviato l'11 ottobre 2021).
  158. ^ (JA) 第37回 エヴァ雑記「第四話 雨、逃げ出した後」, su style.fm. URL consultato il 28 ottobre 2018 (archiviato il 10 ottobre 2018).
  159. ^ a b (EN) Konati Mari, Evangelion as the Immaculate Virgin, in 聖母エヴァンゲリオン―A new millennialist perspective on the daughters of Eve, Magazine House, 1997, ISBN 483870917X.
  160. ^ a b (EN) Susan Jolliffe Napier, Anime. From Akira to Howl's Moving Castle, Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2005, p. 99, ISBN 1-4039-7052-1.
  161. ^ (EN) Wendy Haslem, Angela Ndalianis, Chris Mackie, Super/Heroes: From Hercules to Superman, New Academia Publishing, 2007, p. 121, ISBN 0-9777908-4-3.
  162. ^ (EN) Akiko Hashimoto, John W. Traphagan, Imagined Families, Lived Families: Culture and Kinship in Contemporary Japan, Suny Press, p. 42, ISBN 978-0-7914-7578-2.
  163. ^ Platinum Booklets, Episode Commentaries, vol. 1.
  164. ^ Poggio, p. 9.
  165. ^ (JA) Kōji Mizobe, 新世紀エヴァンゲリオンにみる思春期課題と精神障害 (PDF), in 地域支援心理研究センター紀要, n. 8, 追手門学院大学, 2011. URL consultato il 16 luglio 2020 (archiviato il 17 agosto 2018).
  166. ^ (EN) Alexander Greco, Analysis of Neon Genesis Evangelion, Episodes 1 & 2, su fifthwallrenaissance.com, Fifth Wall Renaissance, 20 giugno 2020. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato il 29 marzo 2021).
  167. ^ (EN) Mark Wheeler Macwilliams, Japanese Visual Culture: Explorations in the World of Manga and Anime, Armonk, M.E. Sharpe, 2008, p. 10, ISBN 0-7656-1601-7.
  168. ^ Jonny Lobo, Anno, Itano, and the Apocalypse: Intergenerational Struggle in Megazone 23 and Neon Genesis Evangelion, su animenewsnetwork.com, 3 maggio 2021. URL consultato il 10 maggio 2021 (archiviato l'11 maggio 2021).
  169. ^ (JA) 別冊JUNE, Magazine Magazine, settembre 1996.
  170. ^ Poggio, p. 72.
  171. ^ Poggio, p. 35.
  172. ^ Cannarsi, vol. 6, p. 16.
  173. ^ Cannarsi, vol. 6, pp. 28-29.
  174. ^ Filmbook, vol. 4, p. 54.
  175. ^ Miller, p. 86.
  176. ^ Giovanni 1:1, su laparola.net.
  177. ^ Fujie, Foster, p. 121.
  178. ^ (EN) Mariana Ortega, My Father, He Killed Me; My Mother, She Ate Me: Self, Desire, Engendering, and the Mother in «Neon Genesis Evangelion» (abstract), in Mechademia, 2:10, Minneapolis, University of Minnesota Press, 2007, p. 225, DOI:10.1353/mec.0.0010, ISSN 2152-6648 (WC · ACNP). URL consultato il 28 giugno 2013 (archiviato il 4 marzo 2016).
  179. ^ Cristiano Brignola e Francesco Tedeschi, Evangelion for Dummy (Plugs), Dynit Manga, 2020, p. 146, ISBN 978-8833551111.
  180. ^ Poggio, p. 47.
  181. ^ (EN) Laura Allan, Insane Fan Theories About The End of Evangelion, su ranker.com, 14 giugno 2019. URL consultato l'11 luglio 2020 (archiviato l'11 luglio 2020).
  182. ^ (EN) Justin Wu, Neon Genesis Evangelion: The Legacy of Rei Ayanami, su the-artifice.com, The Artifice, 11 luglio 2013. URL consultato il 23 novembre 2013 (archiviato il 18 marzo 2016).
  183. ^ Poggio, p. 93.
  184. ^ a b Sanenari, pp. 86-87.
  185. ^ (JA) Yuichiro Oguro, 第59回 エヴァ雑記「最終話 世界の中心でアイを叫んだけもの」, su style.fm. URL consultato il 31 ottobre 2018 (archiviato il 6 agosto 2020).
  186. ^ (JA) 第18回アニメグランプリ [1996年5月号], su animage.jp. URL consultato il 14 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).
  187. ^ (JA) 第19回アニメグランプリ [1997年6月号], su animage.jp. URL consultato il 12 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).
  188. ^ (JA) 明けましてパクト100, in Animage, Tokuma Shoten, febbraio 1998.
  189. ^ (EN) Male Otaku Names The Anime Heroes They Would Like to Have as a Boyfriend, su crunchyroll.com, 31 agosto 2013. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  190. ^ (EN) Fans Weigh In On "Most Attractive Anime Characters With Facial Hair", su crunchyroll.com, 14 agosto 2015. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  191. ^ (EN) 7 Anime for Grown-Up Romantics, su animenewsnetwork.com, 22 agosto 2015. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  192. ^ (JA) アニメ史上最も渋くてカッコいい「おじさん」キャラランキング 11位から20位, su ranking.goo.ne.jp, 1º ottobre 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  193. ^ (JA) 父親だったら絶対ヤダ!と思うアニメの父キャラランキング, su ranking.goo.ne.jp, 27 ottobre 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  194. ^ (JA) 知ってた?実は高学歴だった意外なアニメキャラランキング 1位から10位, su ranking.goo.ne.jp, 27 maggio 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  195. ^ (JA) 奥さんが羨ましい!最強の愛妻家キャラランキング 21位から27位, su ranking.goo.ne.jp, 25 settembre 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  196. ^ (JA) 冷たい視線が最高!イケメン無表情キャラランキング 21位から30位, su ranking.goo.ne.jp, 29 ottobre 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  197. ^ (JA) 最高にかっこいい!父キャラランキング 11位から18位, su ranking.goo.ne.jp, 21 agosto 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  198. ^ (JA) 女子が好きな『新世紀エヴァンゲリオン』キャラクターTOP3/ 1位はなんとあの脇役!, su news.merumo.ne.jp, 24 luglio 2019. URL consultato il 30 settembre 2019 (archiviato il 30 settembre 2019).
  199. ^ (JA) Ranking, su nhk.or.jp. URL consultato il 27 aprile 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  200. ^ (DE) Interview mit Tsurumaki Kazuya (Studio GAINAX), su tomodachi.de. URL consultato il 25 ottobre 2015 (archiviato il 3 settembre 2017).
  201. ^ (EN) Ajay Aravind, Neon Genesis Evangelion: 10 Times The Anime Went Too Far, su cbr.com, Comic Book Resources, 8 marzo 2021. URL consultato il 25 marzo 2021 (archiviato il 9 marzo 2021).
  202. ^ (EN) Top 10 Worst Parents in Anime, su watchmojo.com, WatchMojo. URL consultato il 25 marzo 2021 (archiviato il 25 marzo 2021).
  203. ^ (EN) Top 10 hated Anime by anime fans all over the world!, su otakuvines.org, 16 ottobre 2016. URL consultato il 7 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  204. ^ Samantha Bosco, I peggiori parenti delle serie tv, su wired.it, 2 gennaio 2018. URL consultato il 3 gennaio 2019 (archiviato il 3 aprile 2021).
  205. ^ (EN) Neon Genesis Evangelion, su themanime.org. URL consultato il 24 aprile 2017 (archiviato il 25 aprile 2017).
  206. ^ (ES) Los padres más cabrones de la ficción, su buhomag.elmundo.es, 19 marzo 2017. URL consultato il 18 luglio 2017 (archiviato il 18 luglio 2017).
  207. ^ (EN) Chris Shaddock, Neon Genesis Evangelion: Best & Worst Characters, Ranked, su screenrant.com, 19 gennaio 2021. URL consultato il 28 gennaio 2021 (archiviato il 1º febbraio 2021).
  208. ^ (EN) Ritwik Mitra, Neon Genesis Evangelion: The Main Characters, Ranked From Worst To Best By Character Arc, su screenrant.com, 16 gennaio 2021. URL consultato il 28 gennaio 2021 (archiviato il 7 febbraio 2021).
  209. ^ (EN) Ajay Aravind, Neon Genesis Evangelion: Every Main Character, Ranked By Likability, su cbr.com, 2 dicembre 2020. URL consultato il 28 gennaio 2021 (archiviato il 21 gennaio 2021).
  210. ^ (EN) Kristty Ambrose, 10 Anime Villains From The '90s That Would Not Work Today, su cbr.com, 10 gennaio 2021. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato il 13 febbraio 2021).
  211. ^ (EN) Zac Bertschy, Evangelion: 1.0 You Are [Not] Alone, su animenewsnetwork.com, 10 luglio 2008. URL consultato il 24 aprile 2017 (archiviato il 20 maggio 2019).
  212. ^ (EN) Zac Bertschy, "Get In The Robot, Shinji", su animenewsnetwork.com, 21 giugno 2019. URL consultato il 12 settembre 2019 (archiviato il 13 luglio 2019).
  213. ^ (EN) Your Most Memorable Anime Villain, su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 3 febbraio 2016. URL consultato il 24 aprile 2017 (archiviato il 4 luglio 2017).
  214. ^ (EN) Jacob Buchalter, The Top 10 Worst Shonen Characters Of All Time, Ranked, su cbr.com, 15 aprile 2020. URL consultato il 27 aprile 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  215. ^ (EN) 5 Of The Greatest Anime Villains Of All Time (& 5 Of The Lamest), su cbr.com, 13 febbraio 2020. URL consultato il 27 aprile 2020 (archiviato il 2 marzo 2020).
  216. ^ (EN) Lynzee Loveridge, 8 Shocking Betrayals Out of Left Field, su animenewsnetwork.com, 26 gennaio 2013. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 15 luglio 2017).
  217. ^ (EN) Tasha Robinson, Neon Genesis Evangelion 0:11-0:13, su scifi.com, Sci Fi Weekly, 21 settembre 1998. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2009).
  218. ^ (EN) Kenneth Lee, The Thin Veneer Known as "Evangelion", su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 9 settembre 1998. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato il 7 luglio 2017).
  219. ^ (EN) Richard Eisenbeis, The Evangelion Manga Is Finally Over, and What a Ride It Was, su kotaku.com. URL consultato il 3 novembre 2018 (archiviato il 14 luglio 2019).
  220. ^ (EN) Carlos Santos, Ultimo's Sweet Home, su animenewsnetwork.com, 20 luglio 2010. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 3 aprile 2021).
  221. ^ (EN) Angelo Delos Trinos, 10 Ways The Rebuild Movies Made Evangelion Worse, su cbr.com, Comic Book Resources. URL consultato il 25 marzo 2021 (archiviato il 3 aprile 2021).
  222. ^ (EN) Review thus far: Rebuild of Evangelion, su thevaultpublication.com, 4 giugno 2014. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  223. ^ (EN) Anime Reign Magazine, n. 2, World Anime Club, 2013, p. 32.
  224. ^ (EN) Nicoletta Christina Browne, Evangelion 3.0: You Can (Not) Redo, su themanime.org. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 7 marzo 2019).
  225. ^ (EN) Reuben Baron, Evangelion: 3.0 + 1.01 Thrice Upon A Time Justifies the Rebuild Movies' Existence, su cbr.com, Comic Book Resources, 15 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 28 agosto 2021).
  226. ^ (PT) Henrique Padula, Evangelion 3.0 + 1.0: Thrice Upon a Time - Review, su br.ign.com, IGN, 14 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 18 agosto 2021).
  227. ^ Matteo Murri, Evangelion 3.0+1.01 Thrice Upon Time Recensione: un’ultima volta sulle unità Eva, su gamesvillage.it, Games Village, 14 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 18 agosto 2021).
  228. ^ (EN) Richard Eisenbeis, Evangelion: 3.0+1.0: Thrice Upon A Time, su animenewsnetwork.com, Anime News Network, 9 marzo 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 10 marzo 2021).
  229. ^ Daniele Sacchi, “Evangelion: 3.0+1.0 Thrice Upon a Time” di Hideaki Anno – Recensione, su criticaleye.it, Critical Eye, 16 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 1º settembre 2021).
  230. ^ Andrea Fontana, La fine di Evangelion, confusa e felice, su fumettologica.it, Fumettologica, 30 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 30 agosto 2021).
  231. ^ Giuseppe Arace, Evangelion 3.0+1.01 Thrice Upon a Time Recensione: uno spettacolo emotivo, su anime.everyeye.it, Everyeye, 31 luglio 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 17 agosto 2021).
  232. ^ Andrea Peduzzi, Evangelion: 3.0+1.01 Thrice Upon a Time - Recensione, su it.ign.com, IGN, 21 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 6 agosto 2021).
  233. ^ Andrea Vitagliano, Evangelion: 3.0+1.0 Thrice Upon a Time, la recensione, su tomshw.it, Yomshw, 9 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 16 agosto 2021).
  234. ^ Evangelion: 3.0+1.01 Thrice Upon a Time: cosa ci rimane dopo la visione del film?, su animeclick.it, Animeclick, 14 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato il 14 agosto 2021).
  235. ^ (EN) Own Gendo's Visor and Misato's Sunglasses from Evangelion, su animenewsnetwork.com, 30 dicembre 2013. URL consultato il 18 luglio 2017 (archiviato il 17 giugno 2018).
  236. ^ (JA) 『ヱヴァンゲリヲン新劇場版』の「碇ゲンドウ」フィギュアがセガプライズに帰ってきた!, su hobby.dengeki.com, Dengeki Hobby Web, 14 gennaio 2021. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 2 febbraio 2021).
  237. ^ Glénat 2009, p. 117.
  238. ^ (JA) EVANGELION with TOKYO STREET 36×XLARGE 碇ゲンドウ, su eva-gate.jp. URL consultato il 18 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2017).
  239. ^ (JA) エヴァ酒場開店「ゲンドウ豆のさつま揚げ」「見知らぬ、天丼」と豊富なメニュー, su natalie.mu, 14 novembre 2018. URL consultato il 3 gennaio 2019 (archiviato il 13 novembre 2020).
  240. ^ (JA) ACOS ヱヴァンゲリヲン新劇場版:Q 碇ゲンドウのジャケット男性用Lサイズ, su eva-gate.jp. URL consultato il 18 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2017).
  241. ^ (EN) Gendo Finally Steps Up as Support Character in Kai-Ri-Sei Million Arthur Mobile Game, su animenewsnetwork.com, 15 giugno 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  242. ^ (JA) 【パズドラ】確定碇ゲンドウガチャは絶対買おう! 壊れスキルで何体いても損はしない!, su appbank.net, AppBank, 9 luglio 2020. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 13 aprile 2021).
  243. ^ (JA) 碇ゲンドウ&冬月コウゾウの評価・適正、モンスト攻略班の独自評価は?わくわくの実も解説!【エヴァンゲリオン】, su appbank.net, AppBank, 4 maggio 2020. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 13 aprile 2021).
  244. ^ (EN) Scott Green, Evangelion Promotes Japanese Racing Association, su crunchyroll.com, 14 giugno 2012. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato il 24 settembre 2018).
  245. ^ (EN) 7 Strangest Pieces of Evangelion Merchandise, su animenewsnetwork.com, 24 dicembre 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 2 gennaio 2021).
  246. ^ (EN) A Look at Fuji-Q Highland's Evangelion World, su crunchyroll.com, 26 novembre 2011. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  247. ^ (EN) Brittany Vincent, The Evangelion Bullet Train Will Pull Into The Station One Final Time This May, su geek.com, 6 febbraio 2018. URL consultato il 24 agosto 2018 (archiviato il 25 settembre 2018).
  248. ^ (EN) Michelle Ngueyen, Japan's Politicians Dress in Cosplay, are Cooler Than Ours, su geek.com, 31 ottobre 2016. URL consultato il 6 agosto 2017 (archiviato il 1º novembre 2016).
  249. ^ (JA) エヴァファン必見!名古屋市・河村たかし市長が「碇ゲンドウ」のコスプレで登場!!, su news.walkerplus.com, 2 agosto 2017. URL consultato il 6 agosto 2017 (archiviato il 6 agosto 2017).
  250. ^ (EN) Brian Ashcraft, Who Say Politics and Cosplay Don't Mix?, su kotaku.com, 7 giugno 2010. URL consultato il 6 agosto 2017 (archiviato il 6 agosto 2017).
  251. ^ (JA) ダサいゲームは作らない!レトロゲームファンが認める『エビルファクトリー』開発の戦略は“差別化”と“かっこよさ”!?【NDC17】, su app.famitsu.com, 28 aprile 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 28 aprile 2017).
  252. ^ (EN) 'Evangelion' Presents: Gendo Ikari, Anime's Worst Dad, su vice.com, 12 luglio 2019. URL consultato il 12 settembre 2019 (archiviato il 9 settembre 2019).
  253. ^ (EN) What Is 'Neon Genesis Evangelion,' and Why Is It Such a Big Deal That It's on Netflix?, su thrillist.com, 19 giugno 2019. URL consultato il 12 settembre 2019 (archiviato il 7 agosto 2019).
  254. ^ (EN) 10 Evangelion Logic Memes That Are Too Hilarious For Words, su cbr.com, 7 novembre 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019 (archiviato il 17 dicembre 2019).
  255. ^ (EN) 10 References & Parodies You Missed In Gintama, su cbr.com, 7 dicembre 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019 (archiviato il 17 dicembre 2019).
  256. ^ (EN) Voltron: What To Watch Next?, su denofgeek.com, 14 dicembre 2018. URL consultato il 3 gennaio 2019 (archiviato il 4 gennaio 2019).
  257. ^ (EN) Ryukishi07, Rose Guns Days Season 1, vol. 4, Hachette UK, 2016, ISBN 978-0-316-39155-9. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  258. ^ (EN) Wotakoi: Love is Hard for Otaku, su animenewsnetwork.com, 21 aprile 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 31 ottobre 2018).
  259. ^ Angelo Delos Trinos, 10 Anime That Referenced Neon Genesis Evangelion, su cbr.com, Comic Book Resources, 16 settembre 2021. URL consultato il 20 ottobre 2021 (archiviato il 25 settembre 2021).
  260. ^ (EN) Kids' Anime Shinkalion Episode 17 Parodies Evangelion, su animenewsnetwork.com, 3 maggio 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018 (archiviato il 29 ottobre 2018).
  261. ^ (EN) Adam Beach, Evangelion: 5 Anime The Series Influenced (5 It Was Influenced By), su screenrant.com, Screen Rant, 4 agosto 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021 (archiviato il 7 agosto 2021).
  262. ^ Andrea Peduzzi, Eureka Seven è il meglio che puoi fare senza un genio per casa, su outcast.it. URL consultato il 19 luglio 2020 (archiviato il 19 luglio 2020).

BibliografiaModifica

  • Gualtiero Cannarsi (a cura di), Neon Genesis Evangelion Encyclopedia, Granarolo dell'Emilia, Dynamic Italia, 1997-99.
  • (JA) Gainax (a cura di), The End of Evangelion Theatrical Pamphlet, 1997.
  • (JA) Gainax, Neon Genesis Evangelion Newtype 100% Collection, Tokyo, Kadokawa Shoten, 1997, ISBN 4-04-852700-2.
  • (JA) Oizumi Sanenari (a cura di), Anno Hideaki Sukidzo Evangerion (庵野秀明 スキゾ・エヴァンゲリオン?), Otashuppan, 17 marzo 1997, ISBN 4-87233-315-2.
  • (JA) Takekuma Kentaro (a cura di), Anno Hideaki Parano Evangerion (庵野秀明パラノ・エヴァンゲリオン?), Ōta Shuppan, marzo 1997, ISBN 4-87233-316-0.
  • Neon Genesis Evangelion Filmbook, Modena, Panini Comics, 1998-99.
  • (EN) Kazuhisa Fujie, Martin Foster, Neon Genesis Evangelion: The Unofficial Guide, DH Publishing Inc., 2004, ISBN 978-0-9745961-4-3.
  • (EN) Neon Genesis Evangelion Platinum Edition Booklets, ADV Films, 2004-2005.
  • (JA) Sony Magazines (a cura di), Evangelion Chronicle, De Agostini Japan, 2006-2011.
  • Cristian Giorgi, Gianluca Morando, Alessandra Poggio (a cura di), Neon Genesis Evangelion Enciclopedia, Granarolo dell'Emilia, Dynit, 2008.
  • (EN) Dani Cavallaro, The Art of Studio Gainax Experimentation, Style and Innovation at the Leading Edge of Anime, McFarland & Company, 2009, ISBN 978-0-7864-3376-6.
  • (FR) Evangelion: The Essential Evangelion Chronicle: Side A, Glénat, 2009, ISBN 978-2-7234-7120-6.
  • (FR) Evangelion: The Essential Evangelion Chronicle: Side B, Glénat, 2010, ISBN 978-2-7234-7121-3.
  • (JA) Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance Complete Records Collection (ヱヴァンゲリヲン新劇場版:破 全記録全集?), Ground Works, 2010, ISBN 978-4-905033-00-4.
  • (JA) Yoshiyuki Sadamoto, 新世紀エヴァンゲリオン 公式ガイドブック, Kadokawa Shoten, 31 marzo 2011, ISBN 978-4-04-715671-5.
  • (EN) Gerald Alva Jr. Miller, Exploring the Limits of the Human Through Science Fiction, Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2012, ISBN 978-1-137-26285-1.
  • (JA) Opuscolo ufficiale di Evangelion 3.0+1.0, 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 4 marzo 2020 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue