Apri il menu principale
Generazione Futuro
CoordinatoreGianmario Mariniello
StatoItalia Italia
Fondazione31 gennaio 2011
Dissoluzione2013
PartitoFuturo e Libertà per l'Italia
TestataDestinazione Futuro Magazine
Sito web

Generazione Futuro è stato il movimento giovanile di Futuro e Libertà per l'Italia.

Nata inizialmente come associazione giovanile all'interno di Generazione Italia, il 31 gennaio 2011 diviene l'organizzazione giovanile ufficiale di FLI.[1]

Il simbolo è "un anello tricolore che racchiude un fondo verde con sovrapposto uno scudo blu, che ospita la scritta bianca Generazione Futuro”.[2]

Il coordinatore nazionale, che per lo statuto di FLI fa parte di diritto della Segreteria nazionale di Futuro e Libertà, è Gianmario Mariniello.[3] In attesa dell'assemblea costituente il movimento è retto da un "Regolamento interno provvisorio" di Generazione Futuro. Possono iscrivere tutti coloro che hanno compiuto il "14º anno e non hanno superato il trentesimo anno d'età. Non possono iscriversi i condannati per reati di mafia, contro la pubblica amministrazione e per pene superiori a 5 anni".[4]

Gran parte dei dirigenti di Generazione Futuro provengono dalla Giovane Italia: ha aderito tra gli altri a Generazione Futuro l'ex coordinatore nazionale di Giovane Italia, Francesco Pasquali[5]. L'organo ufficiale è "Destinazione Futuro Magazine".[6]

Il 19 luglio 2011 ha presentato una proposta di legge di iniziativa popolare per abolire le province.[7]. Cessa la sua attività nel 2013 con la dissoluzione del partito a seguito del fallimento elettorale.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica