Identità non binarie

spettro di identità di genere non esclusivamente maschili o femminili
(Reindirizzamento da Genere non-binario)

Le identità di genere non binarie cadono sotto il termine ombrello transgender e sono tutte quelle identità di genere che non corrispondono strettamente e completamente al genere maschile o al genere femminile.[1][2] L'identità di genere è il profondo, interno senso di appartenenza o di non appartenenza di una persona ad un genere.[3]

Bandiera della comunità nonbinary
Bandiera dell'orgoglio genderqueer

I termini più comuni che si usano per descrivere le persone che hanno un'identità di genere diversa da "uomo" e "donna" sono nonbinary e genderqueer.[4]

NonbinaryModifica

Nonbinary (o non-binary) è un termine ampio che include tutte le persone che hanno un'identità di genere non binaria, quindi è per ogni persona la cui identità di genere non può essere adeguatamente rappresentata attraverso una scelta tra "uomo" e "donna".[5]

Il termine non-binary indica la non conformità al sistema del binarismo di genere, che prevede la classificazione di tutti gli esseri umani nei due generi: maschile e femminile.[6] Le persone non-binary sono per definizione l'eccezione a questo sistema.

Secondo un sondaggio del 2011 dell'Equality and Human Rights Commission Research, circa lo 0.4% dei residenti del Regno Unito si considera in modo diverso da "uomo" e "donna".[7][8] I risultati di questo sondaggio sono da considerare un indicatore del numero minimo di persone nonbinary: anche se un numero relativamente piccolo di persone si identifica con il termine nonbinary (al punto di usare un'etichetta di genere non binario, o rifiutarsi di segnare maschio o femmina in un sondaggio), molte più persone hanno esperienza di sè stessi in modo non binario.[9]

Secondo il Gender Census 2019, il 66.4% delle persone "la cui identità di genere non è accuratamente descritta dal binario di genere di sempre, solamente e completamente femmina o sempre, solamente e completamente maschio" si descrivono utilizzando il termine non-binary.[10]

Rapporto con l'essere transgenderModifica

Secondo un'ampia definizione di transgender che include tutte quelle persone la cui identità di genere è diversa dal genere che gli è stato assegnato alla nascita[11][12], le persone non-binary sono incluse al di sotto dell'ombrello transgender, tuttavia una persona che si identifica parzialmente con il genere che gli è stato assegnato alla nascita oppure una persona che non ha alcuna identità di genere può ragionevolmente considerarsi esclusa dalla definizione.

Inoltre, mentre alcune persone non-binary possono sperimentare in prima persona e riconoscersi nell'esperienza transgender, di cui la transizione è un aspetto principale, altre possono non riconoscersi nel termine transgender perché non hanno il desiderio o la volontà di effettuare una transizione, o non desiderano modificare significativamente la propria presentazione di genere.

Il tipo di transizione più accessibile per le persone nonbinary è la transizione sociale, mentre la transizione legale e medica è possibile solo in alcuni paesi e in alcune condizioni specifiche, che spesso includono mentire sulla propria identità di genere[13]. La transizione sociale può includere il coming out con parenti, amici, collaboratori e conoscenti, l'utilizzo di un nuovo nome e di un genere grammaticale diverso. Mentre in inglese si sta diffondendo l'uso del pronome they/them al singolare come forma neutra, e di altri neo-pronomi, in Svezia ed in Spagna si stanno utilizzando soluzioni simili, e in Italia sono in corso diversi tentativi di introdurre desinenze neutre per rendere il linguaggio maggiormente inclusivo.[14][15]

Anche se ci sono persone non-binary che provano sensazioni di malessere, alienazione e disagio, dovute all'incongruenza di genere, paragonabili alla disforia di genere[16], difficilmente possono ricevere una diagnosi e cure perché i criteri contenuti correntemente all'interno del DSM-5, punto di riferimento per un gran numero di psichiatri in tutto il mondo, sono esplicitamente rivolti alle persone di genere binario (donne transgender e uomini transgender).[17].Per questo è in corso una protesta da parte della comunità trans, e in particolare nonbinaria, per avere accesso ad una transizione parziale e ai microdosaggi nella terapia ormonale (in quanto dimezzare autonomamente la dose porta, nei successivi controlli, a compromettere la transizione sui documenti e la ricetta per le cure ormonali).

Esempi di identità non binarie[18]Modifica

  • Agender: persona che non si attribuisce e/o non percepisce un’identità di genere.
  • Androgino (o Bigender): persona non identificabile (esteticamente) né come uomo né come donna, presentando un’identità di genere che risulta un mix tra i due, oppure neutra.
  • Pangender: persona la cui identità di genere è costituito da tutte o da molteplici espressioni di genere.
  • Demiboy: persona non completamente maschile.
  • Demigirl: persona non completamente femminile.
  • Gender fluid: persona che si alterna tra l’identificazione con identità maschile, identità femminile e identità miste.

Generi non binariModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Terzo sesso.

Anche se nella maggior parte delle società contemporanee occidentali solo due generi sono riconosciuti al livello legale e culturale, abbiamo esempi di variazioni nel genere e di categorie di genere alternative sia nell'Europa passata, sia nell'Asia contemporanea e nelle culture dei popoli nativi delle Americhe.[4]

Se si esaminano le identità nei contesti europei, troviamo i mollies inglesi, i femminielli italiani, le vergini giurate albanesi, e gli esempi multi-contestuali di eunuchi. Questi individui erano tutti posizionati come estranei agli uomini e alle donne, senza necessariamente essere marginalizzati. Si può considerare poi il genere nel sottocontinente asiatico, attraverso gli hijra indiani, i Kathoey tailandesi, e i due esempi indonesiani degli waria, e il genere nella società Bugis. Nelle tribù delle Prime Nazioni degli Stati Uniti e del Canada esiste un ampio spettro di identità Two-Spirit, mentre in Sud America abbiamo i machi.

Questa discussione dimostra l'eterogeneità della varianza di genere nel mondo e come la nozione moderna, occidentale di binarismo di genere sia solo una delle prospettive possibili.[19]

NoteModifica

  1. ^ Vincent, Benjamin William (2016) Non-Binary Gender Identity Negotiations: Interactions with Queer Communities and Medical Practice. PhD thesis, University of Leeds.[1]
  2. ^ Resources on LGBT psychology - Non-binary gender identities (PDF), su apadivisions.org.
    «Non-binary gender identity is any gender identity that does not fall within the strict categories of contemporary Western societies, which typically consider gender to be binary, e.g., either man or woman».
  3. ^ Glossary of terms - transgender, su glaad.org.
    «Gender Identity: A person's internal, deeply held sense of their gender».
  4. ^ a b Meg-John Barker, Walter Pierre Bouman e Christina Richards, Genderqueer and Non-binary genders (PDF).
    «There are non-binary people who identify as a single fixed gender position other than male or female. There are those who have a fluid gender. There are those who have no gender. And there are those who disagree with the very idea of gender.».
  5. ^ How many people in the UK are nonbinary?, su practicalandrogyny.com.
    «For the purposes of this report, I am defining ‘nonbinary’ as an umbrella term for any gender (or lack of gender) that would not be adequately represented by an either/or choice between ‘man’ or ‘woman’.».
  6. ^ (EN) Definition of gender binary | Dictionary.com, su www.dictionary.com. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  7. ^ Technical note: measuring gender identity | Equality and Human Rights Commission, su www.equalityhumanrights.com. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  8. ^ (EN) Nat themself, How many people in the United Kingdom are nonbinary?, su Practical Androgyny, 16 dicembre 2014. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  9. ^ Christina Richards, Walter Pierre Bouman e Meg-John Barker, Genderqueer and Non-Binary Genders, Palgrave Macmillan UK, 2017, pp. 1–8, ISBN 978-1-137-51052-5. URL consultato l'11 ottobre 2020.
    «Another issue which makes measurement very difficult, and which is important to be mindful of in professional practice—of whatever sort—is that whilst relatively few people may identify as non-binary (to the point of using a non-binary gender label or refusing to tick the ‘male/female’ box on a form), many more people experience themselves in non-binary ways.».
  10. ^ Gender Census, su gendercensus.com. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  11. ^ (EN) Transgender | Definition of Transgender by Oxford Dictionary on Lexico.com also meaning of Transgender, su Lexico Dictionaries | English. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  12. ^ GLAAD Media Reference Guide - Transgender, su glaad.org.
    «Transgender: An umbrella term for people whose gender identity and/or gender expression differs from what is typically associated with the sex they were assigned at birth.».
  13. ^ Vic Valentine Policy Officer Scottish Trans Alliance, Non-binary people’s experiences of using UK gender identity clinics (PDF), novembre 2016.
  14. ^ Linguaggio inclusivo in italiano: guida pratica, su TDM Magazine. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  15. ^ Italiano Inclusivo – Una lingua che non discrimina per genere, su Italiano Inclusivo. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  16. ^ (EN) Bethany A. Jones, Walter Pierre Bouman e Emma Haycraft, Gender congruence and body satisfaction in nonbinary transgender people: A case control study, in International Journal of Transgenderism, vol. 20, n. 2-3, 3 luglio 2019, pp. 263–274, DOI:10.1080/15532739.2018.1538840. URL consultato l'11 ottobre 2020.
  17. ^ (EN) Daniel Bergner, https://www.nytimes.com/2019/06/04/magazine/gender-nonbinary.html, in The New York Time Magazine, 2019/06/04.
    «The bible of psychiatric diagnosis, the D.S.M., gives meager help; its criteria for the condition of “gender dysphoria” are essentially binary.».
  18. ^ https://deconforming.com/gender-pride-flags/
  19. ^ Christina Richards, Global Gender Variation, in Genderqueer and Non-binary Genders.
    «First, we examine identities in European contexts, such as the English mollies, the Italian femminielli, Albanian sworn virgins, and multi-contextual examples of eunuchs. Such individuals were all positioned as ‘other’ from men and women, without necessarily being marginalised. [...] We then consider gender on the Asian subcontinent through the Indian hijra, the Thai kathoey, and the two Indonesian examples of the waria, and gender within Buginese society. Finally, American examples are explored with the range of two-spirit identities of First Nation tribes of the United States and Canada, and the machi of South America. This discussion demonstrates the heterogeneity of gender variance around the world, and how the modern Western notion of a gender binary is only one of many possible perspectives.».

BibliografiaModifica

  • Gender Queer. Voices From Beyond the Sexual Binary, Joan Nestle, Clare Howell, Riki Wilchins (2002) Alyson Books, New York.
  • The Transgender Studies Reader Susan Stryker, Stephen White (2006) Routledge, New York.
  • Non-binary or genderqueer genders Christina Richards, Walter Pierre Bouman, Leighton Seal, Meg-John Barker, Timo O. Nieder & Guy T’Sjoen [2](https://doi.org/10.3109/09540261.2015.1106446)
  • Genderqueer and Non-Binary Genders Christina Richards, Walter Pierre Bouman, Meg-John Barker (2017) Palgrave Macmillan UK.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2017004882
  Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT