Apri il menu principale
Genius - Il campionato dei piccoli geni
PaeseItalia
Anno20012006
Generegame show
Durata120', 60'
Lingua originaleitaliano
Crediti
Conduttore
Regia
  • Giancarlo Giovalli
  • Mario Bianchi
  • AutoriAlberto Consarino, Ludovico Peregrini, Davide Tortorella, Elisabetta Cianci e Marco Elia
    MusicheDino Ceglie
    ScenografiaEugenio Falascone
    CostumiSimona De Castro
    FotografiaAldo Solbiati e Franco Beldo
    ProduttoreGino Bernini
    Produttore esecutivoCarolina Berella
    Casa di produzioneRTI
    Rete televisivaItalia 1 (2001)
    Rete 4 (2003–2006)

    Genius, sottotitolato Il campionato dei piccoli geni, è stato un quiz televisivo italiano per ragazzi dagli 11 ai 13 anni di età, condotto da Alessandro Cecchi Paone su Italia 1 nel 2001 e da Mike Bongiorno su Rete 4 dal 2003 al 2006.

    Indice

    Il programmaModifica

    Tratto dal format americano della Fox Who Is the Smartest Kid in America?, il programma ha debuttato come puntata pilota su Italia 1 il 21 dicembre 2001, sotto la conduzione di Alessandro Cecchi Paone, con la quale ottenne successo, facendo 2.702.000 spettatori e l'11,09% di share[1], mentre la prima serie è iniziata il 6 novembre 2003 su Rete 4 in prima serata per 10 puntate, con la conduzione di Mike Bongiorno. I vincitori di ogni serata ottenevano in premio un viaggio all'estero con i genitori. La puntata finale ("finalissima") era composta dai vincitori delle 10 puntate. Il montepremi, del valore di € 60.000 da usarsi come borsa di studio, fu vinto da Niccolò Caminada, ragazzo di terza media. Il secondo premio era costituito dalla somma di € 15.000 più un computer portatile. Il programma fu registrato presso lo Studio 11 di Cologno Monzese tra il 2003 e il 2004, mentre l'edizione conclusiva ebbe luogo nel 2005, presso lo Studio 7.

    Visto il successo di critica e di pubblico, è stato riproposto in una nuova veste nella fascia del day-time, sostituendo come fascia oraria la storica trasmissione La ruota della fortuna, dello stesso Bongiorno: 9 ragazzi per ogni puntata si affrontavano fino all'ultima risposta, con il solo obiettivo di salire sul podio ed essere eletti campioni. La trasmissione era andata in onda prima dal lunedì al sabato (dal 2 febbraio al 3 luglio e dal 20 settembre al 24 dicembre 2004) e poi dal lunedì al venerdì (dal 7 marzo al 1º luglio 2005 e dal 3 ottobre 2005 al 21 aprile 2006) tranne il fine settimana.

    Dopo una prima selezione solo 6 concorrenti passavano il turno. Successivamente i 6 sopravvissuti si sfidavano in tre confronti diretti. I tre rimasti rispondevano a 6 domande basate su definizioni tratte dal dizionario o dall'enciclopedia. Per primo veniva eliminato il concorrente che alla fine del primo giro aveva totalizzato meno punti. Al termine della puntata ne rimaneva soltanto uno, che si sfidava con il campione in carica. Il "Genius" di turno si aggiudicava 500 euro e, per mantenere il titolo, doveva sfidare il finalista della puntata successiva; il secondo si aggiudicava invece un premio di consolazione.

    Al termine della stagione, tutti i campioni della serie TV venivano fatti sfidare in un'unica puntata serale della durata di 2h-2h 30min, al termine della quale si determinava il "Super Genius" dell'anno. L'ultima puntata era andata in onda il 21 aprile 2006.

    I giochiModifica

    Tra i giochi frequenti nel penultimo quiz troviamo:

    • Il gioco del sì o no
    • Le domande a scelta multipla
    • Da tre a sei
    • La sfida al pulsante
    • Il gioco delle domande con risposte a scelta multipla e secche per ogni argomento
    • Il gioco delle definizioni
    • La domanda di spareggio
    • Il gioco degli abbinamenti
    • La uno, la due o la tre?
    • Il gioco della materia scelta
    • Il gioco della rimonta
    • Raccontami tutto quello che sai
    • Io so quello che tu non sai

    ParodieModifica

    Le riprese ed i fuorionda del programma ispirarono una parodia radiofonica di grande successo di Fiorello, Baldini ed Enrico Cremonesi a Viva Radio 2, in cui veniva stereotipato il comportamento e la conduzione di Mike Bongiorno in diretta e fuori onda con il regista Mario Bianchi.

    NoteModifica

    BibliografiaModifica

    • Joseph Baroni, Dizionario della Televisione pagg 186-187, Raffaello Cortina Editore, Milano 2005. ISBN 88-7078-972-1.
      Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione