Apri il menu principale

Gennaro Capuozzo

Partigiano italiano - Quattro giornate di Napoli
Gennarino Capuozzo lancia una bomba a mano contro i carri tedeschi nel film Le quattro giornate di Napoli.

Gennaro Capuozzo, conosciuto anche con il diminutivo Gennarino (Napoli, 2 giugno 1932Napoli, 29 settembre 1943), è stato un partigiano italiano. Eroe di guerra, morì all'età di 11 anni nella seconda guerra mondiale, nei combattimenti avvenuti durante le quattro giornate di Napoli, l'insurrezione popolare che consentì la liberazione della città italiana dall'occupazione tedesca[1].

Indice

BiografiaModifica

Gennaro Capuozzo era un apprendista commesso napoletano.[2] Con l'armistizio di Cassibile del 3 settembre 1943 e il proclama Badoglio dell'8 settembre 1943 l'esercito italiano rimase senza ordini. A Napoli l'esercito tedesco in breve tempo prese il controllo della città e di lì a poco, dopo un primo momento di smarrimento, il 27 settembre 1943 la popolazione insorse dando vita alle quattro giornate napoletane.

Capuozzo fu uno dei più giovani insorti e partecipò ai combattimenti contro i tedeschi. Morì a causa dell'esplosione di una granata nemica, nella battaglia di via Santa Teresa degli Scalzi, mentre lanciava bombe a mano contro i carri armati tedeschi dal terrazzino dell'istituto delle Maestre Pie Filippini.[2] Per questo suo atto di coraggio gli fu attribuita la medaglia d'oro al valor militare alla memoria.[3]

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'oro al valor militare (alla memoria)
«Appena dodicenne durante le giornate insurrezionali di Napoli partecipò agli scontri sostenuti contro i tedeschi, dapprima rifornendo di munizioni i patrioti e poi impugnando egli stesso le armi. In uno scontro con carri armati tedeschi, in piedi, sprezzante della morte, tra due insorti che facevano fuoco, con indomito coraggio lanciava bombe a mano fino a che lo scoppio di una granata lo sfracellava sul posto di combattimento insieme al mitragliere che gli era al fianco. Prodigioso ragazzo che fu mirabile esempio di precoce ardimento e sublime eroismo. Napoli, 28-29 settembre 1943.[3]»
— Napoli

DedicheModifica

A Gennaro Capuozzo sono dedicati:

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica