Apri il menu principale

Geno (Agenore) Pampaloni (Roma, 25 novembre 1918Firenze, 17 gennaio 2001) è stato un giornalista, critico letterario e scrittore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Roma da genitori toscani, Agenore di Colle di Val d'Elsa e Assunta Guerri di Anghiari, Pampaloni compì gli studi liceali a Grosseto dove frequentò il ginnasio-liceo classico Carducci e conseguì la licenza liceale nel 1937, e gli studi universitari a Firenze e alla Normale di Pisa, dove si laureò con Luigi Russo. Dal 1938 al 1940 collaborò alla rivista letteraria Ansedonia, in qualità di vice-direttore. Durante la Seconda Guerra Mondiale combatté in Corsica e nel Corpo Italiano di Liberazione. Collaborò a Italia Libera, il quotidiano del Partito d'Azione; per dodici anni fu collaboratore di Adriano Olivetti quale responsabile dei servizi culturali e segretario generale del movimento Comunità. Più tardi è stato direttore editoriale delle case editrici Vallecchi e De Agostini. Come giornalista e critico letterario ha svolto un'attività intensa collaborando a vari quotidiani (Il Corriere della Sera, Il Giornale fondato da Indro Montanelli, per poi seguirlo su La Voce) e riviste (La Fiera Letteraria, Il Mondo, L'Espresso), sia come saggista letterario, sia come "attento osservatore del costume politico e sociale"[1]

Con i suoi numerosi saggi, contributi in volumi, recensioni, prefazioni e articoli, ha favorito la comprensione della letteratura italiana del XIX e soprattutto del XX secolo, mediante acute analisi di autori come Emilio Cecchi, Italo Svevo, Corrado Alvaro, Vitaliano Brancati, Elio Vittorini, Cesare Pavese e molti altri. Tra i pochi saggi raccolti in volume, sono da menzionare in modo specifico quelli dedicati a Pavese (Trent'anni con Cesare Pavese, 1981)[2] La sua delicata vena narrativa traspare da brevi scritti autobiografici come Buono come il pane (1983), Fedele alle amicizie (1984), Bonus malus (1993), I giorni in fuga (1994).

La sua morte è stata considerata come la scomparsa di un grande critico letterario.[3] A dieci anni dalla morte, la sua nota ritrosia è stata ricordata, tra l'altro, in un elzeviro di Pietro Citati.[4]

OpereModifica

Benché si sia sempre rifiutato di riunire in volumi la sua sterminata produzione critica,[5] Geno Pampaloni è considerato uno dei maggiori conoscitori, interpreti e critici letterari del Novecento italiano [6]

  • Giovanni Enriques, Edgardo Macorini, Geno Pampaloni, Collana di Enciclopedie monografiche AZ PANORAMA, Zanichelli, Bologna, 1960
  • Terzo Programma. Quaderni trimestrali n.1, con un testo di Geno Pampaloni su Cesare Pavese, ERI Edizioni della RAI, Roma, 1962
  • Italo Svevo. Terzo Programma. Quaderni trimestrali n.2, ERI, Roma, 1964
  • Un poeta e la sua città. Omaggio del comune di Salerno a Alfonso Gatto, con un saggio di Geno Pampaloni, a cura di Pietro Laveglia, Municipio di Salerno, 1964
  • Valerio Volpini-Augusto Guzzo-Geno Pampaloni, Libro e Uomo, Collana Universale n.116-117, Editrice Studium, 1972
  • Monumenti d'Italia. Le Piazze, a cura di Franco Borsi e Geno Pampaloni, De Agostini, Novara, 1975
  • Geno Pampaloni-Mario Verdone, I Futuristi Italiani. immagini, biografie, notizie, Le Lettere, Firenze, 1977
  • Renzo De Felice-Geno Pampaloni-Ettore Paratore-Mario Praz, D'Annunzio, Massimiliano Boni Editore, Bologna, 1978
  • Fulvio Roiter, Firenze e Toscana, testo introduttivo di Geno Pampaloni, commento di Giosuè Chiarandia, Magnus Edizioni, Udine, 1980
  • Adriano Olivetti: un'idea di democrazia, Edizioni di Comunità, Milano, 1980
  • Trent'anni con Cesare Pavese. Diario contro Diario, Rusconi, Milano, 1981
  • Giotto ad Assisi. documenti d'Arte, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1981-1998
  • Cesare Pavese, Edizioni del noce, 1982
  • Notre-Dame e La Sainte Chapelle, documenti d'Arte, De Agostini, Novara, 1982
  • "Buono come il pane" e altre memorie di giovinezza e di morte, Collana Narratori n.68, All'insegna del pesce d'oro, Scheiwiller, Milano, 1983
  • Monumenti d'Italia. Ville e Giardini, a cura di Franco Borsi e Geno Pampaloni, De Agostini, Novara, 1984
  • Roma, testi di Geno Pampaloni, W. Pocino, R. Luciani, Cassa di Risparmio-De Agostini, 1985
  • Pepi Merisio-Giulio Andreotti-Geno Pampaloni, Città Murate. Italia della nostra gente, ECRA, 1986
  • La nuova ruralità. Prefazione del Ministro per l'Agricoltura e le Foreste. Disegni di Altan, Calderini, 1988
  • Fedele alle amicizie, Camunia Edizioni, 1984; nuova ed. rimeditata e arricchita, Fedele alle amicizie. Il ritratto morale e sentimentale della generazione passata attraverso il fascismo, Collana Gli elefanti.Saggi, Garzanti, Milano, 1992
  • I Giorni in Fuga, Collana I Coriandoli, Garzanti, Milano, 1994
  • Bonus malus, Collana Nugae n.61, Il Melangolo, Genova, 1994
  • Anna Maria Biscardi, Colloqui amichevoli con Geno Pampaloni, Polistampa, 1996
  • Il Critico Giornaliero. Scritti militanti di letteratura 1948-1993, a cura di Giuseppe Leonelli, Collana Arte e Letteratura, Bollati Boringhieri, Torino, 1ª ed. maggio 2001
  • Edoardo Tiboni (a cura di), Contributi agli studi in Abruzzo su D'Annunzio, Flaiano, Silone / scritti di Carlo Bo, Geno Pampaloni, Edoardo Tiboni, Pescara, Ediars, 2001, SBN IT\ICCU\TER\0001697.
  • Una valigia leggera, a cura di Milva Maria Cappellini e Anna Pampaloni, Nino Aragno Editore, 2007
  • Poesia, politica e fiori. Scritti su Adriano Olivetti, Edizioni di Comunità, 2016

Introduzioni, saggi, curateleModifica

  • I vangeli apocrifi, a cura di Marcello Craveri, con un saggio di Geno Pampaloni, Collana I millenni, Einaudi, Torino, 1969-1976-1991; Collana Einaudi tascabili n.12, 1990; Collana Tascabili Biblioteca, Einaudi, Torino 2005-2014
  • Antonio Meocci, Maramad, prefazione di Geno Pampaloni, Barulli, Roma, 1969
  • Mario Tobino, Le libere donne di Magliano, introd. di Geno Pampaloni, Mondadori, Milano, 1970
  • Alberto Moravia, Il disprezzo, introd. di Geno Pampaloni, Mondadori, 1971
  • Indro Montanelli, Il Generale Della Rovere. Introduzione di Geno Pampaloni, BUR n.53, Milano, 1975
  • Giuseppe Iadanza, L'esperienza meridionalistica di Ottieri, Prefazione di Geno Pampaloni, Bulzoni, Roma, 1976
  • Marino Moretti, In verso e in prosa, a cura di Geno Pampaloni, Collana I Meridiani, Mondadori, Milano, 1979
  • Alberto Bevilacqua, Una città in amore. Introduzione di Geno Pampaloni Collana Romanzi n.64, BUR, Milano, 1979
  • Carlo Cassola, La casina di Via Valadier. Introduzione di Geno Pampaloni, BUR, Milano, 1980
  • Carlo Castellaneta, La buona compagnia. Romanzo. Introduzione di Geno Pampaloni, BUR, Milano, 1980
  • Luigi Capuana, Il Marchese di Roccaverdina, introd. di Geno Pampaloni, Collana Capolavori della narrativa, De Agostini, Novara, 1982
  • Antonio Meocci, L'uomo tre occhi, prefazione di Geno Pampaloni, Nuova Fortezza, Livorno, 1982
  • Alberto Moravia, Opere 1927-1947, a cura e con un saggio di Geno Pampaloni, Collana Classici, Bompiani, Milano, 1986
  • Francesca Sanvitale, Madre e figlia. Introduzione di Geno Pampaloni, Collana Narrativa n.781, Oscar Mondadori, Milano, 1986
  • Venturino Venturi. Ritratti, testo di Geno Pampaloni, Edizioni Galleria Pananti, Firenze, 1987
  • Alessandro Manzoni, I Promessi Sposi. Introduzione, commento critico e note di Geno Pampaloni, De Agostini, 1988-1989
  • Maria Bellonci, Rinascimento privato, introd. di Geno Pampaloni, Oscar Mondadori, Milano, 1989
  • Carlo Cassola, La ragazza di Bube. Introduzione di Geno Pampaloni, Collana SuperBur n.50, BUR, Milano, 1980-1986-1989-2002-2008
  • Honoré de Balzac, Il Capolavoro sconosciuto. Prefazione di Geno Pampaloni, Collezione Le Lettere n.3, Passigli, 1990
  • Lorenza Meletti, Mutatur. Prefazione di Geno Pampaloni, Collana Tabula, Book Editore, 1990
  • Corrado Alvaro, Opere, Romanzi brevi e racconti. a cura di Geno Pampaloni, Collana Classici, Bompiani, Milano, 1994

NoteModifica

  1. ^ L'universale, Letteratura, volume II, Garzanti libri (2005), p. 767.
  2. ^ Serena Andreotti Ravaglioli, Pampaloni, Geno, in Enciclopedia Italiana Treccani, V Appendice (1994).
  3. ^ «2001. Muore Geno Pampaloni, fra gli ultimi rappresentanti della grande critica militante e giornalistica», in Grande dizionario enciclopedico UTET, Appendice VII, p. 201.
  4. ^ Il critico Pampaloni, scrittore nascosto, in Il corriere della sera, 12 novembre 2011.
  5. ^ A tal riguardo, il grande poeta Mario Luzi scrisse di lui: «È stato avaro non di sé, ma verso di sé. Peccato!» (Il segreto di una lettura mai separata dalla vita, in La Nazione, 18 gennaio 2001, p. 23.)
  6. ^ Grande dizionario enciclopedico UTET, Appendice VII (2002), p. 201.

BibliografiaModifica

  • Anna Maria Biscardi, Colloqui amichevoli con Geno Pampaloni, Firenze, Polistampa, 1996, ISBN non esistente.
  • Marino Biondi, Fedele alla critica. Geno Pampaloni e la letteratura contemporanea, Firenze, Polistampa, 2000, ISBN 88-8304-153-4.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19682262 · ISNI (EN0000 0003 7455 8608 · SBN IT\ICCU\CFIV\009523 · LCCN (ENn79046159 · GND (DE119488477 · BNF (FRcb11918501q (data) · BAV ADV10310003