Apri il menu principale

Gentile (famiglia genovese)

albergo di famiglie nobili della Repubblica di Genova
Armi della famiglia Gentile

Gentile è il nome sotto il quale numerose famiglie di nobili confluirono in un cosiddetto "albergo" dopo aver sanato un lungo periodo di discordie e conflitti.

Indice

OriginiModifica

Il nome dell’albergo trae origine dal nome dal monaco Gentile di Ginevra che ne avrebbe favorito la creazione aggregando una serie di famiglie in origine con il cognome Avvocati: i Pevere, i De Turca, i Pignolo, i Borgari e i Falamonica. In onore del monaco, le famiglie stabilirono di assumerne il nome come albergo e come arma, o scudo araldico, quella della sua città, Ginevra. Se questa costituisce l'origine del nome dell'albergo, come riferisce lo storico Scorza, va sottolineato che esso aggrega famiglie genovesi di antichissimo lignaggio quali appunto gli Avvocati, tutti originati dalla famiglia vicecomitale[1] dei Carmandino che già nel corso del XIII secolo persero progressivamente la loro identità per assumere, infine, quella più caratteristica nell'ambito genovese di un albergo, i Gentile appunto. Albergo dei Gentile che, come riporta la medievalista Petti Balbi, non costituirà, tra essi, "uno dei più celebri o importanti".[2]

I Gentile, in quanto eredi della politica degli Avvocati, presenti in Corsica già dall'XI secolo,[3] ebbero notevoli interessi nell'isola. In particolare, Giovanni Avvocati (o Advocati) nel 1406 fu signore di Brando, Lanfranco signore nel 1449 del comune francese Nonza, Vinciguerra e Vincenzo signori di Erbalunga e Capo Corso nel 1449. A seguito della riforma voluta da Andrea Doria, I Gentile formarono il 24° Albergo.

Arma o scudo araldicoModifica

Quattro punti d'azzurro equipollenti a cinque d'oro.

PersonalitàModifica

Edifici storiciModifica

Palazzo Spinola di San Luca-Gentile, in via di San Luca 4, Genova. L'edificio, appartenente agli Spinola di San Luca, venne eretto nel corso del XII Secolo ed inserito nel 1588 nella lista dei Rolli di Genova di III° categoria, e nel 1599 nei Rolli di II° a nome di Goffredo Spinola ed infine, nel 1614 a nome di Giacomo Gentile. In affitto alla famiglia Gentile, fu, nel corso dell'Ottocento da essa acquistato.

NoteModifica

  1. ^ Definizione di vicecomitale, su it.wiktionary.org.
  2. ^ Giovanna Petti Balbi, Governare la città pp.80, University Press, Firenze, 2007
  3. ^ Roberto Ricci,Gli Obertenghi e la Corsica tra Gregorio VII e Urbano II, Bollettino storico pisano pp.3-21, Pisa, 2011
  4. ^ Nato a Genova, 1490, deceduto a Genova nel 1555.

BibliografiaModifica

  • Angelo M.G. Scorza, Le famiglie nobili genovesi, Genova, F.lli Frilli, 2009.
  • Giovanni Petti Balbi, Governare la città.Pratiche sociali e linguaggi politici a Genova medievale, Firenze, University Press, 2007
  • Roberto Ricci, Gli Obertenghi e la Corsica tra Gregorio VII ed Urbano II, Bollettino Storico Pisano, Pisa LXXX,2011

Collegamenti esterniModifica

Reti Medievali [1]