Apri il menu principale
Gentile Colantonio Beccarini Brunori
Gentile da Leonessa.jpg
Signore di Montegiove
Stemma
Trattamento Signore
Nascita Sant'Angelo in Trigillo, gennaio 1408
Morte Manerbio, 19 aprile 1453
Dinastia Della Leonessa
Padre Beccarino Brunori
Religione Cattolicesimo
Gentile Colantonio Beccarini Brunori
1408 – 1453
SoprannomeGentile da Leonessa
Nato aSant'Angelo in Trigillo
Morto aManerbio
Luogo di sepolturaChiesa di Sant'Alessandro, Brescia
Dati militari
Paese servitoFlag of Most Serene Republic of Venice.svg Repubblica di Venezia
Forza armataMercenari
Anni di servizio38 (1415-1453)
GradoCondottiero
ComandantiCeccolo Broglia
Gattamelata
Niccolò Piccinino
voci di militari presenti su Wikipedia

Gentile da Leonessa, nato Gentile Colantonio Beccarini Brunori (Sant'Angelo in Trigillo di Leonessa, gennaio 1408Manerbio, 19 aprile 1453), è stato un condottiero italiano, signore di Montegiove.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Sant'Angelo in Trigillo, frazione di Leonessa, ora in provincia di Rieti, in realtà il suo vero nome era Gentile Colantonio Beccarini Brunori. Assunse il nome della città natale come cognome di guerra.

Era stato compagno d'armi del Gattamelata, alle dipendenze di Ceccolo Broglia, signore di Assisi. Successivamente nel 1410 il Gattamelata aveva sposato la sorella di Gentile, il quale fece carriera sulla scia del cognato, grande condottiero.

Gentile da Leonessa si mise in luce combattendo nelle Marche contro Niccolò Piccinino, poi passò sotto il servizio della Repubblica di Venezia e rivelò buone doti di condottiero combattendo contro Francesco Sforza.

Nel 1451 venne nominato Capitano Generale delle forze veneziane. La carica era contesa da tre condottieri: Bartolomeo Colleoni, Niccolò Piccinino e Gentile da Leonessa. Alla fine fu scelto quest'ultimo, grazie alla parentela e alla sua abilità nel manovrare le amicizie. Inimicatosi pertanto il Colleoni, morì combattendo contro di lui a Manerbio, presso Brescia il 19 aprile 1453; fu sepolto nella chiesa di Sant'Alessandro a Brescia i cui lavori di restauro aveva lui stesso sovvenzionato pochi mesi prima.

BibliografiaModifica

  • Giulio Roscio, Agostino Mascardi, Fabio Leonida, Ottavio Tronsarelli et al., Ritratti et elogii di capitani illvstri, Roma, 1646.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68396908 · ISNI (EN0000 0000 3672 7691 · LCCN (ENn2008007079 · GND (DE133762998 · BNF (FRcb156135455 (data) · BAV ADV12284192 · CERL cnp01131235 · WorldCat Identities (ENn2008-007079
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie