Apri il menu principale

Geoclemys hamiltonii

(Reindirizzamento da Geoclemys)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tartaruga di stagno punteggiata
Geoclemys hamiltonii.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Testudines
Famiglia Geoemydidae
Sottofamiglia Geoemydinae
Genere Geoclemys
Gray, 1856
Specie G. hamiltonii
Nomenclatura binomiale
Geoclemys hamiltonii
(Gray, 1830)
Sinonimi

Emys hamiltonii
Gray, 1830

La tartaruga di stagno punteggiata (Geoclemys hamiltonii Gray, 1830), unica specie del genere Geoclemys Gray, 1856, è una tartaruga della famiglia dei Geoemididi[2].

DescrizioneModifica

È una testuggine di medie dimensioni. Il guscio delle femmine, leggermente più grandi dei maschi, può raggiungere 400 mm di lunghezza. Il carapace è convesso, seghettato sul margine posteriore e tri-carenato[3]; la colorazione di fondo è nera, con macchie giallo-crema (talvolta anche arancioni negli esemplari giovani) cuneiformi e/o irregolari. Il piastrone è stretto, con una profonda intaccatura sul margine posteriore; la pigmentazione di base è nera con distinte macchie giallastre che, durante la crescita, perdono di contrasto e nitidezza, assumendo la forma di raggi. Anche la testa è nera ed è decorata con spot gialli o bianchi; l'iride è nerastra con puntini gialli disposti a formare una circonferenza attorno alla pupilla; il collo è grigio con chiazze bianche. Le femmine depongono 18-30 uova per ognuno dei due nidi che scavano in terreni argillosi tra dicembre e maggio. La dieta è costituita prevalentemente da invertebrati acquatici (molluschi, insetti, crostacei) e, secondariamente, da pesci e vegetali[4].

Distribuzione e habitatModifica

È distribuita nella fascia settentrionale del subcontinente indiano, dal Pakistan orientale, al Bangladesh, passando per il Nepal e per le regioni settentrionali dell'India (Assam, Bihar, Jammu, Meghalaya, Punjab, Rajasthan, Uttar Pradesh, Bengala Occidentale) che si trovano nel bacino idrografico del Gange. Dulciacquicola, popola preferenzialmente sistemi lentici con acque limpide, poco profonde e ricche di vegetazione sommersa (laghi, stagni e pozze stagionali, meandri fluviali abbandonati, paludi)[4].

ConservazioneModifica

Il rapido declino delle popolazioni in alcune regioni dell'areale (in particolare in Bangladesh) sembra dovuto alla perdita dell'habitat (conversione dei sistemi lentici in risaie e terreni agricoli), all'inquinamento delle acque e al prelievo eccessivo a scopo alimentare. Per limitare quest'ultimo fenomeno sono stati proposti progetti di sensibilizzazione delle popolazioni locali e di allevamento in cattività finalizzato al ripopolamento[5].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Asian Turtle Trade Working Group 2016, Geoclemys hamiltonii, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ Geoclemys hamiltonii, su The Reptile Database. URL consultato il 4 novembre 2016.
  3. ^ Queste tre caratteristiche sono particolarmente accentuate negli immaturi.
  4. ^ a b Geoclemys hamiltonii, su Turtles of the World. URL consultato il 4 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 novembre 2016).
  5. ^ Geoclemys hamiltonii. Conservation Biology of Freshwater Turtles and Tortoises: A Compilation Project of the IUCN/SSC Tortoise and Freshwater Turtle Specialist Group.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili