Apri il menu principale

Geoff Murphy

regista neozelandese
Geoff Murphy

Geoff Murphy (Wellington, 12 ottobre 19383 dicembre 2018) è stato un regista neozelandese.

Indice

BiografiaModifica

Dopo i primi lungometraggi, nel 1983 gira Il massacro dei Maori (UTU), presentato fuori concorso al Festival di Cannes.[1] Vi si narra la storia di Te Wheke, una guida māori che si ribella alle truppe coloniali quando scopre che cosa esse hanno fatto al suo villaggio natìo.

La consacrazione arriva con La terra silenziosa (The quiet earth, 1985), cult visionario ambientato in uno scenario apocalittico (miglior regia al FantaFestival 1986). Il film si trasforma in un biglietto per Hollywood, dove prima si cimenta nella spy story Complotto al Cremlino (Red King, White Knight, 1989) con Tom Skerritt ed Helen Mirren e poi gira il seguito del fortunato Young Guns (Young Guns II - La leggenda di Billy the Kid, 1990).

Si specializza così nel genere d'azione: gira, tra gli altri, il costoso Freejack (1992) con Mick Jagger, Trappola sulle montagne rocciose (Under Siege 2, 1995), Non guardare indietro (Don't look back, 1996) e La fortezza: segregati nello spazio (Fortress 2, 1999). Nel 2000 ritorna in patria ad affiancare il giovane connazionale Peter Jackson come direttore della seconda unità della trilogia de Il Signore degli Anelli.

Nel 2004 realizza Spooked, girato in Nuova Zelanda.

Assieme all'amico e attore neozelandese Bruno Lawrence è fondatore della compagnia itinerante artistico musicale Blerta.

Muore il 3 dicembre 2018 all'età di 80 anni.[2]

FilmografiaModifica

OnorificenzeModifica

  Ufficiale dell'Ordine al merito della Nuova Zelanda
«Per i servizi al cinema.»
— 31 dicembre 2013[3]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Official Selection 1983, festival-cannes.fr. URL consultato il 22 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Geoff Murphy Dies: Kiwi Filmmaker Who Worked On ‘The Lord Of The Rings’ Trilogy Was 80, Deadline, 3 dicembre 2018. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  3. ^ New Year Honours List 2014, su dpmc.govt.nz.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN86019369 · ISNI (EN0000 0000 7822 4988 · LCCN (ENn92073385 · GND (DE137844034 · BNF (FRcb139508727 (data)