Apri il menu principale
George Mitchell

George Mitchell (Larchmont, 21 febbraio 1905Washington, 18 gennaio 1972) è stato un attore statunitense.

Nel corso della sua carriera televisiva apparve in più di 80 di produzioni dal 1952 al 1973. Partecipò inoltre a una ventina di film per il cinema dal 1935 al 1971 e fu accreditato anche con i nomi George Andre, George André e Wm. Sturgis[1].

Indice

BiografiaModifica

George Mitchell nacque a Larchmont, New York, il 21 febbraio 1905. Cominciò come attore teatrale partecipò a diverse produzioni anche a Broadway. Debuttò al cinema agli inizi a metà degli anni trenta e in televisione agli inizi degli anni cinquanta.

Fu interprete di diversi personaggi delle serie televisive, tra cui Clay Bristol in sei episodi della serie Stoney Burke dal 1962 al 1963 e Matthew Morgan in tre episodi della soap opera Dark Shadows nel 1966. Continuò la sua carriera per la televisione impersonando una miriade di ruoli minori e inanellando una serie di apparizioni da guest star in decine di episodi di serie televisive, dall'epoca d'oro della televisione statunitense fino agli anni settanta. Recitò anche in ruoli diversi in più di un episodio, come in tre episodi di The United States Steel Hour, quattro episodi di Studio One, quattro episodi di The Big Story, due episodi di Gunsmoke, due episodi di Have Gun - Will Travel, tre di Laramie, due di Perry Mason, quattro di Ai confini della realtà, cinque di Death Valley Days, due de Il fuggiasco, tre episodi di Bonanza e due de Il virginiano.[2]

La sua carriera per il cinema vede diverse partecipazioni; tra i personaggi a cui diede vita si possono citare Kolla in Once in a Blue Moon (1935), il tenente Johnny De Angelis in Capitano Eddie (1945), Hugh Britton ne La città del vizio (1955), zio Lije ne Il selvaggio e l'innocente (1959), Carl Tamin in Fallguy (1962), Harry Sperling in Pugno proibito (1962), il procuratore distrettuale Paul Farish ne La notte del delitto (1963), Monsignor Ryan in Voglio essere amata in un letto d'ottone (1964), Evan ne Le colline blu (1966), Tetter in Carta che vince, carta che perde (1967), Jake Kiner in Ragazzo la tua pelle scotta (1969) e l'ubriacone Jackson, uno dei due sopravvissuti all'organismo extraterrestre Andromeda nel film fantascientifico Andromeda (1971)[1].

Fu accreditato per l'ultima volta sugli schermi televisivi in un episodio trasmesso il 24 giugno 1971, intitolato The Wright Brothers e facente parte della serie NET Playhouse, nel quale interpreta il ruolo di Wright (in seguito partecipò al film per la televisione Onora il padre non accreditato), mentre il suo ultimo ruolo per il grande schermo fu quello di un camionista nel film del 1971 Strada a doppia corsia.[2]

Sposato con l'attrice Katherine Squire, con la quale partecipò a diverse produzioni, morì a Washington il 18 gennaio 1972[3].

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Internet Movie Database, op. cit.
  2. ^ a b (EN) IMDb, Ruoli in serie televisive, su imdb.com. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  3. ^ Find a Grave, op. cit.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica