Apri il menu principale

George Ramsay, IX conte di Dalhousie

ufficiale e diplomatico scozzese
George Ramsay
GG-George Ramsay.jpg
George Ramsay, IX conte di Dalhousie, 1825.

Governatore della Nuova Scozia
Durata mandato 1816 –
1820
Monarca Giorgio III
Predecessore George Stracey Smith
Successore Sir James Kempt

Governatore Generale del Canada
Durata mandato 1820 –
1828
Monarca Giorgio IV
Predecessore Charles Lennox, IV duca di Richmond
Successore Sir James Kempt

Comandante in Capo dell'India
Durata mandato 1830 –
1832
Monarca Guglielmo IV
Predecessore Stapleton Cotton, I visconte Combermere
Successore Sir Edward Barnes

Dati generali
Suffisso onorifico Conte di Dalhousie
Università Università di Edimburgo

George Ramsay, IX conte di Dalhousie (Midlothian, 23 ottobre 1770Midlothian, 21 marzo 1838) è stato un ufficiale e diplomatico scozzese.

Indice

BiografiaModifica

Nacque a Dalhousie Castle, figlio di George Ramsay, VIII conte di Dalhousie, e di sua moglie, Elizabeth Glen. Studiò presso il Royal High School di Edimburgo e all'Università di Edimburgo.

Carriera militareModifica

Dopo la morte del padre, nel 1788 entrò nell'esercito britannico, con il grado di cornetta del 3º reggimento dei Dragoni. Si unì al 2º battaglione del 1º reggimento di fanteria (1791), e acquistò il grado di maggiore del 2º reggimento di fanteria (1792).

Viaggiò a Martinica e divenne tenente colonnello nel mese di agosto 1794. Fu gravemente ferito nel 1795 e tornò in Inghilterra. Nel 1800 fu promosso al grado di colonnello e combatté nelle fasi successive della campagna d'Egitto sotto Ralph Abercromby. Nel 1803 raggiunse il grado di generale di brigata, e venne nominato Maggiore Generale nel mese di aprile 1805.

Massone, fu Gran Maestro della Gran Loggia di Scozia dal 1804 al 1806.

Durante le ultime fasi della guerra peninsulare, egli comandò la 7ª divisione sotto il Duca di Wellington. Wellington era a volte critico delle sue prestazioni, così come durante la ritirata da Burgos, a causa del suo arrivo tardivo a Vitoria, e per la sua disinformazione sulle intenzioni dei francesi poco prima della battaglia di Roncisvalle[1].

Fu nominato luogotenente generale e colonnello del 13º reggimento di fanteria nel 1813.

Nel 1815 fu creato barone di Dalhousie che gli permise di sedersi nella Camera dei lord.

MatrimonioModifica

Sposò, il 14 maggio 1805, Christina Broun (?-22 gennaio 1839), figlia di Charles Broun e Christiana McDowall. Ebbero tre figli:

MorteModifica

Morì il 21 marzo 1838, a 67 anni.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Chandler, David. Dizionario delle guerre napoleoniche . New York:. Macmillan, 1979 ISBN 0-02-523670-9 p.113

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN6036691 · ISNI (EN0000 0000 8195 1262 · LCCN (ENn82029277 · GND (DE13031854X · CERL cnp00669036 · WorldCat Identities (ENn82-029277
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie