Apri il menu principale

Georges Bidault

politico francese
Georges Bidault
Georges Bidault.jpg
Georges Bidault

Presidente del Governo provvisorio della Repubblica francese
Durata mandato 24 giugno 1946 –
16 dicembre 1946
Predecessore Félix Gouin
Successore Léon Blum
Legislature II Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Governo Georges Bidault (1)
Coalizione MRP-SFIO-PCF

Presidente del Consiglio della Francia
Durata mandato 28 ottobre 1949 –
24 giugno 1950
Capo di Stato Vincent Auriol
Predecessore Henri Queuille
Successore Henri Queuille
Legislature I legislatura della Quarta Repubblica francese
Gruppo
parlamentare
Governo Georges Bidault (2)
Governo Georges Bidault (3)
Coalizione Terza Forza
MRP-SFIO-PRS-UDSR-CNIP

Dati generali
Partito politico Movimento Repubblicano Popolare
Tendenza politica Centro
Professione Insegnante

Georges Bidault (Moulins, 5 ottobre 1899Cambo-les-Bains, 27 gennaio 1983) è stato un politico francese.

È il fondatore (1944) del Mouvement Républicain Populaire. Partecipò alla Resistenza francese nella formazione Combat della quale facevano parte anche Albert Camus e Jean Paul Sartre.

Fu più volte Primo Ministro e Capo del Governo provvisorio della Repubblica francese dal 24 giugno al 16 dicembre 1946.

Nel 1962, dopo aver costituito a Roma il 20 maggio il comitato esecutivo CNR (Consiglio Nazionale della Resistenza), insieme a Antoine Argoud e Pierre Sergent, vi si pone come presidente e esprime forti e sprezzanti critiche verso il governo francese che tende a riconoscere l'indipendenza all'Algeria.

In giugno, dopo il riconoscimento francese dell'indipendenza dell'Algeria Bidault viene dichiarato decaduto da parlamentare e lascia la Francia come rifugiato politico per l'Italia.

Considerato capo del Movimento Antigollista, fermato dalla polizia a Villa Eugenia, Civitanova Marche e non esistendo in Italia l'estradizione per ragioni politiche fu semplicemente riaccompagnato, come ospite indesiderato, all'aeroporto più vicino, dove prese un aereo per la Spagna franchista.

Visse in clandestinità in Germania, Portogallo e in Brasile per quattro anni.

Tornato in Francia nel 1968, dopo un breve periodo in Belgio, fonderà il Fronte Nazionale.

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • B.P.Boschesi - Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Mondadori Editore, 1975, Vol. I, p. 49
  • B.P. Boschesi, Storia della guerra fredda (1945-1962) - Mondadori Editore, 1977 – pag. 9

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51758050 · ISNI (EN0000 0001 0857 4453 · LCCN (ENn85124120 · GND (DE118663003 · BNF (FRcb12317811q (data)
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie