Apri il menu principale

Geraldine McCaughrean

scrittrice britannica
Geraldine McCaughrean

Geraldine McCaughrean (Enfield, 6 giugno 1951) è una scrittrice britannica di libri per ragazzi.

BiografiaModifica

Nata Geraldine Jones nel 1951 a Enfield, Londra, da un pompiere e un'insegnate[1], vive e lavora nel Berkshire[2].

Dopo gli studi alla Canterbury Christ Church University ha lavorato presso una casa editrice londinese per dieci anni prima di dedicarsi alla scrittura[3].

Ha esordito nel 1987 con A Little Lower Than the Angels e in seguito ha pubblicato più di 120 libri tradotti in 27 lingue[4] tra romanzi per bambini e ragazzi, raccolte di racconti e riletture di miti, leggende e fiabe celebri[5].

Socia della Royal Society of Literature, è tra le poche scrittrici ad aver ottenuto la Carnegie Medal due volte: nel 1988 con Un mucchio di bugie e 30 anni dopo con Alla fine del mondo[6].

Vita privataModifica

Sposatasi con John McCaughrean, la coppia ha avuto una figlia, Alisa[7].

Opere principaliModifica

RomanziModifica

  • A Little Lower Than the Angels (1987)
  • Un mucchio di bugie (A Pack of Lies, 1988), Milano, Mondadori, 1992 traduzione di Maria Pia Chiodi ISBN 88-04-35804-1.
  • Gold Dust (1993)
  • Il figlio del pirata (Plundering Paradise, 1996), Milano, Mondadori, 1997 traduzione di Emanuela Cutelli ISBN 88-04-43103-2.
  • Forever X (1997)
  • The Stones Are Hatching (1999)
  • The Great Chase (2000)
  • Destinazione Florence (Stop the Train!, 2001), Milano, Buena vista, 2005 traduzione di Alessandra Osti ISBN 88-8437-115-5.
  • The Kite Rider (2001)
  • Showstopper! (2003)
  • Smile! (2004)
  • Non sarà la fine del mondo (Not the End of the World, 2004), Milano, Salani, 2007 traduzione di Elda Levi ISBN 978-88-6256-119-8.
  • The White Darkness (2005)
  • Cyrano (2006)
  • Peter Pan e la sfida al Pirata rosso (Peter Pan in Scarlet), Milano, Mondadori, 2006 traduzione di Fabio Paracchini ISBN 88-04-56033-9.
  • Tamburlaine's Elephants (2007)
  • The Death-Defying Pepper Roux (2009)
  • Pull Out All The Stops! (2010)
  • The Positively Last Performance (2013)
  • Middle of Nowhere (2013)
  • Alla fine del mondo (Where the World Ends, 2017), Milano, Mondadori, 2019 traduzione di Anna Rusconi ISBN 978-88-04-71544-3.

Album illustratiModifica

  • The Story of Noah and the Ark (1989)
  • Saint George and the Dragon (1989)
  • The Story of Christmas (1989)
  • The Cherry Tree (1991)
  • Blue Moon Mountain (1994)
  • The Little Angel (1995)
  • Unicorns! Unicorns! (1997)
  • Hope on a Rope (1998)
  • Noah and Nelly (1998)
  • Never Let Go (1998)
  • Aesop's Fables (1998)
  • The Story of the Nativity (1998)
  • The Beauty and the Beast (1999)
  • Grandma Chickenlegs (1999)
  • How the Reindeer Got Their Antlers (2000)
  • L'orologio della nonna (My Grandmother's Clock, 2002), Milano, Mondadori, 2003 traduzione di Maria Vago ISBN 88-04-51597-X.
  • Bright Penny (2002)
  • Fig's Giant (2005)
  • Wenceslas (2005)
  • Father and Son (2006)
  • The Nativity Story (2007)
  • Twelve Dancing Princesses (2011)
  • Pittipat's Saucer of Moon (2012)
  • The Nutcracker (2012)
  • Go! Go! Chichico! (2013)
  • The White Elephant (2017)
  • The Little Mermaid (2019)

Premi e riconoscimentiModifica

  • Carnegie Medal: 1988 vincitrice con Un mucchio di bugie e 2018 vincitrice con Alla fine del mondo

NoteModifica

  1. ^ (EN) Geraldine McCaughrean: Surfing the sea of stories, su independent.co.uk, 22 luglio 2005. URL consultato il 24 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Biografia e bibliografia, su fantasticfiction.com. URL consultato il 24 ottobre 2019.
  3. ^ (EN) Scheda della scrittrice, su goodreads.com, 24 ottobre 2019.
  4. ^ (EN) Informazioni salienti, su davidhigham.co.uk. URL consultato il 24 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Pagina dedicata all'autrice, su literature.britishcouncil.org. URL consultato il 24 ottobre 2019.
  6. ^ (EN) Alison Flood, Carnegie medal winner slams children’s book publishers for ‘accessible’ prose, su theguardian.com, 18 giugno 2018. URL consultato il 24 ottobre 2019.
  7. ^ (EN) Profilo dell'autrice, su encyclopedia.com, 24 ottobre 2019.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54191408 · ISNI (EN0000 0000 8132 6037 · SBN IT\ICCU\LO1V\041580 · LCCN (ENn87129917 · GND (DE120433850 · BNF (FRcb12181377x (data) · NDL (ENJA00514905 · WorldCat Identities (ENn87-129917