Gertrude di Babenberg

Gertrude di Babenberg (12261288), figlia del duca Enrico, fu la legittima erede dei domini dei Babenberg, in quanto nipote di Federico II.

Gertrude di Babenberg

Li ereditò, ma solo in teoria perché passò gran parte della vita a rivendicarli fino al 1283 (prima di morire solo pochi anni dopo, nel 1288, all'età di 62 anni).

Nel 1247 sposò Vladislao di Boemia, il quale acquisì tutti i suoi i possedimenti, diventando duca d'Austria. Rimasta vedova nello stesso anno, sposò nel 1248 il margravio Ermanno VI di Baden-Baden, che divenne co-reggente d'Austria, e ne ebbe un figlio, Federico, e una figlia, Agnese. Tuttavia anche il secondo marito morì poco, dopo nel 1250, e ne approfitto' l'ex cognato, Re Ottocaro II di Boemia, che aveva sposato la zia di Gertrude, Margherita di Babenberg (di 26 anni maggiore di lui), Regina dei Romani (già nuora dell'Imperatore Federico II), per avere dei diritti sull'Austria, e che riuscì a controllare per anni. Nemmeno l'imperatore Rodolfo I d'Asburgo l'aiuto' e anzi, dopo aver sconfitto Ottocaro II, infeudo' i propri figli degli ex territori dei Babenberg.

In terze nozze aveva sposato un principe russo, Roman Danilovic (con territori nell'attuale Bielorussia) nel 1252 rimanendo vedova nel 1261, senza che lui riuscisse ad aiutarla in Austria, avendone un'unica figlia, Maria.

Tra i suoi discendenti, tramite la figlia Agnese, ci furono i conti di Cilli, e da loro, Elisabetta di Lussemburgo, Regina di Ungheria, Boemia, figlia di Barbara di Cilli e dell'Imperatore Sigismondo di Lussemburgo, Re di Ungheria, etc. Fu moglie di Alberto II d'Asburgo, imperatore.

L'unico figlio maschio, Federico I di Baden-Baden, era morto a Napoli, a 19 anni, nel 1268 per aver seguito Corradino di Svevia nella sua spedizione in Italia e finendo, come lui, imprigionato a Castel dell'Ovo e poi decapitato.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81228453 · CERL cnp01159886 · GND (DE136972519
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie