Gertrude di Hohenberg

Gertrude di Hohenberg (Deilingen, 1225Vienna, 16 febbraio 1281) è stata una nobildonna tedesca, fu contessa d'Asburgo, Kyburg e Löwenstein come moglie di Rodolfo d'Asburgo dal 1253 e regina dei Romani come Anna d'Asburgo dal 1273. Ella è considerata la Stammmutter della stirpe degli Asburgo.

Gertrude di Hohenberg
Gertrud Anna Habsburg Basel Muenster 2008 018.jpg
La vecchia tomba di Gertrude di Hohenberg nella cattedrale di Basilea
Regina consorte dei Romani
Stemma
Stemma
In carica 1º ottobre 1273 –
16 febbraio 1281
Predecessore Violante d'Aragona
Successore Isabella di Borgogna
Duchessa consorte d'Austria e Stiria
In carica 26 agosto 1278 –
16 febbraio 1281
Predecessore Cunegonda di Slavonia
Successore Elisabetta di Tirolo-Gorizia
Altri titoli Contessa consorte d'Asburgo
Nascita Deilingen, 1225
Morte Vienna, 16 febbraio 1281
Luogo di sepoltura Cattedrale di Basilea
poi abbazia di San Biagio nella Foresta Nera
infine abbazia di San Paolo di Lavanttal
Dinastia Hohenberg
Padre Burcardo V di Hohenberg
Madre Matilde di Tubinga
Consorte di Rodolfo I d'Asburgo
Figli Matilde
Edvige
Alberto
Agnese
Caterina
Hartmann
Clemenza
Rodolfo
Guta
Carlo

BiografiaModifica

Chiarimenti sulla sua ascendenzaModifica

Gertrude di Hohenberg era la figlia maggiore del conte Burcardo V di Hohenberg e sua moglie, la contessa palatina Mechthild di Tubinga, figlia del conte palatino Rodolfo II di Tubinga. I conti svevi di Hohenberg erano un ramo collaterale dei conti di Zollern, da cui si erano in breve tempo separati.

Gli Acta Murensia la chiamano “uxor Gertrudis, quae et Anna, Ludovici, Comitis Froburgi et Hochbergi Comitis filia" (la moglie Gertrude, che compare anche con il nome di Anna, figlia di Ludovico, conte di Frohburg e Hochberg). Lo storico svizzero Aegidius Tschudi († 1572) avanzò di conseguenza la tesi che Gertrude di Hohenberg, moglie del re dei Romani Rodolfo d'Asburgo, provenisse dalla stirpe dei Homberg-Frohburg[1]. Secondo Tschudi, Gertrude sarebbe una figlia († 1274) del conte Ludovico e sorella del conte Hartmann e del conte Ermanno IV. Tuttavia, la contea di Homberg passò ai Frohburg solo grazie al matrimonio di suo fratello Ermanno IV (assunto da Tschudi) con la figlia ed erede del conte Guarniero (Werner) III di Homberg[2].

L'opinione più antica fu smentita senza ombra di dubbio nel 1758 da Johann Friedrich Herbster, che poté assegnare Gertrude o Anna alla casa sveva di Hohenberg[3]. La base era un documento del 27 febbraio 1271, in cui il marito Rodolfo, conte di Kyburg[4] e Asburgo, vendeva all'abbazia di St. Märgen una fattoria a Tiengen (Friburgo in Brisgovia), che gli era stata data in dote alla moglie Gertrude ("Nobilis mulieris Gertrudis uxoris"). Questa transazione fu espressamente concordata dai fratelli di Gertrude "[...] nobilium virorum fratrum suorum Alberti, Burchardi et Vlrici Comitum de Hohinberg". I fatti sono attestati in tre documenti[5]. Di conseguenza, Gertrude proveniva con certezza dalla casata degli Hohenberg svevi.

Matrimonio e figliModifica

Gertrud sposò il conte Rodolfo d'Asburgo, figlio del conte Alberto IV e della di lui moglie, la contessa Heilwig di Kyburg in Alsazia intorno al 1253. Per vent'anni Gertrude di Hohenberg fu burgravina del castello di Stein. il 1º ottobre 1273, a Francoforte sul Meno, gli elettori elessero all'unanimità suo marito come re dei Romani. Dopo la sua incoronazione ad Aquisgrana, si fece chiamare regina Anna.

La coppia ebbe quattordici figli, sei maschi e otto femmine, tra i quali ebbero:

Morte e sepolturaModifica

Gertrude/Anna scelse la cattedrale di Basilea come luogo di sepoltura[7]. Il cronista di Colmar descrive dettagliatamente i preparativi per il suo ultimo viaggio e le circostanze relative alla conservazione del corpo a seguito della sua morte nel 1281: "Le interiora furono rimosse dal corpo, la cavità addominale fu riempita di sabbia e cenere e il viso fu imbalsamato. Poi il corpo è stato ricoperto di cera e avvolto in magnifiche vesti di seta. Una catena d'oro ornava il capo velato. Poi misero la regina morta nella bara, che era di legno di faggio, con le braccia incrociate sul petto. Così il re vide per l'ultima volta la sua consorte prima che la bara fosse chiusa con fasce di ferro". Il corteo funebre giunse a Basilea il 20 marzo 1281. "Tre vescovi hanno celebrato la messa funebre, durante la quale la bara è stata posta in verticale e il coperchio è stato aperto in modo che tutti i presenti potessero vedere ancora una volta l'alto defunto"[8][9].

Dopo tre anni di vedovanza, Rodolfo I si risposò nel 1284 con Isabella di Borgogna (1270-1323)[6], figlia del duca Ugo.

TombaModifica

Nella navata del coro della cattedrale di Basilea si trova il suo sarcofago e quello del figlio minore Carlo. La sua tomba, insieme a quella del figlio Carlo, fu spostata sul lato sinistro del coro dopo il terremoto del 1356. La tomba fu aperta per la prima volta dopo questo spostamento nel 1510 dai canonici di Basilea. La corona reale, un anello e una collana furono rimossi. Un'altra apertura della cripta seguì nel 1770. Un'ulteriore apertura della tomba seguì nel 1770, quando le sue ossa, così come quelle dei suoi figli defunti Carlo e Hartmann, furono trasferite con la traslazione solenne dei corpi Imperiali-reali-ducali austriaci (Feierliche Übersetzung der kaiserlich-königlichen-auch-herzoglich-österreichischen höchsten Leichen) all'abbazia di San Biagio nella Foresta Nera; oggi riposano nell'abbazia di San Paolo di Lavanttal in Carinzia. Un cenotafio è rimasto a Basilea.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni
Burcardo IV di Hohenberg Burcardo III di Hohenberg  
 
Cunegonda di Grünberg  
Burcardo V di Hohenberg  
Valpurga di Aichelberg Luitoldo di Aichelberg  
 
? di Otterswang  
Gertrude di Hohenberg  
Rodolfo II di Tubinga Rodolfo I di Tubinga  
 
Matilde di Gleiberg  
Matilde di Tubinga  
? di Ronsberg Enrico di Ronsberg  
 
Udihilda di Gammertingen  
 

NoteModifica

  1. ^ Aegidius Tschudi: Chronicon Helveticum, Band I., S. 141 und 182
  2. ^ Sembrano possibili varie confusioni del nome, che era comune all'epoca: la moglie del conte Ludovico di Froburg-Homberg - e madre della stessa Gertrude - era la zia di Rodolfo I, Gertrude d'Asburgo († 1241).
  3. ^ Johann Friedrich Herbster: Nachricht von Kaiser Rudolphs von Habsburg erster Gemahlinn (so!). In: Juristisches Wochenblatt, 1. Jg., Leipzig 1772, S. 118–136 (Nachdruck aus Carlsruher nützliche Sammlungen auf das Jahr 1758).
  4. ^ I Kyburg originari e i conti asburgici di Kyburg della linea collaterale dei Laufenberg furono in realtà sempre avversari degli Asburgo austriaci; tuttavia, il casato dei (vecchi) Kyburg si estinse in linea maschile nel 1264 e il laufenburghese Eberardo I fondò il casato dei Nuovi-Kyburg nel 1273 sposando la figlia ereditiera Anna di Kyburg. Nel frattempo, però, Rodolfo I era il tutore legale e quindi nel 1271 era anche il conte regnante di Kyburg.
  5. ^ Ludwig Schmid: Geschichte der Grafen von Zollern-Hohenberg und ihrer Grafschaft, nebst Urkundenbuch, Stuttgart, Gebrüder Scheitlin, 1882, Bd. [2], S. 37 Nr. 60, S. 39 Nr. 61, S. 41 Nr. 62.
  6. ^ a b c d e f g h (FR) Jiri Louda et Michael MacLagan, Les Dynasties d’Europe, Bordas, 1995 (ISBN 2-04-027115-5)
  7. ^ Basler Münster: Grabmal der Königin Anna von Habsburg und ihres Sohnes Karl. Abgerufen am 12. April 2020.
  8. ^ Johann Franzl: Rudolf I. Der erste Habsburger auf dem deutschen Thron. Verlag Styria 1986, S. 60, 201-204; siehe auch hier
  9. ^ Die Odyssee einer toten Königin

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45212133 · CERL cnp00576357 · GND (DE123579783 · WorldCat Identities (ENviaf-45212133