Giacomo I di Borbone-La Marche

militare francese
Giacomo I di Borbone-La Marche
Jacques de Bourbon.jpg
Busto di Giacomo I di Borbone-La Marche - Reggia di Versailles (Galleria delle Battaglie)
Conte di la Marche
Stemma
In carica 1341-1362
Predecessore Luigi I di Borbone
Successore Pietro di Borbone-La Marche
Conte di Ponthieu
In carica 1351-1360
Predecessore Edoardo III
Successore Edoardo III
Nascita 1319
Morte Lione, 6 aprile 1362
Luogo di sepoltura chiesa dei Francescani di Lione
Dinastia Borbone
Padre Luigi I di Borbone
Madre Maria di Hainaut
Consorte Giovanna di Châtillon
Figli Isabella
Pietro
Giovanni
Giacomo
Religione Chiesa cattolica
Giacomo I di Borbone-La Marche
Nascita1319
MorteLione, 1362
Dati militari
Paese servitoFlag of France (XIV-XVI).svg Regno di Francia
Anni di servizio1354 - 1356
GradoConnestabile di Francia
voci di militari presenti su Wikipedia

Giacomo I di Borbone-La Marche (1319Lione, 6 aprile 1362) è stato il secondo conte di La Marche del casato dei Borbone, dal 1341 alla sua morte, fu anche Conte di Ponthieu, dal 1351 al 1360 e connestabile di Francia dal 1354 al 1356.
Fu il capostipite del ramo dei Borbone-La Marche, destinato in seguito a salire sul trono di Francia tramite la linea cadetta dei Borbone-La Marche-Vendôme con Enrico di Borbone-Navarra.

OrigineModifica

Giacomo, sia secondo la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, che secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era figlio del Signore e poi primo duca di Borbone, conte di Clermont e conte di La Marche, Luigi I e della moglie, Maria di Avesnes[1][2], che, secondo il capitolo n° 78a della Chronologia Johannes de Beke era figlia del Conte di Hainaut e conte d'Olanda e di Zelanda Giovanni e della moglie, Filippa di Lussemburgo (1252-6 aprile 1311)[3], che sempre secondo la Chronologia Johannes de Beke, era figlia di Enrico V di Lussemburgo[3] e Marguerite di Bar (1220-1275).
Luigi I di Borbone, sia secondo la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, che secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era il figlio primogenito del di Roberto, conte di Clermont, e della contessa di Charolais ed erede della Signoria di Borbone, Beatrice[4][5], che, secondo la Histoire généalogique des ducs de Bourgogne de la maison de France, era l'unica figlia del conte di Charolais, Giovanni di Borgogna e della dama di Borbone, Agnese[6].

BiografiaModifica

Suo padre, Luigi morì nel gennaio del 1341[7] e fu sepolto nella chiesa dei Frati Predicatori o dei Giacobini (fr:Couvent des Jacobins (rue Saint-Jacques)), di Parigi, accanto alla tomba di suo padre[8]; secondo il necrologio delle Chartreux de Vauvert, Luigi (Ludovicus dux Borbonii) morì il 10 febbraio (IV Id Feb) 1342[9], mentre secondo il necrologio della Sainte-Chapelle, Luigi (Ludovici ducis de Bourbonio) morì il 27 febbraio (III Kal Mar) 1342[10]. Mentre il fratello primogenito, Pietro, gli succedette come duca di Borbone, Pietro I, Giacomo ricevette la contea di La Marche[1].

Ereditato dal padre il titolo di conte, Giacomo dovette litigare col fratello, Pietro per la spartizione dell'eredità[11].

Giacomo fu al fianco del duca di Normandia e futuro re di Francia, Giovanni, all'inizio della guerra dei cent'anni in Bretagna[11] e fu al suo fianco anche alla battaglia di Crécy[11], che ebbe luogo il 26 agosto 1346 e dove Giacomo fu ferito[11].
Nel 1349, Giacomo fu rappresentante del re per tutta la Linguadoca[11].

Dopo che Giovanni era succeduto al padre, Filippo VI di Valois, come re di Francia, nel 1350, ricevette la contea di Ponthieu, che, nel 1336, Filippo VI di Valois l'aveva confiscata a Edoardo III di Inghilterra. La tenne sino a che, nel 1360, col trattato di Brétigny non venne restituita all'Inghilterra.

Negli anni 1351 e 1352, Giacomo servì la corona di Francia in Piccardia e nel 1352, a Parigi arrestò il re di Navarra e conte d'Évreux, d'Angoulême e di Mortain, Carlo II[11].

Nel 1354, alla morte di Carlo di Spagna, Giacomo ricevette la carica di Connestabile di Francia, per cederla due anni dopo Gualtieri VI di Brienne, Duca di Atene.

Nel settembre del 1356, Giacomo partecipò alla Battaglia di Poitiers, dove venne fatto prigionieri dagli inglesi di Edoardo il Principe Nero[11].

Giacomo aveva ampliato i propri possedimenti sia per il valore dimostrato nelle varie campagne militari, che per il matrimonio con Giovanna di Chatillon Saint-Paul[12].

Liberato, dopo il trattato di Brétigny[11], del maggio 1360, Giacomo si impegnò nel tentativo di sgominare le bande di mercenari che, resi liberi dopo il trattato di Brétigny, depredavano le campagne francesi e, al comando delle truppe regie, il 2 aprile 1361, fu sconfitto a Brignais, nei pressi di Lione, dalla compagnia di ventura dei Tard-Venus[11]; Giacomo morì a Lione il 6 aprile[11]in seguito alle ferite riportate durante la battaglia[1].
Giacomo I fu tumulato nella chiesa dei Francescani di Lione[11].
Dopo la sua morte gli succedette il figlio maschio primogenito, Pietro, che, ferito nella stessa battaglia, gli sopravvisse solo per qualche giorno. Il titolo passò quindi al secondogenito Giovanni.

Matrimonio e discendenzaModifica

Nel 1335, giacomo aveva sposato Giovanna di Chatillon Saint-Paul, figlia di Ugo di Châtillon, Signore di Condé, e di Giovanna di Dargies[12].
Da Giovanna di Châtillon, Giacomo ebbe quattro figli[13][14]:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Luigi IX di Francia Luigi VIII di Francia  
 
Bianca di Castiglia  
Roberto di Clermont  
Margherita di Provenza Raimondo Berengario IV di Provenza  
 
Beatrice di Savoia  
Luigi I di Borbone  
Giovanni di Borgogna-Borbone Ugo IV di Borgogna  
 
Yolanda di Dreux  
Beatrice di Borgogna-Borbone  
Agnese di Borbone-Dampierre Arcimbaldo IX di Borbone  
 
Iolanda di Châtillon-Nevers  
Giacomo I di Borbone-La Marche  
Giovanni I d'Avesnes Bouchard IV d'Avesnes  
 
Margherita II delle Fiandre  
Giovanni II d'Avesnes  
Adelaide d'Olanda Floris IV d'Olanda  
 
Matilde di Brabante  
Maria d'Avesnes  
Enrico V di Lussemburgo Valerano III di Limburgo  
 
Ermesinda di Lussemburgo  
Filippa di Lussemburgo  
Margherita di Bar Enrico II di Bar  
 
Filippa di Dreux  
 

NoteModifica

  1. ^ a b c (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 203
  2. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 298
  3. ^ a b (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 78a, pag 255
  4. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pagg. 178 e 179
  5. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 296
  6. ^ (FR) #ES Histoire généalogique des ducs de Bourgogne de la maison de France, pag. 95
  7. ^ Père Anselme, Histoire généalogique de la maison royale de la France et des grands officiers de la couronne, VIII, Parigi, Compagnie des libraires associez, 1733 [1692], p. 407.
  8. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 297
  9. ^ (LA) #ES Obituaires de la province de Sens. Tome 1,Partie 2, Chartreux de Vauvert, pag. 698
  10. ^ (LA) #ES Obituaires de la province de Sens. Tome 1,Partie 2, Sainte-Chapelle, pag. 816
  11. ^ a b c d e f g h i j k l m n (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Comtes de La Marche, pag. 318
  12. ^ a b (FR) "Histoire%20de%20la%20maison%20de%20Chastillon-sur-Marne"&pg=PT148#v=onepage&q&f=false #ES Preuves de l'Histoire De La Maison De Chastillon Svr Marne, pagg. 186 e 187
  13. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BOURBON 1327-1527 (CAPET) - JACQUES de Clermont
  14. ^ (EN) #ES Genealogy: Capet 38 - Jacques I de Bourbon
  15. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 298 e 299

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN208068511 · ISNI (EN0000 0003 5848 7600 · BNF (FRcb13755309z (data) · WorldCat Identities (ENviaf-208068511