Giallo dei Sibillini

Episodio di cronaca nera

Il giallo dei Sibillini è un fatto di cronaca nera nato dopo la morte di Jeanette Bishop e Gabriella Guerin, avvenuta in una data incerta. La sparizione delle due donne avvenne il 29 novembre 1980 sui Monti Sibillini, nei pressi di Sarnano.[1] Le indagini si estesero anche in altri Stati, gran parte nell'Unione Europea, e in Brasile.[2]

Jeanette Bishop e Gabriella Guerin

AntefattiModifica

 
La frazione Schito, dove Stephen e Jeanette comprarono la casa

Ellen Dorothy Jeanette Bishop, conosciuta con il cognome Rothschild essendo l'ex moglie del finanziere Evelyn Rothschild o con il cognome May acquisito dal secondo marito Stephen Charles May, stanziava a Sarnano nel mese di novembre del 1980 con la sua segretaria e interprete Gabriella Guerin, per eseguire dei lavori di restauro ad una casa acquistata presso la frazione Schito. Il 29 novembre Bishop e la Guerin decisero di andare a fare un giro nei pressi della montagna, dirigendosi con la loro auto, una Peugeot 104, verso Sassotetto. Quella sera le condizioni climatiche erano avverse, infatti vi fu una tormenta di neve che si prolungò fino al giorno dopo.[3] L'ultima volta che le donne furono viste in paese era alle 17 del pomeriggio.[4]

IndaginiModifica

 
I carabinieri del Nucleo elicotteri il giorno in cui trovarono l'auto
 
I carabinieri ritrovano i resti di Jeanette e Gabriella

Non vedendo il ritorno delle due donne, nel mese di dicembre un elicottero Agusta Bell 206 dei carabinieri del Nucleo elicotteri di Ancona partì alla loro ricerca, riuscendo ad individuare l'auto. Le forze dell'ordine iniziarono le indagini e riuscirono a scoprire che l'auto era stata parcheggiata volontariamente. Dalle impronte che furono trovare nei pressi di una casa chiamata Villa Galloppa, si pensò che Jeanette e Gabriella avessero utilizzato la struttura come rifugio a causa della nevicata abbondante. L'auto non presentava segni di lotta, di scasso o furto e di guasti.[5] All'interno della casa e sul balcone della facciata i carabinieri trovarono della legna bruciata.[6]

Il 27 agosto 1981 ben 500 uomini tra carabinieri, forestali e vigili del fuoco, con l'ausilio dell'unità cinofila ed elicotteri partirono alla ricerca di Jeanette e Gabriella.[4] Il 18 gennaio 1982 i carabinieri di Camerino, non trovando i corpi delle due donne, ipotizzarono che fossero morte assiderate, anche se l'allora marito di Jeanette non concordò con l'ipotesi. Il 27 gennaio due cacciatori, Domenico Panunti e Corrado Erminia, si imbatterono, durante una battuta di caccia in un bosco tra il Lago di Fiastra e l'eremo di San Liberato,[7] gli oggetti personali e gli scheletri delle due donne: le ossa erano state danneggiate dai cinghiali e alcune di esse erano mancanti. Con l'autopsia si riuscì a capire che sia Jeanette che Gabriella morirono sul luogo del ritrovamento.[8] Verso la fine dell'anno venne arrestato il commerciante brasiliano di pietre preziose José Rodriguez May, per poi essere rilasciato.[9]

Nel dicembre del 1982 il caso venne preso dal procuratore di Macerata Alessandro Iacoboni, che aprì un fascicolo per omicidio doloso. Scotland Yard, nel mentre, stava effettuando delle indagini sulla morte di un antiquario romano, Sergio Vaccari, ucciso con quindici coltellate il 17 settembre 1982 nel suo appartamento ad Holland Park: quest'indagine complicò ulteriormente il caso della morte delle due donne, poiché si scopri che Jeanette era uno dei contatti dell'uomo. La figura di Jeanette e dell'antiquario sono collegate con il furto alla casa d'aste "Christie's" di piazza Navona e dei telegrammi, a volte incomprensibili, sono stati ritrovati in possesso della donna.[2] Il 25 settembre 1989 Iacoboni concluse che il caso era attribuibile ad un duplice omicidio con cause e responsabili ignoti.[10]

Il nome della Bishop uscì durante le indagini dell'Istituto per le opere di religione, dell'allora presidente Paul Marcinkus,[11] e nel caso Orlandi.[12] Secondo la testimonianza di Marco Fassone Accetti, uno delle sei persone accusate per la scomparsa della Orlandi, il gruppo di laici e religiosi di cui faceva parte, che nell'83 fecero il sequestro simulato di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, decise di effettuare un'operazione ai danni dello IOR e di altre numerose figure religiose per fermare i finanziamenti anticomunisti di Giovanni Paolo II: Jeanette fu una delle donne scelte per accusare Marcinkus di violenza sessuale, poiché era solita frequentare salotti dell'alta nobiltà, ma la sua morte bloccò il piano. [13] La Bishop, essendo amica dell'arcivescovo, forse era venuta a conoscenza di qualche informazione legata alla scomparsa di Emanuela Orlandi e quindi uccisa per questo motivo.[14] La famiglia di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori avevano come avvocato Gennaro Egidio, lo stesso di Jeanette.[15]

Nel 1987 il nome di Jeanette fu legato nuovamente ad un'altra inchiesta, nata dopo il furto di 60 miliardi di lire al Knightsbridge Deposit Centre di Brompton, ma il 25 settembre 1989 Iacoboni presentò la sua sentenza in cancelleria e il caso venne archiviato.[15][16]

Nel 2006 il docente di diagnostica molecolare forense Franco Maria Venanzi, dell'università di Camerino, è riuscito ad effettuare il riconoscimento di Gabriella Guerin attraverso l'esame del suo DNA.[10]

ConseguenzeModifica

Le questioni legali tra Panunti e MayModifica

 
Stephen Charles May

Il 14 gennaio 1982, circa un anno dopo la scomparsa delle donne, il marito di Jeanette, Stephen, lanciò un appello televisivo per cercare di ottenere informazioni riguardanti la sparizione e disse di pagare una ricompensa di 100 milioni di lire per chiunque avesse contribuito a dare informazioni e fino a 250 milioni per il ritrovamento di Jeanette e Gabriella vive.[17]

Il 29 gennaio 1982 Domenico Panunti, il cacciatore di Camerino che rinvenne i resti delle due donne, reclamò la somma di 100 milioni di lire promessa, ma Stephan May non la pagò mai, in quanto sostenne che il ritrovamento delle ossa delle donne fu sono un evento casuale. Il 15 ottobre 1983, dopo che May propose una ricompensa di 10 milioni di lire, Panunti gli fece causa e a seguito della sentenza emanata nel 1984, la Corte d'appello di Ancona condannò May al risarcimento di 25 milioni di lire e diede l'ordine di effettuare il sequestro dei suoi immobili a Sarnano.[6][18]

L'opinione dei giornalisti inglesiModifica

I giornalisti inglesi del Sunday Times Gitta Sereny e Dalbert Mallestein criticarono l'efficacia delle indagini e delle valutazioni, nonché il lavoro delle forze dell'ordine. Secondo la loro opinione ad uccidere le donne sarebbero stati due sardi dopo una rapina finita male. La loro idea si basa su alcuni elementi non considerati nelle indagini italiane, come la presenza di sette piatti sporchi nella casa, gli orologi delle vittime fermi alla stessa ora e dei pezzi di corda vicino ai resti dello scheletro, ma secondo gli inquirenti questa teoria è sbagliata.[4]

Influenza culturaleModifica

DocumentariModifica

  • Il posto della neve, di Alessandro Galassi, Sarnano, 2011.[19]

ProgrammiModifica

NoteModifica

  1. ^ Il caso della Baronessa Rothschild, dalla sparizione alla morte, su RaiPlaySound. URL consultato il 29 gennaio 2022.
  2. ^ a b LA ROTHSCHILD FU AVVELENATA O STRANGOLATA - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  3. ^ La baronessa Rothschild, il suo omicidio resta ancora avvolto nel mistero, su Metropolitan Magazine, 17 maggio 2021. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  4. ^ a b c Maria Giovanna Maglie, Rothschild, torna il giallo (PDF), su L'Unità.
  5. ^ Fabrizio Peronaci, «Io c’ero». Volti e ricordi da prima pagina, su Corriere della Sera, 10 maggio 2019. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  6. ^ a b Corte d'appello di Ancona, Sentenza 28 febbraio 1986; Pres. Boari, Est. Miloni; Panunti (Avv. Zucconi) c. May (Avv. Jacchia, Franchini, Bucci), in Il Foro Italiano, vol. 110, n. 4, 1987, pp. 1277/1278–1283/1284. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  7. ^ Villa Lucio e il mistero della baronessa Rothschild, su Sci Marche, 24 gennaio 2022. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  8. ^ La misteriosa fine della baronessa Rothschild, su chilhavisto.rai.it. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  9. ^ Fabrizio Peronaci, Le ossa di Jeannette trovate dopo 14 mesi, su Corriere della Sera, 26 gennaio 2020. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  10. ^ a b Un documentario girato a Sarnano fa tornare a parlare del giallo Rothschild, su Cronache Maceratesi, 25 gennaio 2011. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  11. ^ Fabrizio Peronaci, La baronessa de Rothschild e i ricatti a Marcinkus per ostacolare Papa Wojtyla, su Corriere della Sera Roma. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  12. ^ Fabrizio Peronaci, La Rothschild e le due ragazze sparite Spunta un filo rosso: stesso avvocato, su Corriere della Sera Roma. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  13. ^ Emanuela Orlandi, baronessa Rothschild e "i ricatti per defenestrare Marcinkus" |, su Blitz quotidiano. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  14. ^ Delitto Rothschild, la supertestimone: «Baronessa uccisa per il caso Orlandi», su ilgazzettino.it, 13 luglio 2013. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  15. ^ a b (IS) Maria Paola Cancellieri e Marina Minelli, Misteri, crimini e storie insolite delle Marche, Newton Compton Editori, 10 ottobre 2013, ISBN 978-88-541-5897-9. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  16. ^ Antonella Beccaria, E rimasero impuniti: dal delitto Calvi ai nodi irrisolti di due Repubbliche, Socialmente, 2010, ISBN 978-88-95265-37-7. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  17. ^ (EN) Boar hunters found the bodies of Jeanette Rothschild May,..., su UPI. URL consultato il 30 gennaio 2022.
  18. ^ IN TRIBUNALE PER LA TAGLIA DEL CASO ROTHSCHILD - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 1º febbraio 2022.
  19. ^ Il posto della neve, su Eccom. URL consultato il 30 gennaio 2022.

Altri progettiModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche