Apri il menu principale

Giancarlo Guardabassi

disc jockey, cantante e paroliere italiano
Giancarlo Guardabassi
Giancarlo-Guardabassi-radio.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale1964 – in attività
EtichettaARC, RCA Italiana, Mustang, CP Records
Album pubblicati7
Sito ufficiale

Giancarlo Guardabassi (Foligno, 21 agosto 1937) è un disc jockey, cantante, paroliere e conduttore radiofonico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Le originiModifica

 
Giancarlo Guardabassi e Anna Carini durante una pausa di "Count Down", negli studi di Radio Rai.

Figlio del conte Alberto Guardabassi (medico condotto) e della baronessa Orietta Danzetta, Giancarlo Guardabassi ebbe origine da un'antica famiglia perugina (a Perugia, abitava proprio in via Guardabassi, così chiamata in onore dell'antenato, il senatore Francesco Guardabassi, eroe risorgimentale del capoluogo umbro).

Negli anni cinquanta frequentò il liceo classico in via Guardabassi a Perugia e successivamente si laureò in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Perugia, dove inizialmente intraprese l'attività forense presso un noto studio legale.

Gli inizi come cantanteModifica

Nella prima metà degli anni sessanta Guardabassi fu presentato al talent-scout e autore Franco Migliacci dall'amico e pianista perugino Claudio Mantovani. Nella casa romana di Migliacci, Guardabassi fece un'audizione che ebbe esito positivo. Migliacci e Mantovani portarono poi Guardabassi alla corte del musicista Bruno Zambrini e la carriera musicale di Guardabassi ebbe inizio. Se ti senti sola, canzone che presentò al Cantagiro del 1964, arrivò ai primi posti della classifica italiana di vendita. Fra gli altri suoi successi Sulamente a mia, canzone con la quale partecipò al Festival di Napoli del 1964 in coppia con Claudio Villa, Da' retta a me, A me piace tua figlia.

Guardabassi incise alcuni successi anche in lingua spagnola e dopo una tournée in Argentina e Brasile i suoi brani vennero trasmessi nelle radio del Sud e Centro America, dove divenne noto in particolare in Argentina e Cuba. Nell'isola caraibica, in quella che venne denominato la 'decada prodigiosa' , Giancarlo Guardabassi veniva presentato alla radio con il suo vero nome o preferibilmente con il nome adattato di Juan Carlos Guardaban.

Autore di canzoniModifica

Giancarlo Guardabassi divenne anche autore di testi musicali, scrivendo canzoni per alcuni dei più popolari cantanti dell'epoca. Tra le sue canzoni più note Se puoi uscire una domenica sola con me per Gianni Morandi, Pietà per chi ti ama, No mamma, Ma l'amore cos'è, Cento Ragazzine, Preghiera per lei e Cielo blu per Massimo Ranieri, Mulino a vento per Little Tony, Casatschok interpretata da Dori Ghezzi, Il duca della Luna per Mariolino Barberis e arrangiata da Ennio Morricone, Non m'importa più cantata da Donatella Moretti, Povero cuore cantata da Claudio Villa, Un atto di dolore cantata da Peppino Gagliardi, Il ballo di Peppe eseguita dal gruppo I Cugini di Campagna, L'amore dice ciao interpretata da Andee Silver per la colonna sonora del film di Pasquale Festa Campanile La matriarca, con la musica di Armando Trovajoli, Principe azzurro per Cristy (su musica di Carlo Pes). Guardabassi scrisse e firmò i brani con il proprio nome e talvolta con lo pseudonimo di Anassandro.

Autore di spettacoliModifica

Nel 1971 Giancarlo Guardabassi fu l'ideatore di uno spettacolo interamente dedicato a Gigliola Cinquetti dal titolo "Ma l'amore sì", per la regia di Maurizio Corgnati.

Nel 1975 Guardabassi scrisse i testi per lo spettacolo dal vivo Concerto d'estate - Dal vivo dalla Bussola, al quale evento live parteciparono Marcella Bella, Sandro Giacobbe, Gigliola Cinquetti, Loredana Bertè, Al Bano e Romina Power e dal quale venne tratto un album di un certo successo discografico.

Autore televisivoModifica

Giancarlo Guardabassi fece diverse esperienze come autore televisivo, tra il 1971 e il 1976, per programmi in onda sui due canali Rai allora esistenti.

La radioModifica

 
Giancarlo Guardabassi intervistato da Paolo Ferrari

Negli anni sessanta Giancarlo Guardabassi iniziò la carriera di Disc jockey radiofonico a Radio Rai conducendo programmi musicali importanti come Countdown insieme ad Anna Carini, durante il quale presentava in anteprima brani mai arrivati in Italia e che divenne un punto di riferimento per i giovani dell'epoca; Gli amici della settimana, con i migliori pezzi della settimana e con la regia di Maurizio Costanzo; Il mattiniere, in onda nel 1968 con inizio alle ore 6 del mattino, che divenne un punto di riferimento per il risveglio degli italiani, condotto insieme a Federica Taddei e Adriano Mazzoletti e durante il quale venivano proposte le ultime novità musicali italiane e straniere; Discosfida[1], in cui Guardabassi realizzò la prima intervista nella carriera di Vasco Rossi, che presentava il suo album di esordio Ma cosa vuoi che sia una canzone; Dischi caldi, il programma di maggior successo di Guardabassi, che era anche autore della trasmissione, per la regia di Enzo Lamioni, una vera trasmissione cult nella storia della radiofonia in Italia.

Dischi caldiModifica

La prima puntata di Dischi caldi andò in onda il 7 ottobre 1973 su Radio 1. Di questo programma Guardabassi fu autore e conduttore. Nel corso del programma venivano proposti i brani collocati a partire dal nono fino al sedicesimo posto delle classifiche di vendita italiane. I dischi caldi erano appunto i dischi che si scaldavano, pronti per entrare nella Hit Parade di Lelio Luttazzi, programma che per un breve periodo condusse lo stesso Guardabassi. Il grido di Guardabassi "Forza Perugiaaa"[2], divenne noto agli italiani al punto che Ilario Castagner, l'allora allenatore della squadra di calcio del Perugia del presidente Franco D'Attoma, ringraziò pubblicamente il conduttore[3], durante la festa promozione a piazza IV Novembre alla presenza di una grande folla di tifosi, poiché spronava la squadra prima di scendere in campo. Frasi come "Dal più giovane al più vecchio: tutti orecchio all'apparecchio!" o "non li canta la Tebaldi ma son caldi caldi caldi", figure come "il Grifo di Annifo" e "la Cozza dei Trasimeno" sono entrati nell'immaginario degli ascoltatori dell'epoca.

Guardabassi rese celebre anche il paese di Francavilla d'Ete e i suoi personaggi più tipici di allora. Francavilla era un semisconosciuto comune di circa mille abitanti in provincia di Fermo, del quale decantava le lodi, raccontava gli aneddoti e dove coltivava degli interessi, divenendo il luogo in cui ha fondato la sua attuale attività.

Dischi caldi venne interrotto nel 1976, come anche il contemporaneo programma Hit Parade condotto da Lelio Luttazzi, che Guardabassi aveva sostituito per un breve periodo nel giugno del 1970, quando Luttazzi venne ingiustamente accusato e arrestato, insieme all'amico e attore Walter Chiari, con l'accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L'incredibile vicenda giudiziaria vide Luttazzi completamente scagionato dall'accusa ed estraneo ai fatti; quando Guardabassi riconsegnò la trasmissione a Luttazzi pronunciò in diretta la frase: "Vi saluta a dieci passi il Giancarlo Guardabassi".

La trasmissione Dischi caldi fu interrotta al suo culmine, quando era seguita da una media di circa 6 milioni di ascoltatori al giorno. Questi erano i numeri della radio di quei tempi, nei programmi di maggior successo, quando non esisteva ancora l'emittenza privata.

Alcuni critici hanno considerato Giancarlo Guardabassi un precursore[4] di molti conduttori radiofonici moderni, un anticipatore di quello stile spigliato e da disc-jockey all'americana che da lì in avanti sarebbe stato recepito anche dalle nascenti emittenti private e da molti suoi interpreti. Ritmo serrato, rapidi sketch con personaggi frutto di fantasia interpretati sempre da Guardabassi, come il popolare perugino Peppin de Sguilla e soprattutto come l'alter ego Giambasso, con il quale interloquiva in una rapida sovrapposizione di voci, con uno stile rapido e personale, hanno reso Dischi caldi un programma importante e innovativo del panorama radiofonico nazionale.

Anche in Dischi caldi, come nella 'Hit Parade' di Lelio Luttazzi, c'era la tendenza a parlare sopra il brano in corso che nominava titolo e interprete del brano, evitando di sovrapporsi alle parti cantate e sfruttando le sole pause musicali.

Giancarlo Guardabassi può essere considerato uno dei primi Disc jockey italiani, grazie al suo stile giovanile e moderno, apprezzato e imitato da molti deejay successivi.

Il Festival di Sanremo 1976Modifica

Nel 1976, sull'onda del successo radiofonico, Giancarlo Guardabassi fu scelto dal patron Vittorio Salvetti per presentare l'edizione numero XXVI del Festival di Sanremo, al fine di rilanciare la manifestazione, che nel 1975 aveva conosciuto il suo anno peggiore. La scelta ricadde su Guardabassi dopo che Domenico Modugno, inizialmente designato alla conduzione, si ritirò per motivi personali a pochi giorni dall'evento. Guardabassi fu costretto a preparare il festival in pochi giorni, con tempi oggi inimmaginabili. Domenico Modugno intervenne poi nella serata finale come ospite principale e si esibì dal vivo eseguendo alla chitarra un medley dei suoi successi.

Questa fu l'ultima edizione del Festival trasmessa in bianco e nero alla televisione. Il Festival era organizzato in tre serate, il 20, 21 e 22 febbraio. Per la prima volta nella storia del Festival il conduttore non salì mai sul palcoscenico, ma rimase sempre seduto ad un tavolo ai piedi del palco stesso, di spalle ad una colonna e rivolto alla scena, munito di monitor, telefoni, testi e microfoni, con una postazione molto simile ad uno studio radiofonico: Guardabassi condusse la trasmissione come se fosse alla radio, non guardando mai la telecamera, affiancato da due assistenti diverse per ognuna delle tre serate, che non parlavano mai. La conduzione fu in stile moderno, tipico dei deejay all'americana, ai quali egli si ispirava.

Le serate del 20 e 21 furono trasmesse sul secondo programma della Radio Nazionale. La registrazione video della serata conclusiva del Festival, l'unica ad andare in onda in diretta sul canale Nazionale alle 20:30, è andata perduta in un incendio dell'archivio Rai di Torino. Esistono solamente alcune versioni trasmesse da televisioni straniere e a colori, grazie alla Mondovisione Rai, con il commento del traduttore simultaneo in lingua spagnola. Questa edizione del Festival fu vinta da Peppino Di Capri.

La nascita di Radio Aut MarcheModifica

Il 1º agosto 1976 Giancarlo Guardabassi fondò insieme all'amico Goffredo Luciani Radio Aut Marche, una radio privata della quale è tuttora editore, direttore, conduttore e Disc jockey. Radio Aut Marche è molto nota nelle province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Ancona e Teramo e Giancarlo Guardabassi continua nel suo lavoro di conduttore radiofonico, anche se le opinioni e il dibattito hanno preso il posto del puro stile da 'deejay all'americana' che aveva negli anni precedenti.

Il 5 luglio 2006 Radio Aut Marche ha ricevuto un riconoscimento dall'Aeranti Corallo, un'associazione delle emittenti private radio-televisive; si tratta di un premio consegnato alle emittenti locali che vantavano almeno 30 anni di attività[5], nel corso del Convegno "30 anni di emittenza privata" tenutosi durante il RadioTv Forum 2006.

Il 1º agosto 2015 Radio Aut Marche ha festeggiato i suoi 41 anni di attività.

Il GG ShowModifica

Dalla fine degli anni '70 alla fine degli anni '90, Giancarlo Guardabassi girò l'Italia con il suo show musicale dal titolo "GG Show", dove le due "G" rappresentavano le iniziali del suo nome. Lo show, ogni anno differente, veniva presentato come uno spettacolo di piazza; Giancarlo Guardabassi conduceva lo spettacolo accompagnato da un'orchestra musicale e da numerosi cantanti, ballerine e comici. Ma Guardabassi non si limitava a presentare, gran parte delle interpretazioni canore erano direttamente sue e il repertorio variava spesso, pur comprendendo in particolare brani della tradizione popolare nazionale e internazionale. Nelle ultime edizioni partecipò allo show un giovane Neri Marcorè[6] come cantante e imitatore.

Il GG Show ebbe un discreto successo di pubblico, in particolare nelle piazze delle Marche.

DiscografiaModifica

45 giriModifica

Anno Titolo: lato A Autori lato A Titolo: lato B Autori lato B Interpreti Paese di pubblicazione Codice pubblicazione Note
1964 Da' retta a me 3:26 Franco Migliacci-Gian Claudio Mantovani Sulla Terra ho solo te 2:59 Franco Migliacci-Gian Claudio Mantovani Giancarlo Guardabassi Italia ARC AN 4002
1964 Se ti senti sola 2:38 Franco Migliacci-Luis Bacalov Io non ti ho saputo amare 2:25 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Giancarlo Guardabassi Italia ARC AN 4016
1964 Sulamente 'a mia 3:06 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Non posso più resistere 2:10 Camucia-Nartefer-Vibio Giancarlo Guardabassi Italia ARC AN 4020
1964 Solamente mia 2:55 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Ma sei mia 2:25 Sergio Bardotti-Gian Piero Reverberi Giancarlo Guardabassi Italia ARC AN 4026
1964 Solamente Mia 3:06 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Ma sei mia 2:25 Bardotti-Reverberi Giancarlo Guardabassi Argentina RCA Victor 31A-0620
1964 Solamente Mia 3:06 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Ma sei mia 2:25 Bardotti-Reverberi Giancarlo Guardabassi Brasile RCA Victor LC 16116
1965 Un uomo tanto solo (Permanently Lonely) 2:43 Willie Nelson-Franco Migliacci Torna, torna, torna! 2:48 Franco Migliacci-Bruno Zambrini-Luis Bacalov Giancarlo Guardabassi Italia ARC AN 4048
1965 Vuelve Vuelve Vuelve (Torna Torna Torna) "2:48" Franco Migliacci-Bruno Zambrini-Luis Bacalov Permanentemente Solo (Un Uomo Tanto Solo) "2:43" Willie Nelson-Franco Migliacci Giancarlo Guardabassi Argentina RCA Victor 31A-0784
1967 A me piace tua figlia 3:13 Gianni Meccia-Giancarlo Guardabassi A cosa serve 3:22 Gianni Meccia-Loris Bazzocchi-Giancarlo Guardabassi Giancarlo Guardabassi Italia Mustang, CM 30.002
1975 Forza Perugia!!! 3:24 Giancarlo Guardabassi Piazza IV Novembre 2:59 Virgilio Riccieri-Giancarlo Guardabassi Giancarlo Guardabassi Italia CP Records CP 0023

EPModifica

Anno Titolo: lato A 1/2 Autori Titolo: lato A 2/2 Autori Titolo: lato B 1/2 Autori Titolo: lato B 2/2 Autori Interpreti Paese di pubblicazione Codice pubblicazione
1957 Mirella S. Consalvy Le tue labbra tremano S. Consalvy Sei tu quell'angelo M. Ebreo Altalena di primavera M. Ferrero - S. Franceschini Giancarlo Guardabassi Italia Sire Records RPD 1015
1964 Si te sientes sola (Se ti senti sola) 2:38 Franco Migliacci - L. Enríquez No te he sabido amar (Io non ti ho saputo amare) 2:38 Franco Migliacci - Bruno Zambrini Solamente Mia (Sulamente 'a mia) 3:06 Franco Migliacci - Bruno Zambrini No puedo más (Non posso più resistere) Camucia - Nartefer - Vibio Giancarlo Guardabassi Spagna RCA Victor 3.20838
1965 Vuelve Vuelve Vuelve (Torna torna torna) 2:48 Franco Migliacci - Bruno Zambrini - Luis Bacalov Solamente mia (Sulamente 'a mia) 3:06 Franco Migliacci - Bruno Zambrini Si Te Sientes Sola (Se ti senti sola) Franco Migliacci - Luis Bacalov Permanentemente Solitario (Un uomo tanto solo) Willie Nelson - Franco Migliacci Giancarlo Guardabassi Argentina RCA Victor 3AE 3432

LPModifica

Anno Titolo album Titolo brano Posizione Autori Interpreti Paese di pubblicazione Codice pubblicazione Note
1964 I successi dell'estate '64 Se ti senti sola Lato A track 7 Franco Migliacci-Luis Bacalov Giancarlo Guardabassi Italia ARC ALP 11001
1964 Auguri dalla RCA italiana Ma sei mia Lato A track 17 Bardotti-Reverberi Giancarlo Guardabassi Italia RCA Italiana – SPEC 4 Compilation promo. Edizione Fuori Commercio
1964 La RCA italiana presenta

I dischi per le vacanze '64

Se ti senti sola Lato A track 7 Franco Migliacci-Enriquez Giancarlo Guardabassi Italia Rca 1964

SPEC - 3

Compilation promo. Edizione fuori commercio
1964 Le belle famiglie Caro amore mio Franco Migliacci-Marcello Ciorciolini-Armando Trovajoli-Carlo Pes-Jimmy Fontana Giancarlo Guardabassi Italia, Francia RCA Colonna sonora originale del film Le belle famiglie (1964) di Ugo Gregoretti.
1964 Due mafiosi nel Far West Fuoco nel cielo 2:30 Lato A track 1 Giorgio Fabor-Marcello Ciorciolini Giancarlo Guardabassi Italia Colonna sonora originale del film Due mafiosi nel Far West (1964) con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Coro de I Cantori Moderni di Alessandroni
1964 Italiani brava gente Italiano Karascio 5:14 Lato A track 1 Armando Trovajoli Giancarlo Guardabassi e Teddy Reno Italia RCA PML10382 Colonna sonora originale del film Italiani brava gente (1965) di Giuseppe De Santis.
1965 Festival de la cancion de la Italia Inmortal Vuelve Vuelve Vuelve (Torna Torna Torna) Lato B track 6 Franco Migliacci-Bruno Zambrini-L. Enríquez Giancarlo Guardabassi Argentina RCA Victor AVLP-3616
1965 Los 6 Exitos de Italia Si Te Sientes Sola (Se ti senti sola) Lato A track 3 Franco Migliacci-L. Enríquez Giancarlo Guardabassi Argentina RCA Victor MED 125
1965 Benissimo Se ti senti sola Lato A track 4 Franco Migliacci-L. Enríquez Giancarlo Guardabassi Brasile RCA Victor BBL-169
1965 Ti amo Solamente mia Lato B track 2 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Giancarlo Guardabassi Brasile RCA Victor BBL-170
1965 Cantagiro Sulla terra ho solo te / Sulamente 'a mia / Da' retta a me Lato A track 3 / Lato B track 4 / Lato B track 6 Franco Migliacci-Gian Claudio Mantovani / Franco Migliacci-Bruno Zambrini / Franco Migliacci-Gian Claudio Mantovani Giancarlo Guardabassi Brasile RCA Victor BBL-173
1966 Explosivamente Bailable!! Vuelve Vuelve Vuelve (Torna Torna Torna) Lato A track 5 Franco Migliacci-Bruno Zambrini-Luis Bacalov Giancarlo Guardabassi Argentina RCA Victor AVLP-3639
1966 Italia en español Si Te Sientes Sola (Se ti senti sola) Lato A track 6 Franco Migliacci-L. Enríquez Giancarlo Guardabassi Spagna RCA Victor
1966 Sucessos de nossos dias (dalla collezione 'La bella musica italiana') Se ti senti sola Lato B track 6 Franco Migliacci-L. Enríquez Giancarlo Guardabassi Brasile RCA Victor BMIS-7

CDModifica

Anno Titolo album Titolo brano Posizione Autori Interpreti Paese di pubblicazione Codice pubblicazione
2000 Gli Anni Moderni Solamente Mia CD 1 di 1 / track 1 Franco Migliacci-Bruno Zambrini Giancarlo Guardabassi Argentina
1993 Quei favolosi anni '60 - 1964 - 1 Se ti senti sola CD 1 track 7 Franco Migliacci-Luis Bacalov Giancarlo Guardabassi Italia Fabbri Editori – QFAS 50
2009 Grandes De Italia... Los 60 Torna Torna Torna CD 1 / track 9 Franco Migliacci-Bruno Zambrini-Luis Bacalov Giancarlo Guardabassi Argentina Magenta Discos B004RCMYXS (anche in mp3)
2010 Due Mafiosi nel Far West - I 2 sergenti del Generale Custer (OST) Fuoco Nel Cielo CD 1 di 2 / track 1 Giorgio Fabor-M. Ciorciolini Giancarlo Guardabassi Italia Digitmovies CDDM156
2013 Da' retta a me / Sulla terra ho solo te Original Recordings - Anni '60, Vol.1 320kbps MP3 / track 11 e 12 di 16 Franco Migliacci-Gian Claudio Mantovani / Franco Migliacci-Gian Claudio Mantovani Giancarlo Guardabassi Italia RCA Records Label - ASIN: B00HHB7878

Trasmissioni televisiveModifica

  • Festival di Sanremo 1976 - Conduttore
  • Su di giri (1971) - Autore
  • Ma l'amore sì (1971) - Autore
  • Dedicato a Paola (1972) - Autore
  • Una canzone e un sorriso (1972) - Autore
  • Teatro 11 (1972) - Autore
  • Tutto è pop (1972) - Autore
  • Gli amici del teatro 10 (1972) - Autore
  • Questa sera un fiore (1974) - Autore
  • Musica in libertà (1975) - Autore
  • Canti popolari italiani (1976) - Autore

NoteModifica

  1. ^ La prima intervista nella carriera di Vasco Rossi, realizzata da Giancarlo Guardabassi a Radio Rai, nel corso della trasmissione 'Discosfida', rai.it (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2006).
  2. ^ Il personaggio Giancarlo Guardabassi e il grido Forza Perugiaaaa, bustocco.it, 1º febbraio 2009.
  3. ^ Dischi Caldi, su FARDROCK, 17 dicembre 2014. URL consultato l'8 marzo 2017.
  4. ^ La Hit Parade radiofonica. L'altra Hit Parade: i Dischi Caldi, hitparadeitalia.it, 28 ottobre 2005.
  5. ^ RadioTv Forum di Aeranti Corallo - Le emittenti private[collegamento interrotto], RADIOTV srl, 5 luglio 2010.
  6. ^ La storia di Neri marcorè e i suoi inizi con Giancarlo Guardabassi, ildecoder.com di Cesare Lanza, 1º marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2010).
  • Antonio Sciotti, Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1981, ed. Luca Torre, 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN250437045 · ISNI (EN0000 0003 7099 8411 · BNF (FRcb147621676 (data) · WorldCat Identities (EN250437045