Gianclaudio Bressa

politico italiano

Gianclaudio Bressa (Belluno, 16 gennaio 1956) è un politico italiano, senatore della Repubblica per il Partito Democratico dal 2018.

Gianclaudio Bressa

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega agli affari regionali
Durata mandato26 luglio 2017 –
1º giugno 2018
PresidentePaolo Gentiloni
PredecessoreEnrico Costa[1]
SuccessoreErika Stefani[1]

Sottosegretario di Stato al Ministero degli affari regionali e autonomie
Durata mandato28 febbraio 2014 –
26 luglio 2017
PresidenteMatteo Renzi
Paolo Gentiloni
PredecessoreWalter Ferrazza
SuccessoreStefano Buffagni

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega alla funzione pubblica
Durata mandato22 ottobre 1998 –
22 ottobre 1999
PresidenteMassimo D'Alema
PredecessoreSergio Zoppi
Ernesto Bettinelli
SuccessoreRaffaele Cananzi
Adriana Vigneri

Durata mandato26 maggio 2000 –
11 giugno 2001
PresidenteGiuliano Amato
PredecessoreRaffaele Cananzi
Adriana Vigneri
SuccessoreLearco Saporito

Sindaco di Belluno
Durata mandato22 dicembre 1990 –
7 giugno 1993
PredecessoreAldo Da Rold
SuccessoreMaurizio Fistarol

Vicesindaco di Belluno
Durata mandato15 marzo 1986 –
10 aprile 1990
Vice diGiovanni Crema
PredecessoreGaetano Toscano
SuccessoreEdoardo Bristot

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato23 marzo 2018 –
12 ottobre 2022
LegislaturaXVIII
Gruppo
parlamentare
Per le Autonomie
CoalizioneCentro-sinistra
CircoscrizioneTrentino-Alto Adige
Collegio1 (Bolzano)
Incarichi parlamentari
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato9 maggio 1996 –
22 marzo 2018
LegislaturaXIII, XIV, XV, XVI, XVII
Gruppo
parlamentare
XIII: Popolari Democratici-L'Ulivo
XIV: DL-L'Ulivo
XV-XVII: Partito Democratico
CircoscrizioneXIII: Veneto 1
XIV-XVII: Trentino-Alto Adige
CollegioXIV: Bolzano
Incarichi parlamentari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
DC (1988-1994)
PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
Titolo di studioDiploma di Liceo Classico
ProfessioneConsulente Aziendale

È stato sindaco di Belluno dal 22 dicembre 1990 al 7 giugno 1993, più volte sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, deputato alla Camera per cinque legislature (XIII, XIV, XV, XVI e XVII), ricoprendo vari incarichi parlamentari.

Biografia modifica

Nato a Belluno nel 1956, dopo aver conseguito la maturità classica, ha lavorato per vari anni come consulente aziendale.[2]

Ha iniziato la carriera politica con la Democrazia Cristiana (DC), dov'è stato eletto il 18 luglio 1988 consigliere comunale e ha ricoperto la carica di assessore nell'amministrazione comunale di Belluno fino al 1990.[3][4]

Successivamente viene eletto a sindaco di Belluno dal 1990 al 1993[3][4]. Ricopre nuovamente la carica di consigliere comunale fino a luglio 1995.[3][4]

Nel 1994, con lo scioglimento della DC, aderisce alla rinascita del Partito Popolare Italiano (PPI) di Mino Martinazzoli, viene eletto deputato alle elezioni politiche del 1996.

Deputato alla Camera modifica

È stato Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel primo governo D'Alema e nel secondo governo Amato, occupandosi soprattutto di norme a tutela delle minoranze linguistiche e di autonomie speciali, di funzione pubblica e di affari regionali[5] e redigendo, nell'ambito della riforma del Titolo V della Costituzione, il nuovo comma 3 dell'articolo 116 dedicato all'autonomia differenziata.[6]

Dopo aver confermato il suo seggio a Montecitorio nelle politiche del 2001, nelle liste della Margherita, è stato vicepresidente della Commissione Affari Costituzionali. Nel 2005 ha scritto il libro Quel "pasticciaccio brutto" della riforma costituzionale. 164 motivi per non volerla, in riferimento al tentativo di riforma costituzionale della Casa delle Libertà. Il volume raccoglie 164 interventi pronunciari in aula, ed è stato definito vagamente autocelebrativo[7].

Bressa è stato eletto per la terza volta alla Camera dei deputati nel 2006 con la lista dell'Ulivo, nella circoscrizione Trentino-Alto Adige-Südtirol. È presidente della Commissione dei Sei per l'autonomia della provincia autonoma di Bolzano e uno dei vicepresidenti del gruppo parlamentare dell'Ulivo-Partito Democratico.

Alle elezioni politiche in Italia del 2013 è stato eletto alla Camera dei deputati, come capolista tra le lista del Partito Democratico nella circoscrizione Trentino-Alto Adige.[8] In quell'occasione è stato l'artefice dell'accordo elettorale tra il PD e Südtiroler Volkspartei.[9]

Già membro della Commissione paritetica per le norme di attuazione dello statuto del Trentino Alto Adige, ne è diventato presidente il 4 febbraio 2014[5].

Il 28 febbraio 2014 è stato nominato sottosegretario agli Affari Regionali[5], carica che lascia il 12 dicembre 2016, quando contestualmente diventa Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel Governo Gentiloni. In seguito alle dimissioni del ministro per gli affari regionali Enrico Costa assume la delega il 26 luglio 2017.

Elezione a senatore modifica

Alle elezioni politiche del 2018 viene candidato nel collegio uninominale di Bolzano al Senato della Repubblica, per la coalizione di centro-sinistra in quota PD, e viene eletto senatore con il 43% dei voti contro il candidato del centro-destra, in quota Lega Massimo Bessone (25,45%) e del Movimento 5 Stelle Diego Nicolini (20,28%), grazie anche all'accordo con il Südtiroler Volkspartei. A 10 giorni dalle politiche, 14 esponenti del PD altoatesino hanno annunciato la loro uscita dal PD, per via della "candidatura imposta dall'alto" di Bressa e Maria Elena Boschi.[10]

Nella XVIII legislatura si iscrive al gruppo parlamentare Per le Autonomie (con Südtiroler Volkspartei, Partito Autonomista Trentino Tirolese e Union Valdôtaine), nonostante sia un esponente del Partito Democratico.

Non si ricandida alle elezioni politiche del 2022, lasciando il parlamento dopo più di 26 anni.[11]

Incarichi parlamentari modifica

Camera dei deputati modifica

XIV legislatura modifica

XV legislatura modifica

XVI legislatura modifica

XVII legislatura modifica

Senato della Repubblica modifica

XVIII legislatura modifica

Opere modifica

  • Gianclaudio Bressa, Quel "pasticciaccio brutto" della riforma costituzionale. 164 motivi per non volerla., Belluno, Tip. Piave, 2005.

Note modifica

  1. ^ a b Ministro per gli affari regionali e le autonomie
  2. ^ Gianclaudio Bressa, biografia sul sito Pd Bolzano
  3. ^ a b c Trento: I politici della tua città, su Corriere del Trentino. URL consultato l'8 febbraio 2015.
  4. ^ a b c Gianclaudio Bressa (JPG), su Il Post, 29 dicembre 2016. URL consultato il 29 gennaio 2022.
  5. ^ a b c Governo italiano: biografia di Gianclaudio Bressa, su governo.it (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2014).
  6. ^ Autonomie, firmato l’accordo tra Governo e Regioni
  7. ^ La Margherita contro la devolution: è un pasticciaccio, in Il Mattino di Padova, 1º ottobre 2006.
  8. ^ Paolo Micheletto, Elezioni regionali, vince l'idea di coalizione, su ladige.it, L'Adige, 26 febbraio 2013. URL consultato il 26 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2013).
  9. ^ Bressa: l’accordo non è un regalo alla Svp, su altoadige.gelocal.it, Alto Adige, 29 dicembre 2012. URL consultato il 24 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  10. ^ Pd, in Alto Adige il partito si spacca. Esce la minoranza, su la Repubblica, 21 febbraio 2018. URL consultato il 27 novembre 2021.
  11. ^ Claudio Baccarin, I candidati veneti più longevi verso il voto del 25 settembre 2022, su difesapopolo.it, 1º settembre 2022. URL consultato il 26 ottobre 2022.
  12. ^ Camera dei Deputati - XIV legislatura - Deputati - La scheda personale, su legxiv.camera.it. URL consultato il 29 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2021).
  13. ^ a b c Camera dei Deputati - XV legislatura - Deputati - La scheda personale, su legxv.camera.it. URL consultato il 29 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2021).
  14. ^ a b Camera.it - XVI Legislatura - Deputati e Organi Parlamentari - Scheda deputato - BRESSA Gianclaudio, su leg16.camera.it. URL consultato il 29 dicembre 2021.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica