Gianfederico d'Este

nobile
Gianfederico d'Este
Principe di Modena e Reggio
Stemma
Nome completo Gianfederico d'Este
Nascita Palazzo Ducale, Modena, 1º settembre 1700
Morte Vienna, Austria, 24 aprile 1727 (26 anni)
Luogo di sepoltura Chiesa di San Vincenzo, Modena
Dinastia Este
Padre Rinaldo d'Este, duca di Modena
Madre Carlotta Felicita di Brunswick-Lüneburg
Religione Cattolicesimo

Gianfederico d'Este (Modena, 1º settembre 1700Vienna, 5 luglio 1727) fu un nobile modenese, principe di Modena e Reggio per nascita.

BiografiaModifica

Era figlio del duca di Modena e Reggio Rinaldo d'Este e della principessa Carlotta Felicita di Brunswick e Lüneburg, figlia del duca di Brunswick-Lüneburg. A causa dei tanti legami di sangue tra le due famiglie, per celebrare il matrimonio occorsero le dispense papali.[1]

Gianfederico non si sposò mai, e non ebbe figli. Morì il 16 settembre 1727, a Vienna, a soli 26 anni.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alfonso III d'Este Cesare d'Este  
 
Virginia de' Medici  
Francesco I d'Este  
Isabella di Savoia Carlo Emanuele I di Savoia  
 
Caterina Michela d'Asburgo  
Rinaldo d'Este  
Taddeo Barberini Carlo Barberini  
 
Costanza Magalotti  
Lucrezia Barberini  
Anna Colonna Filippo I Colonna  
 
Lucrezia Tomacelli  
Gianfederico d'Este  
Giorgio di Brunswick-Lüneburg Guglielmo di Brunswick-Lüneburg  
 
Dorothea di Danimarca  
Giovanni di Brunswick-Lüneburg  
Anna Eleonora di Assia-Darmstadt Luigi V d'Assia-Darmstadt  
 
Maddalena di Brandeburgo  
Carlotta di Brunswick-Lüneburg  
Edoardo del Palatinato-Simmern Federico V Elettore Palatino  
 
Elisabetta Stuart  
Benedetta Enrichetta del Palatinato  
Anna Maria di Gonzaga-Nevers Carlo I di Gonzaga-Nevers  
 
Caterina di Lorena  
 

Titoli e trattamentoModifica

  • 1º settembre 1700 - 24 aprile 1727: sua altezza Gianfederico d'Este, principe di Modena e Reggio.

NoteModifica

  1. ^ Leo van de Pas, Gian Federico d'Este, Prince of Modena, su Genealogics .org.

BibliografiaModifica

  • John Ontoro, The Este Family, dell'Oglio editore, 1989.