Apri il menu principale

Gianfranco Mazzoni

giornalista e telecronista sportivo italiano

Gianfranco Mazzoni (Teramo, 11 maggio 1959) è un giornalista e telecronista sportivo italiano, che lavora per Rai Sport.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di due professori Adriana e Ezio Mazzoni, Gianfranco fin da piccolo legge giornali e frequenta il mondo dello sport, soprattutto allo stadio, in cui andava assieme al nonno.[1] Ha un fratello maggiore, Marcello, di 6 anni più grande, anche lui dedito al mondo del giornalismo.[2]

CarrieraModifica

Laureato in Scienze politiche, fin da giovanissimo si è inserito nell'attività giornalistica con collaborazioni con la redazione teramana del quotidiano Il Tempo e delle emittenti televisive locali Tv Teramo e TeleTeramo.[3] Dal 1979 ha preso avvio la sua collaborazione con la Rai, che nel 1982 lo ha assunto stabilmente come corrispondente da Teramo.[4] Nel 1987 è stato nominato redattore della sede giornalistica della Rai di Pescara.

Nel giro di pochi anni ha ottenuto le qualifiche di conduttore di telegiornale, di radio-telecronista e di inviato speciale.[5] Parallelamente è entrato a far parte del Pool Sportivo delle testate giornalistiche della Rai ed ha partecipato a numerose trasmissioni, tra le quali Tutto il calcio minuto per minuto, in qualità di seconda voce a storici radiocronisti del calibro di Enrico Ameri e Sandro Ciotti.[6] Nel 1990 ha fatto parte del gruppo di radiocronisti al seguito del Campionato mondiale di calcio 1990 e nel 1992 ha partecipato alla spedizione giornalistica della Rai alle Olimpiadi di Barcellona.

Ha ricevuto diversi prestigiosi riconoscimenti, tra i quali il Premio Rosa d'Oro a Roseto degli Abruzzi nel 1998, il Premio Lorenzo Bandini a Brisighella, il Premio Luciano Moruzzi ad Imola nel 2002.[7] Lavora a Roma nella redazione della testata sportiva della Rai, con la qualifica di conduttore del TG Sport.

Commentatore della Formula 1Modifica

«Un cordiale saluto ai nostri telespettatori da Gianfranco Mazzoni e Ivan Capelli (etc.)»

(La storica "intro" che Gianfranco Mazzoni utilizza nella presentazione dei Gran Premi)

Nel 1990 ha vinto il concorso interno indetto dalla testata giornalistica sportiva della Rai per radiocronista delle gare di Formula 1. Tale attività è stata svolta fino al 1996, culminata quell'anno con l'assegnazione del premio di Giornalista sportivo dell'anno attribuito dal CONI e con il passaggio alle telecronache, prendendo il posto che fu prima di Mario Poltronieri e poi fino al 1996 di Amedeo Verduzio.[7]

Ha commentato tutto il ciclo vincente della Scuderia Ferrari con i titoli mondiali vinti dal 2000 al 2004, ben 11 tra i successi di Michael Schumacher e dei trionfi nel Campionato Mondiale Costruttori della scuderia di Maranello. Gli indici di ascolto delle sue telecronache sono stati pertanto molto elevati, raggiungendo punte di circa 14 milioni di spettatori, per poi diminuire negli anni successivi a causa del calo di competitività della Ferrari. Nella sua prima stagione televisiva in Rai è stato coadiuvato dal parere tecnico dell'ex pilota René Arnoux. Dal 1998 invece è stato stabilmente affiancato in cabina di commento da Ivan Capelli, e assistito dal contributo tecnico di Giorgio Piola e successivamente Giancarlo Bruno, e degli altri inviati ai box Ettore Giovannelli, Giorgio Piola e Stella Bruno, fino al termine delle trasmissioni dei Gran Premi sulla Rai, avvenuta nel 2017.

Nel 2018 ha commentato il Gran Premio d'Italia 2018 (unico Gran Premio trasmesso in chiaro sulle reti Rai) al fianco di Emanuele Pirro e dell'ingegnere Marco Fainello, che sostituiscono Capelli e Bruno passati a TV8.[8]

DoppiatoreModifica

Ha collaborato nel gioco della Electronic Arts chiamato F1 2000, nella versione in italiano, doppiando l'ingegnere di pista che inviava messaggi dal box.[9]

Nel 2006 ha doppiato la voce del telecronista nell'edizione italiana di Cars - Motori ruggenti, ripetendosi anche in Cars 2. Ha poi doppiato il personaggio di Brent Mustangburger nei due film Planes e Planes 2 - Missione antincendio, entrambi spin-off di Cars.[10][11][12]

NoteModifica

  1. ^ Anna Fusaro, Gianfranco Mazzoni, la voce che racconta i brividi della Formula 1, in Il Centro, 25 novembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
    «I miei genitori Ezio e Adriana erano professori. In casa si parlava un italiano perfetto, c’erano sempre 2-3 quotidiani, si ascoltava la radio, si studiava molto. Ho avuto la fortuna di nascere in una famiglia attenta allo studio e alla cultura. Mio nonno, Luigi Lucidi, mi portava allo stadio ma anche a teatro. Sono cresciuto in un ambiente familiare propizio».
  2. ^ Anna Fusaro, Gianfranco Mazzoni, la voce che racconta i brividi della Formula 1, in Il Centro, 25 novembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
    «Mio fratello, più grande di me di sei anni, scriveva per alcuni giornali, tra cui Il Mezzogiorno.».
  3. ^ Anna Fusaro, Gianfranco Mazzoni, la voce che racconta i brividi della Formula 1, in Il Centro, 25 novembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
    «Io invece fui portato da Tiberio Cianciotta al Tempo e poi a Tv Teramo, che era stata fondata da due personaggi meravigliosi che non ci sono più, Pietro Tancredi e Alberto Chiarini».».
  4. ^ RaiSport: Autore: Gianfranco Mazzoni, su www2.raisport.rai.it. URL consultato il 4 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2018).
  5. ^ Gianfranco Mazzoni, la voce che racconta i brividi della Formula 1, in Il Centro. URL consultato il 4 settembre 2018.
  6. ^ Anna Fusaro, Gianfranco Mazzoni, la voce che racconta i brividi della Formula 1, in Il Centro, 25 novembre 2017. URL consultato il 4 settembre 2018.
    «L’esperienza di radiocronista in “Tutto il calcio minuto per minuto” le ha fatto incontrato giornalisti mitici come Enrico Ameri e Sandro Ciotti, voci entrate nella memoria collettiva. «I migliori radiocronisti della storia. Ho fatto spesso il secondo ad Ameri, un mostro sacro. Facevo il bordo campo, le interviste. Ho lavorato pure con Ciotti, altro mostro. Ma più spesso con Enrico. Oltre a chiedere consigli, cercavi di imparare molto ascoltando e osservando. All’epoca non c’era il supporto del computer, era molto diverso fare le radiocronache. Ameri aveva una grande personalità e grande presenza al microfono. Imponeva la sua voce e la sua visione all’ascoltatore. Era anche molto meticoloso. Si arrivava allo stadio alle 11, tre ore prima dell’inizio delle partite, per preparare tutto con calma».».
  7. ^ a b Danilo Pulcini, Angelo Semerano, Cultura e Sport GIANFRANCO MAZZONI: LA VOCE DELLA FORMULA 1 AL NOME DELLA ROSA., su www.roseto.com, 21 febbraio 2012, Roseto Degli Abruzzi (TE). URL consultato il 4 settembre 2018.
    «A lui sono stati attribuiti vari e prestigiosi riconoscimenti, tra cui il gia citato premio giornalistico nazionale del CONI nel 1996, il Premio Rosa d'Oro a Roseto degli Abruzzi nel 1998, il premio Lorenzo Bandini a Brisighella, il premio Luciano Moruzzi ad Imola nel 2002, Il premio Giornalista sportivo teramano dell'anno nel 2002, il premio nazionale della ConfArtigianato di Monza nel 2002, il Premio AIRA nel 2003, il premio Teramo che lavora nel 2003,il premio USSI- Consiglio Regionale d’Abruzzo nel 2003, il premio Paradiso a Teramo ed il premio, assai significativo, dell’Associazione Meccanici di Formula 1 a Maranello nel 2005.».
  8. ^ Formula 1 | Gp Italia 2018, torna la diretta RAI con Gianfranco Mazzoni e Felipe Massa - F1world.it, in News, classifiche, live GP dal grande mondo della Formula 1, 28 agosto 2018. URL consultato il 4 settembre 2018.
  9. ^ Danilo Pulcini, Angelo Semerano, Cultura e Sport GIANFRANCO MAZZONI: LA VOCE DELLA FORMULA 1 AL NOME DELLA ROSA., su www.roseto.com, 21 febbraio 2012. URL consultato il 4 settembre 2018.
    «Nel 2006, insieme all'ex pilota di Formula 1 Ivan Capelli, ha doppiato la voce del telecronista nell’edizione italiana di Cars - Motori ruggenti, film statunitense di animazione della Disney-Pixar, diretto da John Lasseter. Si è ripetuto in tal ruolo per Cars 2 uscito nel 2011 affiancato sia dall'ex pilota che dall'ingegnere Giancarlo Bruno.».
  10. ^ Gianfranco Mazzoni video, su ComingSoon.it. URL consultato il 4 settembre 2018.
  11. ^ Gianfranco Mazzoni biografia, su ComingSoon.it. URL consultato il 4 settembre 2018.
  12. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Gianfranco Mazzoni | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 4 settembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica