Apri il menu principale
Gianlorenzo Centi Colella

Podestà dell'Aquila
Durata mandato 25 maggio 1934 –
novembre 1940
Predecessore Adelchi Serena
Successore Vincenzo Di Nanna

Dati generali
Partito politico PNF

Gianlorenzo Centi Colella, anche conosciuto come Giallorenzo[1], (L'Aquila, 3 agosto 1898 – ...), è stato un politico italiano.

Di professione avvocato, nel 1934 divenne podestà di Aquila degli Abruzzi sostituendo Adelchi Serena, appena divenuto reggente del Partito Nazionale Fascista e dunque trasferitosi a Roma. Durante la sua gestione podestarile reprimette con forza le istanze di autonomia della frazione di Paganica che era stata annessa, pochi anni prima, al comune capoluogo.[1]

Centi Colella è noto soprattutto per aver mutato il nome della sua città natale da Aquila degli Abruzzi — termine utilizzato a partire dal 1861 (precedentemente all'Unità d'Italia, infatti, la città era conosciuta semplicemente come Aquila) — in L'Aquila.[2] Il 4 aprile 1939 una delibera contenente la richiesta fu inviata al governo nazionale che ratificò il cambio di denominazione con il Regio Decreto n.1891/39.[2] La scelta creò diversi malumori e non fu apprezzata da tutti, anche all'interno della sezione cittadina del partito.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b Claudio Panone, Paganica ottanta anni fa perdeva il Comune, in Il Centro, 25 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2015).
  2. ^ a b c Fulgenzio Ciccozzi, Dalla Belle Epoque alla Grande Aquila, in tesoridabruzzo.com, 5 novembre 2013.