Apri il menu principale
Gianluigi Lentini
Gianluigi Lentini.jpg
Lentini al Torino nel 1989
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ala
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Giovanili
1979-1987 Torino
Squadre di club1
1986-1988 Torino 22 (0)
1988-1989 Ancona 37 (4)
1989-1992 Torino 89 (16)
1992-1996 Milan 63 (13)
1996-1997 Atalanta 31 (4)
1997-2000 Torino 93 (6)
2001-2004 Cosenza 84 (9)
2004-2008 Canelli 103 (49)
2008-2009 Saviglianese 30 (15)
2009-2011 Nicese 8 (2)
2011-2012 600px vertical bicolor White HEX-00A1DF.svg Carmagnola ? (?)
Nazionale
1987-1990 Italia Italia U-21 2 (0)
1991-1996 Italia Italia 13 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo 1990
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 marzo 2010

Gianluigi Lentini (Carmagnola, 27 marzo 1969) è un ex calciatore italiano, di ruolo ala.

Indice

CarrieraModifica

TorinoModifica

Nato a Carmagnola da genitori siciliani, viene selezionato dai tecnici del settore giovanile del Torino durante un provino nel 1979 e percorre l’intera trafila sino alla formazione Primavera, all’epoca particolarmente prolifica,[1] allenata da Sergio Vatta.[2]

Messosi in evidenza per le non comuni doti tecnico-atletiche e per una spiccata propensione al dribbling, l’allenatore granata Radice lo fa esordire in prima squadra, in serie A, ad appena 17 anni, il 23 novembre 1986 (Brescia-Torino 2-0).[3]

Nelle sue prime due stagioni da professionista, Lentini colleziona 32 presenze fra campionato e Coppa Italia sino a quando, nell'estate 1988, la società decide di cederlo in prestito all’Ancona, in Serie B, affinché maturi la necessaria esperienza. Nelle Marche disputa un ottimo campionato - accumulando 37 presenze e 4 reti - e dimostra doti di leadership oltre a un'evidente crescita sotto il profilo fisico.

A 20 anni fa così rientro al Toro, che nel frattempo è stato acquisito da Gian Mauro Borsano[4] dopo la sopravvenuta retrocessione in Serie B; qui Lentini offre un apporto determinante per la vittoria del campionato e il ritorno nella massima categoria. L'anno seguente il calciatore impressiona tutti con la sua prima stagione da titolare in Serie A (34 presenze e 5 reti),[5] guadagnandosi anche la maglia della Nazionale allenata da Azeglio Vicini.

Con Emiliano Mondonico in panchina e Lentini in campo, il Torino conquista un sorprendente quinto posto nella stagione 1990-91 oltre la vittoria della Mitropa Cup; segue un terzo posto nella stagione 1991-92, questa coronata dalla finale di Coppa UEFA persa contro l'Ajax solamente per la regola dei gol in trasferta (2-2 a Torino 0-0 ad Amsterdam).[6]

Al termine del campionato 1991-92, la situazione finanziaria dei granata è però al collasso. La mancata vittoria europea, lo scandalo di Tangentopoli che colpisce anche Borsano e le onerose campagne acquisti del biennio precedente, effettuate senza adeguate coperture finanziarie, impongono alcune cessioni illustri, tra cui quella di Lentini, diventato nel frattempo simbolo della tifoseria granata.

Il 30 giugno 1992 il calciatore firma per il Milan per la cifra - all'epoca considerata spropositata[7] - di 18,5 miliardi di lire, scatenando di riflesso la rivolta degli ultras torinisti,[8] sfociata in violente proteste e tafferugli di piazza, verso il presidente Borsano; non viene risparmiato nemmeno Lentini, costretto a uscire di nascosto dalla sede dell'ANSA dov'è stato intervistato, sotto una pioggia di monetine lanciate dai tifosi che a posteriori anticiperà di un anno quella ben più nota caduta su Bettino Craxi.[9]

MilanModifica

 
Lentini in azione al Milan nella stagione 1992-1993.

Firmata l'acquisizione da record[10] - in relazione alla quale vi saranno poi indagini giudiziarie (Processo Lentini) per il presunto pagamento di altri 10 miliardi fuori bilancio[11] - il presidente Silvio Berlusconi mette il calciatore a disposizione del tecnico Fabio Capello; in maglia rossonera Lentini ottiene un ingaggio annuo netto di 4 miliardi di lire.[12][13]

Con 30 partite e 7 gol (tra cui una bella rovesciata sul campo del Pescara e una doppietta alla Sampdoria), pur non brillando e venendo criticato per la propria mondana vita extra-calcistica[14], si afferma fra i titolari dello schieramento milanista e viene impiegato dal 1' anche nella finale di Champions League di Monaco di Baviera, perduta contro l’Olympique Marsiglia. Al termine della stagione vince il suo primo Scudetto.

Nella notte del 2 agosto 1993[15], al rientro dopo aver preso parte al torneo organizzato per il centenario del Genoa[12], è coinvolto in un grave incidente automobilistico lungo l'Autostrada Torino-Piacenza, salvandosi miracolosamente: lo schianto avviene perché, avendo sostituito una gomma forata con il "ruotino", accelera troppo e si schianta a quasi 200 km/h.[10]

Torna in campo verso la fine della stagione 1993-1994,[16] accumulando però dieci sole presenze in totale e vince la sua prima Champions League da spettatore (Milan-Barcellona 4-0). Non avendo mai raggiunto un adeguato stato di forma, salta i Mondiali del 1994.

L'anno seguente Lentini non riesce a ritrovare la maglia da titolare e anche in finale di Champions League contro gli olandesi dell'Ajax viene schierato a soli cinque minuti dalla fine della partita (pochi istanti prima della rete di Kluivert che consegna la vittoria ai lancieri). Nel 1995-1996, non più brillante come prima dell'incidente e in dissidio con l'allenatore, colleziona 9 sole presenze in campionato.

Conclude la sua esperienza in rossonero con 63 presenze e 13 reti in campionato, avendo conquistato 3 Scudetti, 1 Champions League, 3 Supercoppe italiane e 1 Supercoppa Europea.

Il passaggio all'Atalanta e il ritorno al TorinoModifica

Nell'estate del 1996 passa all'Atalanta e, ritrovato Emiliano Mondonico come tecnico, si mette in evidenza con una discreta forma fisica, realizzando 4 gol in 31 partite e contribuendo al buon campionato della squadra orobica (che vede in rosa, tra gli altri, Filippo Inzaghi e Domenico Morfeo). La stagione si rivela particolarmente favorevole a Lentini, che ritrova perfino la convocazione in Nazionale in occasione di un'amichevole con la Bosnia.[17]

L'anno dopo torna al Torino, nel frattempo sceso nuovamente in Serie B e desideroso di costruire una formazione ambiziosa, che possa garantirgli nuovamente la risalita nel massimo campionato. Lentini è titolare nel tridente di mister Reja e il 27 settembre 1997 torna al gol in granata dopo cinque anni, nella vittoria interna per 2-1 contro il Genoa. L'esterno gioca con continuità (34 presenze e 3 reti)[18], ma non riesce a consegnare la promozione ai suoi, fermati dal Perugia nello spareggio di Reggio Emilia[19].

Nella stagione 1998-1999 il Toro, alla terza stagione consecutiva lontano dal massimo campionato, si affida nuovamente al suo mentore Mondonico, che l'ala ritrova per la terza volta in carriera. Al termine di una proficua stagione giocata da spalla del capocannoniere Ferrante, il 6 giugno 1999 Lentini va a segno sul campo della Fidelis Andria, contribuendo alla vittoria esterna per 4-1 che garantisce ai granata la matematica certezza del ritorno in Serie A.[20]

Nel 1999-2000, gioca infine la sua ultima stagione in Serie A, collezionando 24 presenze in campionato senza riuscire a evitare la nuova retrocessione dei granata. Conclude la sua esperienza al Torino con 249 partite e 31 reti complessive[21].

Il Cosenza e la parte finale della carrieraModifica

Nel gennaio del 2001 passa al Cosenza allenato da Bortolo Mutti con cui sfiora subito la promozione in Serie A persa nella parte finale della stagione. La stagione successiva è allenato da Luigi De Rosa, con cui conquista una salvezza. Nel 2003 il Cosenza subisce la retrocessione d'ufficio dalla Serie B alla Serie D; della compagine silana diventa il capitano, sia in Serie B, sia nei Dilettanti[22]. Con il Cosenza in quattro stagioni mette a segno 9 reti in 84 gettoni di presenza.

Nel 2004 si trasferisce al Canelli, società piemontese militante in Eccellenza e l'anno dopo (2005-2006) i biancoazzurri ottengono la promozione in Serie D, grazie anche al contributo di Lentini che firma 19 reti in 29 presenze. La stagione seguente, nella categoria superiore appena raggiunta, l'esterno realizza 12 gol in 25 partite, non sufficienti però ad evitare l'immediato ritorno del Canelli in Eccellenza dopo gli spareggi play-out persi contro il Vado.

Dopo il grave incidente d'auto del 1993, in cui rischiò la vita, è protagonista di un nuovo scontro, questa volta meno grave: il 6 settembre 2006, a bordo del suo scooter, si scontra con un'auto nel tragitto verso il campo d'allenamento; nella caduta si lesiona il tendine di un ginocchio, costringendolo all'operazione.[23]

Rinnova il contratto con il Canelli anche per la successiva stagione di Eccellenza. Dalla stagione 2008-2009 indossa per un campionato e mezzo la maglia rossoblu della Saviglianese squadra che milita in Promozione piemontese[24] e nel dicembre 2009 passa alla Nicese, esordendo in maglia giallorossa con una rete. Infine, nel campionato 2011-2012 torna nella sua città natale Carmagnola e viene tesserato dalla squadra locale che milita nel campionato di Promozione Piemonte-Valle d'Aosta. A fine stagione si ritira.[25][26]

NazionaleModifica

Ha vestito per 13 volte la maglia della nazionale maggiore. Ha esordito in azzurro il 13 febbraio 1991 a Terni nell'amichevole Italia-Belgio (0-0), quando vestiva ancora la maglia del Torino. Ha collezionato anche 2 presenze con l'Under-21 esordendo il 29 novembre 1989.

Dopo il ritiroModifica

Al termine della sua carriera è tornato a vivere a Carmagnola, dove si è messo a vendere miele.[27][28]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1986-1987   Torino A 11 0
1987-1988 A 11 0
1988-1989   Ancona B 37 4
1989-1990   Torino B 22 6
1990-1991 A 34 5
1991-1992 A 33 5
1992-1993   Milan A 30 7
1993-1994 A 7 0
1994-1995 A 17 5
1995-1996 A 9 1
Totale Milan 63 13
1996-1997   Atalanta A 31 4
1997-1998   Torino B 34 3
1998-1999 B 35 3
1999-2000 A 24 0
Totale Torino 204 22
2000-2001   Cosenza B 11 1
2001-2002 B 26 1
2002-2003 B 33 4
2003-2004 D 14 3
Totale Cosenza 84 9
2004-2005   Canelli Ecc. 20 6
2005-2006 Ecc. 29 19
2006-2007 D 25 12
2007-2008 Ecc. 29 12
Totale Canelli 103 49
2008-2009   Saviglianese Prom. 26 15
2009-2010 Ecc. 4 0
Totale Saviglianese 30 15
2009-2010   Nicese Ecc. 8 2
2010-2011 Prom. ? ?
Totale Nicese 8+ 2+
2011-2012   Carmagnola Prom. ? ?
Totale carriera 560+ 118+

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-2-1991 Terni Italia   0 – 0   Belgio Amichevole -   67’
12-6-1991 Malmö Italia   2 – 0 dts   Danimarca Scania Cup -
16-6-1991 Stoccolma Italia   1 – 1 dts
(3-2 dcr)
  URSS Scania Cup -
12-10-1991 Mosca URSS   0 – 0   Italia Qual. Euro 1992 -   58’
19-2-1992 Cesena Italia   4 – 0   San Marino Amichevole -   46’
25-3-1992 Torino Italia   1 – 0   Germania Amichevole -   61’
9-9-1992 Eindhoven Paesi Bassi   2 – 3   Italia Amichevole -   90’
14-10-1992 Cagliari Italia   2 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 1994 -
18-11-1992 Glasgow Scozia   0 – 0   Italia Qual. Mondiali 1994 -
20-1-1993 Firenze Italia   2 – 0   Messico Amichevole -   74’
24-2-1993 Oporto Portogallo   1 – 3   Italia Qual. Mondiali 1994 -   72’
1-5-1993 Berna Svizzera   1 – 0   Italia Qual. Mondiali 1994 -   64’
6-11-1996 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina   2 – 1   Italia Amichevole -   46’
Totale Presenze 13 Reti 0

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni giovaniliModifica

Torino: 1987-1988
Torino: 1987

Competizioni regionaliModifica

Canelli: 2005-2006 (girone A piemontese-valdostano)

Competizioni nazionaliModifica

Torino: 1989-1990
Milan: 1992, 1993, 1994
Milan: 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996

Competizioni internazionaliModifica

Torino: 1991
Milan: 1993-1994
Milan: 1994

NoteModifica

  1. ^ Sergio Vatta, l'uomo del campionato primavera, su footballscouting.it, 15 settembre 2016. URL consultato il 28 settembre 2018.
  2. ^ La leggenda di Sergio Vatta, l'allenatore dei sogni, su repubblica.it, 23 aprile 2014. URL consultato il 28 settembre 2018.
  3. ^ Archivio Toro, su archiviotoro.it. URL consultato il 28 settembre 2018.
  4. ^ Borsano vicinissimo all'acquisto del Torino: 7 miliardi, in la Repubblica, 1º marzo 1989.
  5. ^ Gigi Lentini: Icaro, dall'onnipotenza alla normalità, su zonacesarini.net, 15 marzo 2017. URL consultato il 28 settembre 2018.
  6. ^ Soldi in nero e porsche gialle - Prima parte, su vice.com, 15 gennaio 2013. URL consultato il 28 settembre 2018.
  7. ^ Barbara Palombelli, I politici gridano allo scandalo, in la Repubblica, 2 luglio 1992.
  8. ^ Maurizio Crosetti, Quella caldissima estate miliardaria, in la Repubblica, 5 marzo 1994.
  9. ^ Vanni Spinella, Accadde oggi: Lentini-Milan, un colpo che sconvolse l'Italia, su sport.sky.it, 30 giugno 2017.
  10. ^ a b C'era una volta... Gianluigi Lentini, su maidirecalcio.com, 29 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2014).
  11. ^ Per il processo Lentini prosciolti Berlusconi e Galliani, su repubblica.it, 5 novembre 2002.
  12. ^ a b Luca Valdiserri e Cesare Fiumi, Lentini salvato da un angelo camionista, in Corriere della Sera, 4 agosto 1993, p. 25 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2010).
  13. ^ "Sono stati i soldi a convincermi", in la Repubblica, 2 luglio 1992.
  14. ^ Soldi in nero e porsche gialle - Seconda parte, su vice.com, 22 gennaio 2013. URL consultato il 28 settembre 2018.
  15. ^ Gaia Piccardi, Lentini, il sopravvissuto: «È stata tutta colpa mia», in Corriere della Sera, 28 settembre 2003, p. 45 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2013).
  16. ^ Gigi Lentini si racconta in Tv: che frecciate a Capello e Materazzi!, su calcioblog.it, 25 febbraio 2011.
  17. ^ Sorpresa Lentini per Sarajevo, in la Repubblica, 4 novembre 1996.
  18. ^ Francesco Bramardo, Lentini, è proprio un'altra vita, in La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 1997.
  19. ^ Raffaele Dalla Vite, Valerio Piccioni, Giorgio Lo Giudice e Paolo Forcolin, L'ultimo urlo è del Perugia, in La Gazzetta dello Sport, 22 giugno 1998.
  20. ^ Fidelis Andria - Torino 1-4, su noigranata.com.
  21. ^ Archivio Toro, su archiviotoro.it. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  22. ^ Amarcord: l'ex capitano rossoblu Lentini compie 43 anni, su cosenzachannel.it, 27 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
  23. ^ Lentini, nuovo incidente, su tgcom.mediaset.it, 6 settembre 2006.
  24. ^ "Bomba" di calciomercato: Lentini e Fuser alla Saviglianese!, su ilsaviglianese.com, 25 giugno 2008.
  25. ^ Giorgio Caccamo, Quelli che non mollano il calcio, su lettera43.it, 18 aprile 2013.
  26. ^ Valter Leone, Intervista a Gigi Lentini: «Balotelli? sopravvalutato», su ilquotidianodellacalabria.it, 5 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2013).
  27. ^ Gabriele Manella, La “dolce” lontananza dal pallone di Gigi Lentini: da calciatore a produttore di miele | Sportmain, su sportmain.it. URL consultato il 21 gennaio 2019.
  28. ^ Redazione Toro News, 9 marzo: a cena con Gigi Lentini, su Toro News, 3 marzo 2018. URL consultato il 21 gennaio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica