Giannīs Tsarouchīs

pittore, scenografo e costumista greco

Giannīs Tsarouchīs (in greco: Γιάννης Τσαρούχης; Il Pireo, 13 gennaio 1910Atene, 20 luglio 1989) è stato un pittore, costumista e scenografo greco.

Giannīs Tsarouchīs
Firma di Giannīs Tsarouchīs

BiografiaModifica

Nato nel Pireo, Giannīs Tsarouchīs studiò all'Accademia di belle arti di Atene, dove fu allievo di Fōtīs Kontoglou, che lo introdusse all'iconografia bizantina. Dopo la laurea nel 1935, Tsarouchīs viaggiò per un anno tra la Francia, l'Italia e la Turchia, facendosi ispirare in particolare delle opere del rinascimento e dell'impressionismo, oltre ad incontrare e conoscere di persona Henri Matisse e Alberto Giacometti.[1]

Nel 1938, due anni dopo il suo ritorno in patria, tenne la sua prima mostra ad Atene. Dopo aver combattutto contro gli invasori durante la campagna italiana di Grecia, Tsarouchis nel 1949 fondò il circolo artistico noto come "Armos" insieme a Nikos Chatzīkyriakos-Gkikas, Giannīs Moralīs, Nikos Nikolaou, Nikos Engonopoulos e Panayiotis Tetsis. Nel 1951 le sue opere furono messe in mostra a Parigi e Londra, mentre nel 1958 partecipò alla Biennale di Venezia. Nel 1967 si trasferì a Parigi.[2]

Era omosessuale.[3]

Teatro e opera (parziale)Modifica

Filmografia (parziale)Modifica

ScenografoModifica

CostumistaModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Viky Karaiskou, Uses and Abuses of Culture: Greece 1974-2010, Cambridge Scholars Publishing, 2015, ISBN 978-1-4438-8568-3. URL consultato il 19 maggio 2021.
  2. ^ (EN) Michael Heitkemper-Yates e Katarzyna Kaczmarczyk, Learning to See: The Meanings, Modes and Methods of Visual Literacy, BRILL, 4 gennaio 2019, ISBN 978-1-84888-302-4. URL consultato il 19 maggio 2021.
  3. ^ (EN) James J. Berg e Chris Freeman, The Isherwood Century: Essays on the Life and Work of Christopher Isherwood, Univ of Wisconsin Press, 2000, ISBN 978-0-299-16704-2. URL consultato il 19 maggio 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100280392 · ISNI (EN0000 0001 2283 4725 · Europeana agent/base/164375 · LCCN (ENn82069953 · GND (DE119141698 · BNF (FRcb12180734h (data) · ULAN (EN500109002 · NLA (EN36474176 · BAV (EN495/54110 · WorldCat Identities (ENlccn-n82069953