Apri il menu principale

BiografiaModifica

Gianni Canova consegue la laurea in Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Milano con una tesi sulla letteratura poliziesca italiana degli anni Trenta. Durante gli studi universitari matura l'interesse verso i due autori che lo hanno più influenzato e formato durante la sua vita professionale: Alessandro Manzoni e Giorgio Scerbanenco. Nel maggio 1993 fonda insieme a Max Stèfani e dirige fino al dicembre 2010 il mensile di cinema Duel, che dieci anni più tardi (nel dicembre 2003) si trasforma in duellanti.[1] È stato critico cinematografico per la Repubblica, Sette del Corriere della Sera e la Voce di Indro Montanelli. Ha collaborato anche con riviste specializzate come Bianco & nero, Segnocinema, Rolling Stone, e Vogue.[2] Attualmente collabora con il Domenicale de Il Sole 24 Ore ed è membro del comitato scientifico della rivista G|A|M|E,[3] dedicata al post-cinema, nuove identità mediali e critica e teoria comparata dei videogiochi.

Dagli anni Ottanta ad oggi Canova ha pubblicato decine di opere di cinema e visual studies tra saggi e curatele. Nel 2002 ha realizzato come curatore il volume sul cinema dell'Enciclopedia Universale Garzanti e ha curato il volume 1965-1969 della Storia del cinema italiano (in 15 volumi) edita dalla Scuola Nazionale di Cinema, pubblicato nell'aprile 2002 da Marsilio. È stato anche curatore di mostre multimediali, tra il 2002 e il 2014, prevalentemente presso la Triennale di Milano.

Per la televisione è stato autore con Felice Pesoli del programma Le parole del cinema (Telepiù). Ha inoltre realizzato format o programmi per Netsystem e My-Tv. Ha collaborato alla realizzazione di Bradipo, sit-com trasmessa nel 2001 da MTV ed è autore della sit-com interattiva Come tu mi vuoi, prodotta e distribuita on line da My-Tv.[2] Dal 2005 ricopre il ruolo di critico cinematografico per Sky Cinema, nonché autore e conduttore del programma Il cinemaniaco.[4]

Canova è stato direttore artistico del Festival “Leggere il Novecento” di Ancona (dal 2001 al 2009) e del Noir in Festival (in qualità di delegato IULM dal 2016).[5] Dal 2001 al 2005 ha fatto parte come rappresentante italiano del Comitato scientifico del Festival Internazionale del Film di Locarno (Svizzera) e dal 2005 al 2007 è stato membro del Comitato Scientifico della Festa del Cinema di Roma.[6]

È professore ordinario di Storia del cinema e Filmologia, già Pro Rettore[7] e dal 5 novembre 2018 Rettore della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano, dopo essere stato preside dal 2009 al 2017 della facoltà di Comunicazione, Relazioni Pubbliche e Pubblicità. Nel 2018 il Consiglio d’Amministrazione IULM lo elegge nuovo Rettore. Entrerà in carica a decorrere dal 1º novembre 2018.[8] Prima di entrare in ruolo presso la IULM, ha insegnato Poetiche del cinema contemporaneo presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e ha tenuto corsi e workshop sulla comunicazione visiva per l’Università Bocconi di Milano.[6] Dal 2010 al 2014 è stato inoltre Presidente della CUC, l’associazione scientifica che raggruppa tutti i docenti di Cinema, televisione e new media delle università italiane. Dal maggio 2017 è membro del consiglio superiore per il cinema e gli audiovisivi istituito presso il MiBACT.[9] Al Consiglio sono attribuiti compiti di consulenza e di supporto nell'elaborazione, nell'attuazione delle politiche di settore e nella predisposizione di indirizzi e criteri generali relativi alla destinazione delle risorse pubbliche nell'ambito del cinema e dell'audiovisivo.[10]

PubblicazioniModifica

SaggiModifica

  • David Cronenberg, Edizioni Il Castoro, 1994 (seconda edizione aggiornata 2007).
  • Nirvana-Sulle tracce del cinema di Gabriele Salvatores, Zelig Edizioni, Milano 1997.
  • L'occhio che ride, Editoriale Modo, Milano 1999.
  • L'alieno e il pipistrello. La crisi della forma nel cinema contemporaneo, Bompiani, Milano 2000.
  • Giancarlo Basili. Spazio e architettura nel cinema italiano (curatela), Giancarlo Basili. Alexa Edizioni, Milano 2000.
  • La visione dell'invisibile. Saggi e materiali su Le città invisibili di Italo Calvino (curatela; con M. Barenghi e B. Falcetto), Mondadori, Milano 2002.
  • Storia del cinema italiano 1965-1969 G. Canova (curatela), Marsilio-Edizioni di Bianco & Nero, Venezia/Roma 2002, vol. XI.
  • Dreams. I sogni degli italiani in 50 anni di pubblicità televisiva (curatela), Bruno Mondadori Editore, Milano 2004.
  • Robert Zemeckis (curatela), Marsilio, 2008.
  • Cinemania. 10 anni 100 film, il cinema italiano del nuovo millennio, Marsilio, 2010.
  • Quo chi? Di cosa ridiamo quando ridiamo di Checco Zalone, Sagoma, 2016.
  • Divi Duci Guitti Papi Caimani. L'immaginario del potere nel cinema italiano, da Rossellini a The Young Pope, Bietti, 2017.

RomanziModifica

  • Palpebre, Garzanti Libri, 2010.

FilmografiaModifica

AttoreModifica

Pecore in erba, regia di Alberto Caviglia - sé stesso (2015).

NoteModifica

  1. ^ 1/12/2003 – Dalle ceneri di "Duel" nasce "Duellanti". URL consultato il 27 dicembre 2017.
  2. ^ a b Gianni Canova » Bio, su www.giannicanova.it. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  3. ^ Comitato editoriale per la rivista G|A|M|E
  4. ^ Sky Cinema, Film gianni canova news | Sky Cinema, su tg24.sky.it. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) Studio Coop, Contatti, in Courmayeur Noir in Festival. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  6. ^ a b Canova Gian Battista | IULM, su www.iulm.it. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  7. ^ Elezioni Presidi di Facoltà - | IULM, su www.iulm.it. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  8. ^ Gianni Canova nuovo Rettore IULM, su www.iulm.it. URL consultato il 28 luglio 2018.
  9. ^ Riconoscimenti per i professori IULM - | IULM, su www.iulm.it. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  10. ^ System, NASCE IL CONSIGLIO SUPERIORE DEL CINEMA E DELL’AUDIOVISIVO, RULLI PRESIDENTE
    Franceschini firma decreto nomina componenti organo consultivo cinema
    , su www.beniculturali.it. URL consultato il 27 dicembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN97718390 · ISNI (EN0000 0000 7048 5200 · SBN IT\ICCU\RAVV\010500