Apri il menu principale
Gianni Carchia

Gianni Carchia (Torino, 2 dicembre 1947Vetralla, 6 marzo 2000) è stato un docente e filosofo italiano.

Indice

BiografiaModifica

Laureato su Verità e linguaggio nel giovane Benjamin con Gianni Vattimo a Torino nel 1971, Carchia ha insegnato in diversi licei e poi Estetica all'università di Viterbo e, dal 1992, all'università Roma III.

Studioso di filosofia antica, traduttore dal tedesco e insegnante, nella sua breve vita ha lasciato opere apprezzate come Orfismo e tragedia (1979), Estetica ed erotica (1981), Dall'apparenza al mistero (1983), La legittimazione dell'arte (1982), Arte e bellezza (1995), L'estetica antica (1999) ecc.

Si è anche occupato, con Roberto Salizzoni, di arte dei popoli 'primitivi' e di artisti contemporanei quali Ruggero Savinio, Piero Sbarluzzi o Dario Lanzardo. La casa editrice Quodlibet, con l'aiuto della moglie Monica Ferrando, sta raccogliendo le sue opere postume. Giorgio Agamben dice che "il nome di Carchia si iscrive a pieno diritto nel regesto dei pochi nomi che contano nel pensiero italiano degli ultimi trent'anni accanto a quelli di Giorgio Colli, di Furio Jesi, di Enzo Melandri"[1]. E Massimo Cacciari dice che "Gianni aveva una dote 'misteriosa': riusciva ad immaginare la filosofla - intendo dire: riusciva a porla in immagini come a dipingerla. In questo Gianni stava nel solco dei più grandi neoplatonici, io credo, ma anche in quello del pensiero italiano più alto e misconosciuto, dall'Umanesimo a Vico"[2].

OpereModifica

  • trad. di Theodor W. Adorno, Minima immoralia. Aforismi tralasciati nell'edizione italiana (Einaudi, 1954), Milano: L'erba voglio, 1976
  • trad. di Karl-Otto Apel, Comunità e comunicazione, introduzione di Gianni Vattimo, Torino: Rosemberg & Sellier, 1977
  • prefazione e cura di Henry Corbin, L'imâm nascosto, Milano: Celuc, 1979; Milano: SE, 2008 ISBN 978-88-7710-766-4
  • Orfismo e tragedia. Il mito trasfigurato, Milano: Celuc, 1979
  • cura (con Roberto Salizzoni) di Estetica e antropologia. Arte e comunicazione dei primitivi, Torino : Rosemberg & Sellier, 1980
  • Estetica ed erotica. Saggio sull'immaginazione, Milano: Celuc, 1981
  • La legittimazione dell'arte. Studi sull'intelligibile estetico, Napoli: Guida, 1982 ISBN 978-8870421590
  • Dall'apparenza al mistero. La nascita del romanzo, Milano: Celuc, 1983
  • Il mito in pittura. La tradizione come critica, Milano: Celuc, 1987
  • cura di Arnold Gehlen, Quadri d'epoca. Sociologia e estetica della pittura moderna, Napoli: Guida, 1989; 2011 ISBN 978-88-604-2898-1
  • Retorica del sublime, Roma-Bari: Laterza, 1990 ISBN 88-420-3521-1
  • Arte e bellezza. Saggio sull'estetica della pittura, Bologna: Il Mulino, 1995 ISBN 978-8815052124
  • cura (con Maurizio Ferraris) di Interpretazione ed emancipazione. Studi in onore di Gianni Vattimo, Torino: Dipartimento di ermeneutica / Milano: Raffaello Cortina, 1996 ISBN 88-7078-376-6
  • introduzione a Karl Löwith, Scritti sul Giappone, Soveria Mannelli: Rubbettino, 1995
  • La favola dell'essere. Commento al Sofista, con il Sofista di Platone nella traduzione di Emidio Martini, Macerata: Quodlibet, 1997 ISBN 978-8886570220
  • cura (con Paolo D'Angelo) di Dizionario di estetica, Roma-Bari: Laterza, 1999 ISBN 88-420-5829-7
  • L'estetica antica, Roma-Bari: Laterza, 1999 ISBN 88-420-5699-5
  • L'amore del pensiero, Macerata: Quodlibet, 2000 ISBN 88-86570-61-9
  • Nome e immagine. Saggio su Walter Benjamin, Roma: Bulzoni, 2000; Macerata: Quodlibet, 2009 ISBN 978-88-7462-201-6
  • Immagine e verità. Studi sulla tradizione classica, a cura di Monica Ferrando, prefazione di Sergio Givone, Roma: Edizioni di storia e letteratura, 2003 ISBN 88-8498-112-3
  • Kant e la verità dell'apparenza, a cura di Gianluca Garelli, Torino: Ananke, 2006 ISBN 88-7325-151-X
  • introduzione a Walter Friedrich Otto, Il poeta e gli antichi dèi, Rovereto: Zandonai, 2008

Bibliografia criticaModifica

  • Liliana Lanzardo (a cura di), Aura. Scritti per Gianni Carchia[3], Torino: SEB 27, 2002 ISBN 88-86618-31-X

NoteModifica

  1. ^ Nel testo in bibliografia critica.
  2. ^ ivi.
  3. ^ Sono raccolte 55 testimonianze, tra cui quelle di Giorgio Agamben, Massimo Cacciari, Giacomo Marramao, Mario Perniola, Mario Luzi ecc. cfr. qui Archiviato il 21 ottobre 2007 in Internet Archive..

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN91765994 · ISNI (EN0000 0001 2321 2805 · SBN IT\ICCU\CFIV\021542 · LCCN (ENn80052276 · GND (DE129038598 · BNF (FRcb12032403p (data)