Apri il menu principale
Giannozzo Pandolfini
vescovo della Chiesa cattolica
Bernardo rossellino (bottega), monumento a giannozzo pandolfini 01.JPG
Monumento a Giannozzo Pandolfini
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Troia (1484-1525)
 
Natoa Firenze
Nominato vescovo10 marzo 1484 da papa Sisto IV
Deceduto13 dicembre 1525 a Roma
 

Giannozzo Pandolfini (Firenze, anni 1450Roma, 13 dicembre 1525) è stato un vescovo cattolico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Pandolfo e di Costanza Guicciardini, era il terzo di sette fratelli. Prese i voti, ma continuò a seguire gli interessi mercantili e finanziari della famiglia, soprattutto nel Regno di Napoli. Fu infatti nominato nel 1484 vescovo di Troia da Sisto IV, con l'assenso di Ferrante d'Aragona, anche come ricompensa alla famiglia per la morte del padre Pandolfo.

Entrato nell'entourage dei papi medicei Leone X e Clemente VII, riuscì ad ottenere i disegni di Raffaello per far costruire un innovativo palazzo famigliare a Firenze. Vasari ricorda come con Raffaello avesse un'amicizia personale, tanto da essere ritratto tra i personaggi dell'Incoronazione di Carlo Magno nella Stanza dell'Incendio di Borgo. Nella sua sede vescovile fece da tramite per abbellirla di svariate opere fiorentine, e lasciò alla cattadrale dei paramenti donatigli da papa Leone X.

Nel 1522 rinunciò al vescovado in favore del nipote Ferrando (passaggio ufficializzato solo alla sua scomparsa), per dedicarsi ai suoi interessi a Roma, dove morì tre anni dopo. Inizialmente sepolto nella chiesa di San Silvestro al Quirinale, fu poi traslato nella badia Fiorentina, luogo di sepoltura familiare, in un monumento della bottega di Bernardo Rossellino.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica