Apri il menu principale

IdronimoModifica

 
Il torrente nei pressi della confluenza

Il termine giara è usato nel Ponente ligure per indicare il corso di un torrente ricco di ghiaia[4]; Rezzo è invece il centro abitato che domina la media valle del torrente. Il corso d'acqua veniva denominato anche torrente Lavina[5] prendendo il nome dall'omonimo borgo situato sulle sue sponde.

PercorsoModifica

Nasce in località ponte dei Passi dalla confluenza di tre rii che scendono dalla zona del monte Monega: rio Teroselli, rio Giure e rio Conché. Il torrente scende poi con andamento piuttosto tortuoso e incassato verso est, affiancato per tutta la sua lunghezza dalla strada provinciale n.17 Passo Teglia-Rezzo, che corre in sinistra idrografica del corso d'acqua tenendosi in genere piuttosto alta rispetto al fondovalle. Raggiunto il comune di Pieve di Teco la Giara viene scavalcata prima della ex-statale della Valle Arroscia (oggi S.P. 453) e poco dopo dalla statale 28 del Colle di Nava. Confluisce infine in destra idrografica nell'Arroscia in località Case Paperera, a circa 215 metri di quota.[3]

AffluentiModifica

  • In destra idrografica:
    • rio Roncobono,
    • rio Fonda,
    • rio Mainardo,
    • rio Vallasse,
    • rio Costette,
    • rio Lavinelle,
    • rio Omeu,
    • rio Acqua Fredda,
  • In sinistra idrografica:
    • rio Figallo,
    • rio del Galetto,
    • rio Quardella,
    • rio Sereo.

UtilizzoModifica

 
Il ponte della ex-SS 453

Nella parte alta del corso del torrente varie sorgenti vengono captate dall'acquedotto Giara di Rezzo, gestito dall'AMAT di Imperia. Con 47 km di condutture l'acquedotto serve i comuni di Borgomaro, Lucinasco, Chiusavecchia, Chiusanico, Pontedassio e Imperia[6].

Il tratto superiore del torrente, a monte dell'immissione del rio Mainardo, è considerato zona a trota, mentre quello più a valle zona mista ciprinidi reofili / trota.[7]

Tutela naturalisticaModifica

Una parte dell'alta valle della Giara di Rezzo, collocata in destra idrografica del torrente, ricade in due S.I.C:: Bosco di Rezzo (cod. IT1315504) e M. Monega – M. Prearba (cod. IT1314609).[7]

NoteModifica

  1. ^ Giara di Rezzo, scheda su www.fiumi.com
  2. ^ Centa (PDF), in Piano di bacino stralcio sul rischio idrogeologico, Provincia di Savona, 2003, pp. 58. URL consultato il 22 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2017).
  3. ^ a b c Carta Regionale in scala 1:25.000 della Regione Liguria, on-line su www.cartografiarl.regione.liguria.it (consultato nel luglio 2017)
  4. ^ Gaetano Ferro, Società umane e natura nel tempo: temi e problemi di geografia storica, Cisalpino - Goliardica, 1987, pp. 74.
  5. ^ Acque e trasporti rivista mensile di giurisprudenza, dottrina, legislazione ed economia, 1920, pp. 287.
  6. ^ La rete acquedottistica del comune di Imperia, A.M.A.T. Azienda Municipalizzata Acquedotto e Trasporti. URL consultato il 3 agosto 2017.
  7. ^ a b Bacino dell'Arroscia (PDF), Provincia di Imperia.

Altri progettiModifica

  Portale Liguria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Liguria