Gilberto de Pippis

Gilberto de Pippis
UniversoDisney
Nome orig.Gilbert
Lingua orig.Inglese
Alter egoSuper Gilberto
EditoreThe Walt Disney Company
1ª app.1954
1ª app. inPippo e l'erudiZIOne, conosciuta anche come Pippo e... quel geniaccio di Gilberto, da Topolino n.101
Speciecane antropomorfo
SessoMaschio
Etniaamericana
Professionestudente

Gilberto de Pippis (Gilbert) è un personaggio immaginario dei fumetti Disney. È il nipote prodigio di Pippo, abilissimo nella matematica e nelle scienze in genere. Esordì nel 1954 nella storia Pippo e l'erudiZIOne[1] disegnata da Bill Wright e pubblicata su Topolino n.101.

Caratterizzazione del personaggioModifica

Dotato di una mente prodigiosa, ma anche un po' saccente, sfoggia sempre un tocco che rivela la sua preparazione accademica, e passa a trovare lo zio di tanto in tanto. Essendo uno studente prodigio, le migliori Università fanno a gara per averlo nel proprio Campus, offrendogli spesso borse di studio. Si fa notare per il numero elevato di lauree, come Pico de Paperis (con cui ama conversare nelle storie corali), anche se difetta un po' di senso pratico. L'età di Gilberto resta un mistero: nella storia d'esordio afferma di dover andare all'asilo, eppure giunge a Topolinia da solo, come un ragazzo adolescente[2]. Nelle storie più recenti non si fa più riferimento a lui come a un "bambino", mentre si tende a rappresentarlo impegnato in studi universitari, lasciando implicitamente intendere che abbia raggiunto la maggiore età. Presumibilmente è figlio di un fratello di Pippo, dal momento che nella storia d'esordio Pippo si riferisce a sua madre chiamandola semplicemente "la mamma di Gilberto".

Nella storia del 1966 Super Pippo e l'antitornado[3] (The Twister Resisters, pubblicata su Topolino n.595), Gilberto scopre che dietro a Super Pippo si cela lo zio Pippo, e viene a conoscenza della vera natura delle arachidi che crescono nel suo giardino; particolarmente inviso alla cittadinanza nell'ultimo periodo a causa dei danni che provoca per stupidità o imperizia, Super Pippo decide di farsi aiutare dal nipote nel mestiere di supereroe, e gli fa ingurgitare una delle arachidi facendolo trasformare in Super Gilberto[4] (Super Gilly in lingua originale). Questo alter ego supereroistico di Gilberto ricomparirà in molte altre storie insieme a Super Pippo, Paperinik, Paperinika, Farfalla Purpurea, Vespa Rossa e Paperbat, entrando a far parte del Club dei supereroi, dedito alla protezione del mondo e nato dopo l'attacco di un mostro alieno sconfitto grazie alla loro collaborazione. Grazie alla sua intelligenza fuori dal comune, Super Gilberto ha sempre contribuito in modo decisivo alla sconfitta di molti criminali. Nell'avventura I Supereroi alla riscossa egli neutralizza un robot volante da combattimento di Spennacchiotto togliendogli un singolo bullone, poi riesce a neutralizzare il computer che permette al lestofante di attirare sulla terra delle meteoriti, unico a poterlo fare in quanto unico ad avere le dimensioni del criminale.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica