Gioacchino I di Costantinopoli

Patriarca ecumenico di Costantinopoli
Gioacchino I
Patriarch Joachim I.jpg
Firma di Gioacchino I
Patriarca ecumenico di Costantinopoli
Elezione1498
1504
Fine patriarcato1502
1504
PredecessoreNefone II
Pacomio I
SuccessoreNefone II
Pacomio I
 
Morte1504

Gioacchino I (in greco: Ιωακείμ Α΄; ... – 1504) è stato un arcivescovo ortodosso greco, patriarca ecumenico di Costantinopoli dal 1498 al 1502 e per un breve periodo nel 1504.

BiografiaModifica

Prima che diventasse patriarca di Costantinopoli, Gioacchino era metropolita di Drama, giovane e non particolarmente istruito, ma molto abile nelle questioni ecclesiastiche[1]. Nell'autunno del 1498 fu eletto patriarca con il sostegno del re Costantino II di Georgia, prendendo il posto di Nefone II che a sua volta era sostenuto dai sovrani di Valacchia[2]. La Georgia era un paese cristiano indipendente dall'impero ottomano e semi-autonomo da un punto di vista religioso, ma che poteva applicare un'influenza notevole sulle elezioni patriarcali[2].

Gioacchino raccolse molta popolarità tra i fedeli: mentre era in viaggio per la Georgia per raccogliere fondi, il Metropolita di Silivri offrì al sultano mille pezzi d'oro per essere nominato patriarca al posto di Gioacchino, ma i fedeli raccolsero lo stesso importo e lo pagarono al Sultano per evitare la deposizione di Gioacchino[3]. Nella primavera del 1502, Gioacchino fu deposto da Bayezid II quando quest'ultimo scoprì che il patriarca aveva ordinato la costruzione di una chiesa cristiana senza il suo permesso[3].

Dopo la deposizione di Gioacchino, il nuovo patriarca eletto fu di nuovo Nefone II, che tuttavia rifiutò la carica. I sovrani della Valacchia cambiarono la loro preferenza sostenendo ora Pacomio I, che fu eletto all'inizio del 1503 e regnò per circa un anno, fino all'inizio del 1504[4] quando i sostenitori di Gioacchino raccolsero 3500 pezzi d'oro per restaurarlo sul trono (500 pezzi in più del normale compenso pagato al Sultano per ogni elezione patriarcale)[3].

Il secondo patriarcato di Gioacchino durò solo pochi mesi: poco dopo essere stato eletto, si diresse verso il nord nel tentativo di ristabilire relazioni amichevoli con i suoi nemici politici, ma sia Radu IV di Valacchia che Bogdan III di Moldavia si rifiutarono di riconciliarsi con lui[5]. Gioacchino morì nel 1504[6] durante il suo soggiorno in Valacchia, a Târgoviște o a Drista, e gli successe nuovamente Pacomio I.

NoteModifica

  1. ^ (LA) Historia Politica et Patriarchica Constantinopoleos, in Corpus scriptorum historiae byzantinae, Volume 49, Bonn, B.G.Niebuhr, I.Bekker, 1849 [1584], pp. 135-141.
  2. ^ a b (EN) Steven Runciman, The Great Church in captivity, Cambridge University Press, 1985, pp. 196-198, ISBN 978-0-521-31310-0.
  3. ^ a b c (FR) R. Janin, Costantinople, Patriarcat grec, in Dictionnaire d'histoire et de géographie ecclésiastiques, vol. 13, Parigi, Letouzey et Ané, 1956, p. 676.
  4. ^ Joachim I, su ec-patr.org, Ecumenical Patriarchate. URL consultato il 16 agosto 2011.
  5. ^ (FR) Iorga Nicolae, Byzance après Byzance, p. 85, ISBN 2-7158-0913-1.
  6. ^ (EN) Demetrius Kiminas, The Ecumenical Patriarchate, Wildside Press LLC, 2009, p. 37, ISBN 978-1-4344-5876-6.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN1342152636056020050121 · GND (DE1159198780