Apri il menu principale

Giorgio Bernini

giurista e politico italiano
Giorgio Bernini

Ministro del commercio con l'estero
Durata mandato 10 maggio 1994 –
17 gennaio 1995
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Paolo Baratta
Successore Alberto Clò

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
FI
Coalizione Polo delle Libertà
Collegio Umbria
Incarichi parlamentari
  • membro della VI commissione finanze (25 maggio 1994 - 2 febbraio 1995)
  • membro della X commissione attività produttive (2 febbraio 1995 - 8 maggio 1996)
  • membro della commissione speciale per il riordino del settore radiotelevisivo (24 marzo 1995 - 8 maggio 1996)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Docente universitario, avvocato

Giorgio Bernini (Bologna, 9 novembre 1928) è un giurista, accademico e politico italiano, attivo nell'ambito degli arbitrati internazionali e del diritto della concorrenza.

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza nel 1950, avvocato dal 1951 e cassazionista dal 1965, è stato professore universitario a Ferrara (1964 - 1966) e Padova (1966 - 1970) per poi continuare la sua attività accademica soprattutto con atenei stranieri.

Ha collaborato spesso con l'ONU: fu membro della commissione del diritto sugli scambi internazionali (1969 - 1972) e dell'organizzazione non-governativa delle Nazioni Unite (1986 - 1994), di cui attualmente è presidente onorario.

Eletto deputato nella Circoscrizione Umbria alla Camera dei deputati nel 1994 con il Polo delle Libertà, fu Ministro del commercio con l'estero nel primo governo Berlusconi. A partire dal 1996 si allontanò dalla politica.

Nel 1999 si dimise dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (cosiddetto antitrust) per poter tornare a svolgere la professione di avvocato privatamente. Nel 2001 venne nominato presidente della Rete Ferroviaria Italiana[1] e vicepresidente della Confindustria del Lazio.[2]

È il padre di Anna Maria Bernini, anche lei diventata ministro in un governo Berlusconi, oltre diciassette anni dopo il padre.

Bernini è anche autore di diversi libri e articoli di giurisprudenza, la maggior parte riguardanti l'arbitrato internazionale. Attualmente rimane molto attivo in tale ambito, essendo tra gli arbitri italiani più conosciuti all'estero.

NoteModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69011893 · ISNI (EN0000 0000 2758 8239 · SBN IT\ICCU\RAVV\007371 · BNF (FRcb12386378t (data)