Giorgio de Chirico

pittore e scrittore italiano (1888-1978)
(Reindirizzamento da Giorgio De Chirico)
Disambiguazione – "De Chirico" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi De Chirico (disambigua).

Giorgio de Chirico (Volos, 10 luglio 1888Roma, 20 novembre 1978) è stato un pittore, scultore e scrittore italiano, principale esponente della corrente artistica della Metafisica.

Giorgio de Chirico in una fotografia di Carl Van Vechten (5 dicembre 1936).
La firma dell'artista

Biografia modifica

La famiglia modifica

 
Giorgio de Chirico e Sandro Pertini.

Giuseppe Maria Alberto Giorgio de Chirico nacque a Volos, città della Tessaglia, in Grecia, il 10 luglio del 1888 da genitori italiani appartenenti alla nobiltà: il padre Evaristo (figlio del barone palermitano Giorgio Filigone de Chirico)[1] era un ingegnere ferroviario, tra i principali realizzatori della prima rete su rotaie nel Principato di Bulgaria e nel Regno della Grecia; la madre era la baronessa[2] di origine genovese Gemma Cervetto.[3][4][5] Il padre nasce a Palermo, la madre a Costantinopoli.[1] Nel 1891 morì la sorella maggiore Adelaide[6] e ad Atene venne alla luce il fratello Andrea Alberto, che assumerà dal 1914 lo pseudonimo di Alberto Savinio[7] per la sua attività di musicista, letterato e pittore. Per i primi diciassette anni di vita visse in Grecia tra Volos e Atene:[3] imparò infatti il greco moderno.[3] Lo pseudonimo tratto dal gerundio greco savin: salvando.

La formazione modifica

Nel 1896 la famiglia tornò da Atene a Volos e de Chirico prese le prime lezioni di disegno dal pittore greco Mavrudis e successivamente dal pittore e soldato Carlo Barbieri e dallo svizzero Jules-Louis Gilliéron.[8] Nel 1899 frequentò brevemente il Liceo Leonino di Atene e poi tornò a studiare in casa con maestri privati: studiò l'italiano, il tedesco, il francese e la musica.[8] Nel 1903 Giorgio si iscrisse al Politecnico di Atene per intraprendere lo studio della pittura (in quegli anni dipingerà la prima natura morta).[7] Nel 1906, insieme al fratello e alla madre, lasciò la Grecia per l'Italia, dove visitò Milano e si trasferì a Firenze, frequentandovi l'Accademia di belle arti.[7] Nel 1907 si iscrisse all'Accademia delle belle arti di Monaco di Baviera;[7] in quel periodo conobbe l'arte di Arnold Böcklin e di Max Klinger. Frequentò le lezioni di Franz von Stuck.
Nell'estate del 1909 si trasferì a Milano, dove già risiedevano la madre e il fratello;[7] all'inizio del 1910 si recò a Firenze, insieme alla madre,[7] dove dipinse la sua prima piazza metafisica, L'enigma di un pomeriggio d'autunno, nata dopo una rivelazione che ebbe in piazza Santa Croce. Dal 1911 al 1915 de Chirico visse a Parigi, dove abitava il fratello Alberto, partecipò al Salon d'Automne e al Salon des Indépendants e frequentò i principali artisti dell'epoca come Guillaume Apollinaire, Max Jacob e Pablo Picasso.[9] Fu soprattutto la frequentazione con Apollinaire a influenzarlo.[9] Cominciò quindi a realizzare quadri con uno stile più sicuro. Subì l'influenza di Paul Gauguin, da cui presero forma le prime rappresentazioni delle piazze d'Italia.

Tra il 1912 e il 1913 la sua fama si diffuse, anche se ancora non ottenne un adeguato tornaconto economico. In questo periodo iniziò a dipingere i suoi primi manichini. Negli anni parigini Giorgio compì alcune delle opere pittoriche fondamentali per il XX secolo.

Gli anni a Ferrara modifica

 
La casa in via del Carbone, a Ferrara, dove visse tra il 1916 ed il 1917.[10]

Allo scoppio della prima guerra mondiale i fratelli de Chirico si arruolarono volontari e vennero inviati a Ferrara, nella villa del Seminario,[11] assegnati al 27º reggimento di fanteria (Giorgio rimase a Ferrara per circa tre anni e mezzo, con l'incarico di scritturale). Dopo un primo periodo difficile e di disorientamento dovuto al cambiamento di città, trovò nuove ispirazioni e non dipinse più grandi piazze assolate, ma nature morte con simboli geometrici, biscotti e pani (la tipica coppia ferrarese). In questo periodo a Ferrara i de Chirico strinsero amicizia con Carlo Carrà, anch'egli qui impiegato, Filippo de Pisis e Giorgio Rea, scultore anarchico omosessuale morto suicida poco tempo dopo in circostanze poco chiare alle autorità dell’epoca, evento che influenzò molto lo stile del pittore negli anni a seguire.[12] In particolare de Pisis ospitò spesso gli amici nel suo appartamento nel palazzo Calcagnini, in via Montebello,[13] dove all'epoca la famiglia Tibertelli de Pisis abitava (in affitto dal conte Giovanni Grosoli). Verosimilmente l'ambiente colpì molto la sensibilità metafisica dei due fratelli.[14]

Come ricordato, il primo incontro con Ferrara non fu facile. Nelle sue memorie, circa trenta anni dopo, scrisse: «Partivo per Ferrara, partivo per quella città che Burckhardt definì la più moderna d'Europa e che a me si rivelò come la città più profonda, più strana e più solitaria della terra». Dopo questa prima impressione, tuttavia, il suo atteggiamento mutò ed il soggiorno nella città estense si rivelò importante per de Chirico anche sotto l'aspetto sentimentale. Da un epistolario pubblicato solo nel 2014 si è scoperto che la musa ispiratrice di una sua opera famosa, Alceste, fu la giovane ferrarese Antonia Bolognesi. Con lei, conosciuta quasi appena arrivato, ma frequentata con assiduità solo dal 1917, ebbe un lunghissimo rapporto epistolare che arrivò sino agli anni 1950.[15]

La maturità artistica modifica

Nel 1924 e nel 1932 partecipò alla Biennale di Venezia, nel 1935 alla Quadriennale di Roma.

Tra il 1936 e il 1937 si stabilì a New York, dove la Julien Levy Gallery espose le sue opere. Collaborò, inoltre, con le maggiori riviste di moda del tempo, Vogue e Harper's Bazaar, e lavorò come decoratore di interni, realizzando, ad esempio, una sala da pranzo presso la Decorators Picture Gallery collaborando con Picasso e Matisse.[16]

Negli anni cinquanta la sua pittura era caratterizzata da autoritratti in costume di tipo barocco e dalle vedute di Venezia. Nel frattempo, collaborò a varie riviste e giornali, tra cui Il Meridiano d'Italia di Franco Servello (sul quale avviò una polemica contro Picasso e il modernismo),[17] Candido, Il Giornale d'Italia.[18]

Nel 1944 si era trasferito a Roma, in Piazza di Spagna, dove aveva anche il suo atelier. Negli anni sessanta lavorò nel suo studio Massimiliano Fuksas.[19][20] Morì a Roma il 20 novembre del 1978, al termine di una lunga malattia. Pochi mesi prima, il suo novantesimo compleanno era stato celebrato in Campidoglio. Il suo sepolcro si trova in una cappella nella chiesa di San Francesco a Ripa: qui è situata la tomba del venerabile Antonino Natoli da Patti, benefattore dell'Ordine dei frati minori, di cui il pittore era devoto. Vi sono esposte tre opere donate dalla vedova Isabella Pakszwer: un autoritratto, la Donna velata con le sembianze della moglie e la Caduta di Cristo.

Metodologia modifica

Le opere che de Chirico dipinse prima della nascita della metafisica erano definite enigmatiche, a Ferrara nel 1917. I suoi soggetti erano ispirati dalla luce del giorno delle città mediterranee, ma poi rivolse gradualmente la sua attenzione alle architetture classiche. I lavori realizzati dal 1915 al 1925 erano caratterizzati dalla ricorrenza di architetture essenziali, proposte in prospettive ancora simboliche, in cui è possibile individuare il semeion greco, immerse in un clima trascendente e spettrale. Nei vari interni metafisici furono dipinti in quegli anni oggetti totalmente incongrui rispetto al contesto (ad esempio una barca a remi in un salotto), rappresentati con una minuzia ossessiva, una definizione tanto precisa da sortire un effetto contrario a quello del realismo.

Nella sua arte, infatti, si fece sempre più sentire un'originale e romantica interpretazione della classicità e un interesse per la tecnica dei grandi maestri rinascimentali. Il pittore russo Nicola Lochoff, vero nome Nikolaj Nikolaevič Lochov lo iniziò ai segreti della tempera grassa verniciata.[21] Dipinse, dunque, tele naturaliste ed eseguì numerosi ritratti, con colori caldi ma fermi. Si interessò alla scultura in terracotta e tradusse nella terza dimensione i suoi soggetti preferiti. Continuò a dipingere contemporaneamente opere di atmosfera metafisica e di impianto tradizionale e i colori più usati erano il cobalto, l'oltremare, il vermiglio nelle tonalità squillanti, e svariate tonalità di verde. Molti autoritratti e ritratti, diverse nature morte erano realizzati a tempera.

Ritornò periodicamente ai suoi temi metafisici, pur continuando a dipingere nature morte, paesaggi, ritratti ed interni in costante opposizione con le tendenze dell'arte contemporanea. Nel 1917 s'interessò nuovamente alla scenografia dedicandosi alla tecnica della scultura in bronzo che coltiverà per tutta la seconda metà degli anni sessanta. Inventò nuove illustrazioni per l'Apocalisse da realizzarsi, questa volta, con il metodo della litografia a colori. Continuò a dipingere contemporaneamente opere di atmosfera metafisica e di impianto tradizionale. De Chirico fu anche incisore e scenografo.

L'attività artistica modifica

 
Giorgio de Chirico ritratto da Paolo Monti nel 1970. Fondo Paolo Monti, BEIC.

La nascita della pittura metafisica avvenne a Firenze nel 1910. I quadri di questo periodo erano memorabili per le pose e per gli atteggiamenti evocati dalle nitide immagini.

Mentre era ricoverato all'ospedale militare di Ferrara nel 1917, de Chirico conobbe il pittore futurista Carlo Carrà, con cui iniziò il percorso che lo portò a perfezionare i canoni della pittura metafisica: a partire dal 1920, tali teorizzazioni furono divulgate dalle pagine della rivista Pittura metafisica. Questa sarà ispiratrice di architetture reali realizzate nelle città di fondazione di epoca fascista, dove il razionalismo italiano lavorerà anche su forme, spazi e particolari architettonici metafisici (Portolago, Sabaudia ecc.).

Nel 1924 conobbe l'attrice e ballerina Raissa Calza e tra loro sbocciò un intenso sentimento. Si stabilirono a Parigi e Raissa abbandonò la danza per dedicarsi esclusivamente agli studi di archeologia alla Sorbona.
Trascorsero insieme un periodo florido e ricco di successi, durante il quale de Chirico dipinse alcuni ritratti di Raissa: Figura in verde (Ritratto di Raissa) 1926, L’ésprit de domination 1927, Gli archeologi 1929, Ritratto di Raissa 1930, Bagnante (Ritratto di Raissa). Il 3 febbraio 1930, quando il legame era già in crisi, si sposarono.[22] Ispirato dai libri di studio della compagna, iniziò a dipingere soggetti archeologici, un omaggio alla classicità riproposta però in modo inquietante: ne furono noti esempi Ettore e Andromaca 1917 e Ville romane. Il matrimonio durò pochi mesi, infatti alla fine del 1930 il pittore si innamorò di Isabella Far (1909-1990),[23] che divenne la sua seconda moglie e che gli restò accanto fino alla morte.

La figura del manichino, presente anche nell'opera Le muse inquietanti, dell'uomo-automa contemporaneo (Il grande metafisico, 1917), gli fu invece ispirata "dall'uomo senza volto", personaggio di un dramma del fratello Alberto Savinio, pittore e scrittore.

In seguito, de Chirico collaborò alla rivista La Ronda, che teorizzava una rivisitazione completa dei classici e una sincera fedeltà alla tradizione. Partecipò all'esposizione di Berlino del 1921. Ebbe un periodo di contatto con il surrealismo, esponendo a Parigi nel 1925: le sue opere successive erano contraddistinte dal virtuosismo tecnico e rappresentavano un tributo e un ringraziamento al periodo barocco. Nel 1949-50 de Chirico aderì al progetto della importante collezione Verzocchi (attualmente conservata presso la pinacoteca civica di Forlì), proponendo, oltre ad un autoritratto, l'opera Forgia di Vulcano. Nello stesso anno alcune sue opere vennero esposte al MoMa di New York.[24] Tra esse anche Le muse inquietanti della Collezione Gianni Mattioli di Milano.

Secondo lo studioso Ubaldo Nicola, alcune opere di de Chirico - e in particolare la pittura metafisica di cui egli fu l'iniziatore - sarebbero state stimolate dalle frequenti cefalee, di cui l'artista, proprio come Picasso, notoriamente soffriva, subendo il disturbo dell'aura visiva.[25] De Chirico fu anche incisore e scenografo.

De Chirico scrittore modifica

Giorgio de Chirico fu anche autore di scritti teorici, memorie autobiografiche, brevi racconti e di una vera e propria opera letteraria di una certa importanza: L'Hebdomeros (Ebdomero). Pubblicata nel 1929, anni in cui il classicismo era nell'aria, imposto dal "Ritorno all'ordine" dell'epoca fascista, sostenuto anche da riviste come "La Ronda" e "Valori Plastici".
De Chirico concluderà la sua opera con la formula "Pittore classicus sum": il libro si presentava come romanzo ma in realtà era un tipo di narrazione indefinibile: senza una storia riconoscibile né una trama, come una sorta di ininterrotta scenografia teatrale.

Era una mistura volutamente nebulosa, senza nessuna coordinazione spazio-temporale in cui si affastellavano figure senza un ruolo determinato come gladiatori, generali, centauri, pastori in un insieme di sogni, ricordi poco fedeli, suggestioni ipnagogiche, miti e reminiscenze, nient'altro che echi della sua pittura. Anche i luoghi erano quelli metafisici tipici dei suoi quadri, che si spostavano naturalmente nella loro innaturalezza (come in un sogno). Tra gli altri scritti si ricordano il romanzo autobiografico Il signor Dudron, il Piccolo trattato di tecnica pittorica, la Commedia dell'arte moderna (scritta con Isabella Far) e l'autobiografia Memorie della mia vita. Alcune sue poesie in francese, ritrovate nell'archivio Paulhan, sono state pubblicate da J.-Ch. Vegliante (Poèmes Poesie, Paris, Solin, 1981).

Opere modifica

 
Cavalli di de Chirico in una fotografia di Paolo Monti. Fondo Paolo Monti, BEIC.
  • Tritone e tritonessa o Tritone e sirena, 1908 - 1909
  • Centauro morente, 1909
  • La partenza degli Argonauti, 1909
  • Ritratto del fratello, 1909
  • L'enigma di un pomeriggio d'autunno, 1910
  • L'enigma dell'oracolo, 1910
  • L'enigma dell'ora, 1911
  • L'enigma dell'arrivo e del pomeriggio, 1911 - 1912
  • Enigma del Ritorno, 1912
  • La matinée angoissante, 1912
  • La nostalgia dell'infinito, 1912
  • Meditazione autunnale, 1912
  • I piaceri del poeta, 1912
  • La Torre Rossa, 1913
  • Piazza con Arianna, 1913
  • Il viaggio angoscioso, 1913
  • Melanconia di un pomeriggio, 1913
  • Il sogno trasformato, 1913
  • L'incertezza del poeta, 1913
  • L'angoscia della partenza, 1913
  • La conquista del filosofo, 1914
  • La stazione di Montparnasse, 1914
  • Il canto d'amore, 1914
  • L'enigma di una giornata, 1914
  • Mistero e melanconia di una strada, 1914
  • Il tempio fatale, 1914
  • Il destino del poeta, 1914
  • Il ritornante, 1914
  • Guillaume Apollinaire, 1914
  • Il giorno di festa, 1914 - 1915
  • Piazza d'Italia, 1915
  • I progetti della fanciulla, 1915
  • L'angelo ebreo, 1916
  • Interno metafisico, 1916
  • La malinconia della partenza, 1916
  • Il linguaggio del bambino, 1916
  • La Révélation du solitaire, 1916
  • Il doppio sogno di primavera, 1915
  • La coppia, 1915
  • Metafisica Interiore con Biscotti, 1916
  • Il servitore fedele, 1916
  • Il grande metafisico, 1917
  • Metafisica Interiore, 1917
  • Il sogno di Tobia, 1917
  • Il trovatore, 1917
  • Ettore e Andromaca, 1917
  • Le muse inquietanti, 1917 - 1918
  • Natura morta con salame, 1919
  • I pesci sacri, 1919
  • Autoritratto, 1920
  • Il figliol prodigo, 1922
  • Florentine Still Life, 1923 circa
  • L'Ottobrata, 1924
  • Au Board de la Mer, 1925
  • Le Rive della Tessaglia, 1926
  • La Commedia e la Tragedia (Commedia Romana), 1926
  • La famiglia del pittore, 1926
  • La notte di Pericle, 1926
  • Cupboards in a Valley, 1926
  • Due Maschere, 1926
  • Interno in una valle, 1927
  • The Archaeologists, 1927
  • Mobili nella valle, 1927
  • Thèbes, 1928
  • Gladiatori in riva al mare, 1929
  • The Archaeologists IV (dalla serie Metamorphosis), 1929
  • I fuochi sacri, 1929
  • Il ritorno del figliol prodigo I (dalla serie Metamorphosis), 1929
  • Bagnante (Ritratto di Raissa), 1929
  • Le mediant des Thermopiles, 1929
  • Autoritratto nello studio di Parigi, 1935
  • Presente e passato, 1936
  • Melanconia dell'uomo politico, 1938
  • Arciere a cavallo, 1941
  • L'oca spiumata, 1941
  • Forgia di Vulcano e autoritratto, 1949 - 1950, realizzati per la collezione Verzocchi
  • Ippolito e il suo cavallo, 1959
  • Cavallo solitario, 1960
  • Gli Amici Mediterranei, 1970
  • Sole sul Cavalletto, 1973
  • Dialogo Silenzioso, 1973
  • I bagni misteriosi, 1973
  • Autoritratto davanti al Cavalletto, 1975
 
Oreste e Pilade (1938) (Casa Museo Francesco Cristina).

Scritti modifica

  • Piccolo trattato di tecnica pittorica, Milano, Amici del libro, 1928.
  • (FR) Hebdomeros. Le peintre et son génie chez l'écrivain, Paris, Pierre Levy, 1929.
  • 1918-1925. Ricordi di Roma, Roma, Editrice Cultura Moderna, 1945 [scritto nel 1944].
  • (FR) Une aventure de Monsieur Dudron, L'Age d'or, Paris, Fontaine, 1945.
  • Commedia dell'arte moderna, Nuove Edizioni Italiane, Roma, Traguardi, 1945.
  • Memorie della mia vita, Roma, Astrolabio, 1945. 2ª ed., (IIa ediz. ampliata) Milano, Rizzoli, 1962.
  • Il meccanismo del pensiero. Critica, polemica, autobiografia 1911-1943, Saggi, n. 675, Torino, Einaudi, 1985.
  • Elena Pontiggia (a cura di), Lettere 1909-1929, introduzione di Paolo Picozza, Milano, Silvana Editoriale, 2018, ISBN 978-88-3664-164-2.

Onorificenze modifica

Giorgio de Chirico nei musei modifica

Note modifica

  1. ^ a b Giorgio De Chirico, Luca Caramella e Manuela Boscolo, Giorgio de Chirico: capolavori ed opere scelte nelle collezioni piemontesi e lombarde, Fondazione Art Museo, 1º gennaio 2001. URL consultato il 1º agosto 2016.
  2. ^ Vittorio Sgarbi, Giorgio De Chirico: dalla metafisica alla metafisica: opere 1909-1973, Venezia, Marsilio, 1º gennaio 2002. URL consultato il 1º agosto 2016.
  3. ^ a b c (EN) Aa.Vv, Giorgio De Chirico. L'uomo, l'artista, il polemico: Guida alle interviste 1938-1978, Roma, Gangemi, 2 gennaio 2016, ISBN 978-88-492-9566-5. URL consultato il 1º agosto 2016.
  4. ^ Claudio M. Strinati, Opere della collezione Carlo F. Bilotti: da Picasso a Warhol, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, 1º gennaio 2005, ISBN 978-88-498-1136-0. URL consultato il 1º agosto 2016.
  5. ^ Giorgio De Chirico, Giorgio de Chirico: la "metafisica continua": opere della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Silvana, 1º gennaio 2008, ISBN 978-88-366-1049-5. URL consultato il 1º agosto 2016.
  6. ^ Biografia | Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, su fondazionedechirico.org. URL consultato il 2 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2016).
  7. ^ a b c d e f Maurizio Calvesi e Gioia Mori, De Chirico, Giunti Editore, 1º gennaio 1988, ISBN 978-88-09-76080-6. URL consultato il 1º agosto 2016.
  8. ^ a b Giorgio De Chirico, Memorie della mia vita, Milano, Bompiani, 30 luglio 2013, ISBN 978-88-587-6102-1. URL consultato il 2 agosto 2016.
  9. ^ a b Giorgio de Chirico, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 2 agosto 2016.
  10. ^ MuseoFerrara1.
  11. ^ Villa del Seminario (Città del Ragazzo), su museoferrara.it, Museo Ferrara, Comune di Ferrara, 21Style. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  12. ^ “Giorgio De Chirico: la vita e l’opera”, Milano, La Nave di Teseo, pag. 132.
  13. ^ Filippo de Pisis | biografia completa e dettagliata, su filippodepisis.org. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  14. ^ Palazzo Calcagnini, su museoferrara.it, Museo Ferrara, Comune di Ferrara, 21Style. URL consultato il 21 gennaio 2016.
  15. ^ E.Bolognesi, pp. 9-12.
  16. ^ Biografia, su fondazionedechirico.org. URL consultato il 19 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2014).
  17. ^ Giorgio Cortenova e Jean Leymarie (a cura di), Picasso in Italia, Milano, Mazzotta, 1990, p. 192.
  18. ^ Aa.Vv., Giorgio De Chirico. L'uomo, l'artista, il polemico, a cura di Mario Ursino, Roma, Gangemi, 2013, pp. 107-08.
  19. ^ FUKSAS, Area: rivista europea per la cultura del progetto, n.131, Novembre/Dicembre 2013.
  20. ^ FUKSAS, nella collana Lezioni di architettura e design, Aprile 2016, RCS.
  21. ^ Simona Rinaldi, All’origine delle riccette di Giorgio De Chirico (PDF), su fondazionedechirico.org. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  22. ^ Biografia, su fondazionedechirico.org. URL consultato il 21 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2018).
  23. ^ ISA, MUSA E MANAGER, su La Repubblica, 21 novembre 1990. URL consultato il 16 agosto 2019.
  24. ^ (EN) James Thrall Sody e Alfred H. Daur, Jr., Twentieth-Century Italian Art (PDF), su moma.org, New York, Museum of Modern Art. URL consultato il 17 dicembre 2023.
  25. ^ Claudia Giammatteo, Quel diavolo di mal di testa, Focus Storia, febbraio 2010, p. 17.
  26. ^ Cavaliere dell'Ordine di Savoia (PDF), su archivio.quirinale.it, p. 4. URL consultato il 17 dicembre 2023.

Bibliografia modifica

  • Paolo Baldacci, Maurizio Fagiolo Dell'Arco, Giorgio de Chirico Parigi 1924-1930, Milano, Galleria Philippe Daverio, 1982, p. 22.
  • (EN) Willard Bohn, The rise of Surrealism: Cubism, Dada, and the pursuit of the marvelous, SUNY Press, 2002. ISBN 0-7914-5159-3.
  • Maurizio Calvesi-Gioia Mori, De Chirico, Firenze, Giunti Editore, 1988, p. 50. ISBN 88-09-76080-8.
  • Chirico, gli anni Venti, a cura di Maurizio Fagiolo dell’Arco, catalogo della mostra, Galleria dello Scudo, Verona, 1986-1987; Mazzotta, Milano, 1986. ISBN 88-202-0723-0
  • De Chirico, gli anni Trenta, a cura di Maurizio Fagiolo dell’Arco, catalogo della mostra, Galleria dello Scudo e Museo di Castelvecchio, Verona, 1998-1999; Mazzotta, Milano, 1998. ISBN 88-202-1301-X.
  • Giorgio de Chirico vol. 1 - Catalogo generale Opere dal 1912 al 1976, testi di C. Strinati, P. Picozza, a cura di Fondazione Giorgio e Isa De Chirico - Maretti Editore, 2014. ISBN 9788898855094.
  • Giorgio de Chirico vol. 2 - Catalogo generale Opere dal 1910 al 1975, testi di F. Benzi, G. De Chirico, P. Picozza, a cura di Fondazione Giorgio e Isa De Chirico - Maretti Editore, 2015. ISBN 9788898855599.
  • Giorgio de Chirico vol. 3 - Catalogo generale Opere dal 1913 al 1976, testi di M. Calvesi, G. De Chirico, P. Picozza, a cura di Fondazione Giorgio e Isa De Chirico - Maretti Editore, 2016. ISBN 9788898855780.
  • Giorgio de Chirico vol. 4 - Catalogo generale Opere dal 1913 al 1975, testi di G. De Chirico, P. Picozza, L. Canova, a cura di Fondazione Giorgio e Isa De Chirico - Maretti Editore, 2018. ISBN 9788893970006.
  • Giorgio de Chirico vol. 5 - Catalogo generale Opere dal 1914 al 1976, testi di E. Pontiggia, P. Picozza, a cura di Fondazione Giorgio e Isa De Chirico - Maretti Editore, 2023. ISBN 9788893970761.
  • Maurizio Fagiolo Dell'Arco-Luigi Cavallo, De Chirico. Disegni inediti (1929), Milano, Edizioni grafiche Tega, 1985, p. 140.
  • Mariasole Garacci, pace con Giorgio de Chirico, Micromega, 22 aprile 2010.
  • Pere Gimferrer, De Chirico, 1888-1978, opere scelte, Milano, Rizzoli, 1988, p. 128.
  • (FR) Giovanni Lista, De Chirico et l'avant-garde, Éditions L'Âge d'Homme, 1983. ISBN 2-8251-2413-3.
  • Gioia Mori Gioia, De Chirico metafisico, Firenze, Giunti, 2007, p. 50.
  • Victoria Noel-Johnson, Giorgio de Chirico: Il volto della Metafisica, Skira, Milano, 2019. ISBN 978-8857240435.
  • Elena Pontiggia-Giovanni Gazzaneo, Giorgio de Chirico. L'Apocalisse e la luce, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2012, p. 119.
  • (ES) Olga Sáenz, Giorgio de Chirico y la pintura metafísica, UNAM, 1990. ISBN 968-36-1050-1.
  • (EN) James Thrall Soby James Thrall, The early Chirico, Ayer Publishing, 1969. ISBN 0-405-00736-1.
  • (EN) Mark Stevens Mark, Late, great De Chirico in New York Magazine 7 ott 1996 - v. 29, n. 39, pp. 67 e 113.
  • Valerio Rivosecchi, DE CHIRICO, Giorgio, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 33, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1987. URL consultato il 9 ottobre 2015.
  • Eugenio Bolognesi, Alceste: una storia d'amore ferrarese: Giorgio de Chirico e Antonia Bolognesi, Falciano (RSM), Maretti Editore, 2014, SBN IT\ICCU\RMS\2679346.
  • Giorgio De Chirico, Zeusi l'esploratore (1918) e la corrispondenza con Giuseppe Raimondi, a cura di Valentina Malerba, Raffaelli, Rimini, 2018.
  • Girace P., Artisti contemporanei, Napoli, Ed. E.D.A.R.T., 1970, pp. 136-139, SBN IT\ICCU\NAP\0057927.
  • Giovanni Lista, Il manichino nell'arte metafisica - Maretti Editore, 2021. ISBN 9788893970273.
  • Giorgio De Chirico, Gli spettacoli disegnati, a cura di Simonetta Antellini e Lorenzo Canova, Catalogo della mostra, Palazzo Dosi Delfini - Rieti 2022. Maretti Editore, 2022. ISBN 9788893970525
  • Salvatore Giannella, Quei de Chirico finti... ma non troppo, in Viaggio nell'Italia di falsari & furbetti, Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo, Massimo Mucchetti et al., Milano, RCS Periodici, 2012.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN104172730 · ISNI (EN0000 0001 2321 4771 · SBN CFIV016051 · BAV 495/171352 · CERL cnp01412188 · Europeana agent/base/62510 · ULAN (EN500032635 · LCCN (ENn79069950 · GND (DE118524208 · BNE (ESXX973413 (data) · BNF (FRcb11898878m (data) · J9U (ENHE987007507799405171 · NSK (HR000028225 · NDL (ENJA00435920 · CONOR.SI (SL35984227 · WorldCat Identities (ENlccn-n79069950