Apri il menu principale

Giorgio Fieschi

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Giorgio Fieschi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giovanni gagini, monumento a giorgio fieschi, post 1461.JPG
Coat Cardinals Fieschi.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Mariana dal 1433 al 1436
Arcivescovo di Genova dal 1436 al 1439
Cardinale presbitero di Sant'Anastasia
Cardinale vescovo di Palestrina
Cardinale vescovo di Ostia e Velletri
 
Nato?
Consacrato vescovo1435
Creato cardinale18 dicembre 1439 da papa Eugenio IV
Deceduto1461
 

Giorgio Fieschi dei conti di Lavagna (... – Roma, 11 ottobre 1461) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano. Era figlio di figlio di Ettore Fieschi. Apparteneva ad una nobile famiglia genovese che aveva già dato alla Chiesa cattolica due papi: Innocenzo IV e Adriano V e quattro cardinali: Guglielmo, Luca, Giovanni e Ludovico.[1]

Indice

BiografiaModifica

Fu nominato vescovo di Mariana in Corsica nel 1433 ma consacrato solo nel 1435 a Firenze. Nel 1436 ottenne la sede arcivescovile di Genova che mantenne fino al 1439 quando, il 18 dicembre fu nominato da papa Eugenio IV cardinale presbitero di Sant'Anastasia. Ottenne la commenda di numerose sedi vescovili (Sagona in Corsica dal 1443 al 1445, Noli, dal 1447 al 1448, Albenga, dal 1448 al 1459) ed abbazie. Fu legato pontificio di papa Niccolò V in Liguria. Fu Camerlengo del Sacro Collegio per l'anno 1447. Nel 1455 divenne Decano del Sacro Collegio.

Nel concistoro del 5 marzo 1449 fu nominato cardinale vescovo di Palestrina ed il 28 aprile 1455, in qualità di decano del collegio cardinalizio, ottenne il titolo vescovile di Ostia e Velletri

Dopo la morte la sua salma fu traslata a Genova e tumulata in un mausoleo nella cappella di San Giorgio della cattedrale di Genova.

ConclaviModifica

Il cardinale Giorgio Fieschi partecipò ai conclavi:

NoteModifica

  1. ^ Dalla famiglia Fieschi usciranno ancora tre cardinali: Niccolò, nipote di Giorgio, Lorenzo e Adriano. Anche una santa proverrà dalla famiglia Fieschi, Caterina Fieschi.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57680704 · GND (DE12901656X · CERL cnp00523690