Apri il menu principale

Giorgio Piamonti

attore italiano

BiografiaModifica

Figlio dell'attore toscano Emilio Piamonti debutta giovanissimo accanto al padre in palcoscenico, e successivamente nel cinema muto diretto da Ivo Illuminati nel film Automartirio prodotto dalla Elettra Raggio. Dotato di una voce caratteristica viene spesso chiamato presso varie ditte di doppiaggio dove lavorerà sino alla fine degli anni 50. Nel 1948 fa parte della ODI impresa di doppiaggio diretta a Roma da Carlo D'Angelo partecipando anche ad alcuni ridoppiaggi di film degli anni 30 dando la voce a Lionel Barrymore in vari film tra cui Pranzo alle otto e Grand Hotel.

Nel 1944-1945 durante la RSI, negli studi della Giudecca a Venezia lavorerà sia come attore che come doppiatore.

Nel 1946 viene scritturato in forma stabile dalla RAI sede toscana, per far parte della Compagnia di prosa di Firenze diretta da Umberto Benedetto nella quale reciterà in centinaia di commeide e radiodrammi.

Presente anche se saltuariamente nella prosa televisiva nel periodo iniziale.

FilmografiaModifica

DoppiaggioModifica

Prosa radiofonica RaiModifica

Prosa televisivaModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica