Giorgio di Sassonia

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri nobili omonimi, vedi Giorgio di Sassonia (disambigua).
Giorgio di Sassonia
George of Saxony by Nicola Perscheid c1900.jpg
Giorgio I di Sassonia fotografato da Nicola Perscheid, circa 1900
Re di Sassonia
Stemma
In carica 19 giugno 1902 -
15 ottobre 1904
Predecessore Alberto
Successore Federico Augusto III
Nome completo in tedesco: Friedrich August Georg Ludwig Wilhelm Maximilian Karl Maria Nepomuk Baptist Xaver Cyriacus Romanus
Nascita Dresda, 8 agosto 1832
Morte Pillnitz, 15 ottobre 1904
Luogo di sepoltura Cattedrale della Santissima Trinità, Dresda
Casa reale Wettin
Padre Giovanni di Sassonia
Madre Amalia Augusta di Baviera
Consorte Maria Anna di Portogallo
Figli Maria Giovanna
Elisabetta
Matilde
Federico Augusto
Maria Giuseppina
Giovanni Giorgio
Massimiliano
Alberto
Religione cattolicesimo

Giorgio di Sassonia (Dresda, 8 agosto 1832Pillnitz, 15 ottobre 1904) fu re di Sassonia della casata di Wettin.

BiografiaModifica

Giorgio nacque nella capitale sassone, Dresda. Era il secondo figlio del re Giovanni di Sassonia (1801-1873) e di sua moglie Amalia Augusta di Baviera (1801-1877), figlia del re Massimiliano I Giuseppe di Baviera.

Tra il 1849 ed il 1850 frequentò per sei mesi l'Università di Bonn, senza però laurearsi.

L'11 maggio 1859 Giorgio sposò a Lisbona l'infanta Maria Anna Ferdinanda di Braganza (1843-1884), la figlia maggiore sopravvissuta della regina Maria II del Portogallo e del di lei consorte, il re Ferdinando II. Ferdinando era nato principe di Sassonia-Coburgo-Gotha-Koháry.

Giorgio servì sotto il comando del fratello Alberto durante la Guerra austro-prussiana del 1866 e nella Guerra franco-prussiana. Nella riorganizzazione dell'esercito germanico successiva alla prima fase dei combattimenti, Giorgio succedette al fratello nel comando del XII corpo d'armata sassone che, inquadrato nella nuova Maasarmee (o IV armata), avrebbe guidato con successo alla decisiva battaglia di Sedan e nel successivo assedio di Parigi. Nel 1892, in occasione del suo sessantesimo compleanno, venne nominato Generale Feldmaresciallo. Col tempo divenne sempre più chiaro che Alberto non avrebbe avuto eredi e quindi si propose di nominare Giorgio erede al trono. Egli succedette ad Alberto come re di Sassonia il 19 giugno 1902, per soli due anni di regno. Morì a Pillnitz e venne succeduto dal figlio maggiore Federico Augusto III (1865-1932), che venne deposto nel 1918.

Matrimonio ed erediModifica

Dal matrimonio con Maria Anna del Portogallo nacquero i seguenti figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico Cristiano di Sassonia Augusto III di Polonia  
 
Maria Giuseppa d'Austria  
Massimiliano di Sassonia  
Maria Antonia di Baviera Carlo VII di Baviera  
 
Maria Amalia d'Asburgo  
Giovanni di Sassonia  
Ferdinando I di Parma Filippo I di Parma  
 
Luisa Elisabetta di Borbone-Francia  
Carolina di Borbone-Parma  
Maria Amalia d'Asburgo-Lorena Francesco I di Lorena  
 
Maria Teresa d'Austria  
Giorgio di Sassonia  
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken  
 
Carolina di Nassau-Saarbrücken  
Massimiliano I Giuseppe di Baviera  
Maria Francesca del Palatinato-Sulzbach Giuseppe Carlo del Palatinato-Sulzbach  
 
Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg  
Amalia Augusta di Baviera  
Carlo Luigi di Baden Carlo Federico di Baden  
 
Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt  
Carolina di Baden  
Amalia d'Assia-Darmstadt Luigi IX d'Assia-Darmstadt  
 
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld  
 

OnorificenzeModifica

Onorificenze sassoniModifica

  Gran Maestro dell'Ordine della Corona Fiorata
  Gran Maestro dell'Ordine Militare di Sant'Enrico
  Gran Maestro dell'Ordine Reale di Alberto di Sassonia
  Gran Maestro dell'Ordine Civile di Sassonia

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
  Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Militare del Württemberg (Württemberg)
— 1871

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN40163779 · ISNI (EN0000 0000 1390 0762 · GND (DE117737542 · CERL cnp01275337 · WorldCat Identities (ENviaf-40163779