Apri il menu principale
Giostra Cavalleresca di Sulmona
Sulmona piazza Garibaldi.JPG
Piazza Garibaldi già Piazza Maggiore
Tipo di festaRievocazione storica
DataUltimo fine settimana di Luglio
Celebrata inSulmona
Data d'istituzioneLuglio 1995

La Giostra Cavalleresca di Sulmona è una rievocazione storica di epoca rinascimentale che si svolge ogni anno durante l'ultimo fine settimana di luglio a Sulmona, riproposta come evento moderno a partire dal 1995.

Giostra RinascimentaleModifica

Si teneva due volte l'anno (in aprile e a ferragosto) e consisteva in tre assalti alla lancia, portati contro un bersaglio umano (il cosiddetto "Mantenitore") da un cavaliere munito di una lancia con vernice bianca sulla punta (detta punteria).

Il punteggio era assegnato da un "Mastrogiurato", il cui giudizio era insindacabile, in base alla parte del corpo colpita e all'eventuale perdita di sangue (più copiosa era la fuoriuscita di sangue più alto era il punteggio), che alla fine dichiarava il vincitore. Essa si tenne fino alla prima metà del 1600 quando fu dismessa per "disapplicazione e mancanza di cavalieri giostranti". L'iscrizione era libera, per cui chiunque poteva parteciparvi. Il premio per la vittoria finale prevedeva una somma in denaro, una medaglia d'oro realizzata dagli orafi di Sulmona con impresso l'emistichio Ovidiano "SMPE", e principalmente un drappo in seta preziosa che rappresentava quello che oggi è il moderno "Palio"

Giostra modernaModifica

La giostra cavalleresca in versione moderna è stata strutturata e realizzata a partire da luglio 1995 su iniziativa di un gruppo di cittadini sulmonesi, guidati dal prof. Gildo Di Marco, su base di assoluto volontariato senza scopi di lucro e con il fattivo aiuto dell'Ente Palio del Niballo di Faenza. Vede la partecipazione dei quattro Sestieri e dei tre Borghi in cui è stata suddivisa la parte storica del territorio cittadino, che si affrontano in singolar tenzone sul plateatico di piazza Maggiore (già piazza Garibaldi) dove viene realizzato il campo di gara.

Si svolge in due giornate, l'ultimo sabato e l'ultima domenica di luglio, durante le quali ogni cavaliere si scontra con altri quattro cavalieri per un totale di 14 scontri, alla fine dei quali i primi quattro classificati si scontrano in due semifinali e poi nella finale per la conquista del Palio. Questo consiste in un dipinto su tela realizzato ogni anno da un diverso artista a livello internazionale, che viene scelto sulla base di un concorso pubblico a livello mondiale dalle Commissioni storica ed artistica dell'Associazione culturale giostra cavalleresca di Sulmona.

Il campo di gara è realizzato ogni anno portando sul plateatico di Piazza Maggiore circa 2 000  fra terra grezza e sabbia fine, che opportunamente sistemate formano la pista di percorrenza per i cavalli in gara. Vengono inoltre montate intorno alla pista una serie di strutture in metallo per contenere i circa 5 000  spettatori che assistono alla giostra moderna. Vengono impiegati dai 5 ai 7 giorni per allestire il campo di gara con tutte le sue strutture di sicurezza.

I cavalli gareggiano percorrendo un ovale completo e quindi un otto, in circa 30 secondi, durante il quale devono infilare gli anelli sistemati sulle tre sagome-bersaglio che incontrano sul loro percorso completo. Il punteggio di ogni singola sfida viene determinato dal numero di "botte" agli anelli (massimo 3 per ogni cavaliere); in caso di parità si tiene conto del valore dei singoli anelli, di diverso diametro (quello da 10 cm di diametro vale 1 punto, da 8 cm 2 punti e da 6 cm 3 punti). In caso di ulteriore parità si tiene conto del tempo impiegato.

Il record assoluto della pista è attualmente detenuto dal Sestiere Porta Manaresca, che nell'edizione 2009 con il cavaliere Marco Diafaldi in sella ad Hermosa, ha realizzato le tre botte necessarie a poter detenere il record nel tempo di 28,21 secondi.

I due giorni di gare in Piazza Maggiore sono sempre preceduti da un corteo storico a cui prendono parte circa 500 figuranti dell'Associazione giostra, dei borghi scomparsi, dei Sestieri e Borghi, del gruppo del Mastrogiurato, del gruppo dei portatori del Palio più eventuali ospiti. La tradizione vuole l'ordine di sfilata dei Sestieri e Borghi all'inverso rispetto alla classifica ottenuta nell'edizione precedente, quindi si sfila per primi se si è arrivati ultimi e viceversa.

Sestieri e Borghi partecipanti alla GiostraModifica

Sestiere Porta Manaresca[1]
Prende il nome dalla scomparsa porta situata alla sommità di via Marselli, alias "Costa dei Sardi", ed è delimitato da Vico del Vecchio, dalla nuova via Federico II, la Circonvallazione Orientale, via Pansa, via De Nino, Corso Ovidio.
Sestiere di Porta Canarini [2]
Detto comunemente Filiamabili, prende il nome dalla porta perfettamente conservata nelle sue forme trecentesche. Ha come confini via Manlio d'Eramo, la Circonvallazione Orientale, Corso Ovidio, via San Cosimo, largo Salvatore Tommasi.
Sestiere Porta Bonorum Hominum[3]
Adiacente alla porta omonima, meglio nota come Porta Bonomini, situata all'inizio della discesa di Porta Romana. Comprende tutta l'area adiacente alla porta stessa, fino al corso Ovidio, ed a largo Salvatore Tommasi e via San Cosimo.
Sestiere Porta Japasseri[4]
Comunemente conosciuto come Porta Japasseri, è posto all'angolo sud-orientale del primitivo abitato tra la Circonvallazione Orientale, via Pansa, via De Nino, Corso Ovidio e Piazzale Carlo Tresca. Comprende inoltre il territorio orientale del distretto di porta Sancti Pamphili. Prende il nome dalla porta Iohannis Passarum ("Giovanni de' Passeri")
Borgo San Panfilo[5]
Include tutta la parte settentrionale del centro storico da via di Porta Romana, Piazzale Carlo Tresca e la Circonvallazione Orientale. Al suo interno si trova la cattedrale intitolata al Santo Patrono della città, da cui il borgo prende il nome
Borgo Pacentrano[6]
La porta da cui deriva il nome dell'antico borgo, in origine nota come Porta Orientis, è situata all'inizio di via Dorucci. Il territorio del borgo è racchiuso tra la Circonvallazione Orientale, il settore Est di Piazza Garibaldi e Vico del Carbonaro, comprendendo così anche Porta Saccoccia, aperta al termine di via Probo mariano, lungo la quale è situata la Piazzetta di Sant'Agata.
Borgo Santa Maria della Tomba[7]
È il borgo più popolato in quanto comprende tutta la parte meridionale del centro storico, tra la prima e la second cinta muraria. Prende il nome dalla chiesa che è nel cuore del rione, in piazza plebiscito.

Sestieri e borghi non partecipanti alla giostraModifica

  • Sestiere Porta Salvatoris
  • Sestiere Porta Sancti Pamphili
  • Borgo Sant'Agata
  • Borghetto

Albo d'oroModifica

Anno Sestiere/Borgo Cavaliere Cavallo
1995 Sestiere Porta Manaresca Alfiero Capiani Transfer
1996 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Mangusta
1997 Borgo San Panfilo Francesco Brunotti Mistery
1998 Sestiere Porta Japasseri Willer Giacomoni Zingaro
1999 Borgo Pacentrano Luca Ravagli Proxima Centaury
2000 Sestiere Porta Bonomini Alfiero Capiani Alche Chengi
2001 Sestiere Porta Manaresca Luigi (Cino) Felici Diamantea
2002 Sestiere Porta Japasseri Willer Giacomoni Ingrid
2003 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Mela Verde
2004 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Mela Verde
2005 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Mela Verde
2006 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Mela Verde
2007 Borgo Santa Maria della Tomba Luca Ravagli Diamont e Grey
2008 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Furmine
2009 Sestiere Porta Manaresca Marco Diafaldi Hermosa
2010 Sestiere Porta Bonomini Francesco Scattolini Sword Dream
2011 Sestiere Porta Manaresca Marco Diafaldi Bum Bum
2012 Sestiere Porta Filiamabili Massimo Conficconi Nanbo King
2013 Sestiere Porta Manaresca Marco Diafaldi Lord Antani
2014 Borgo Santa Maria della Tomba Gioele Bartolucci Mambo
2015 Sestiere Porta Manaresca Marco Diafaldi Lord Antani
2016 Sestiere Porta Manaresca Marco Diafaldi Lord Antani
2017 Borgo San Panfilo Luca Innocenzi Woman In Rose
2018 Sestiere Porta Japasseri Luca Paterni Mazzini
2019 Borgo San Panfilo Luca Innocenzi Silver Wash

Ritardi alla vittoria dei Sestieri/BorghiModifica

# Sestiere/Borgo Vittorie Ultima vittoria Ritardo
1. Sestiere Porta Filiamabili 7 29 luglio 2012 7 anni e 84 giorni
2. Sestiere Porta Manaresca 7 31 luglio 2016 3 anni e 82 giorni
3. Sestiere Porta Japasseri 3 29 luglio 2018 1 anno e 84 giorni
4. Borgo San Panfilo 3 28 luglio 2019 0 anni e 85 giorni
5. Sestiere Porta Bonomini 2 25 luglio 2010 9 anni e 88 giorni
6. Borgo Santa Maria della Tomba 2 27 luglio 2014 5 anni e 86 giorni
7. Borgo Pacentrano 1 25 luglio 1999 20 anni e 88 giorni

NoteModifica

  1. ^ Sestiere di Porta Manaresca, su giostrasulmona.it. URL consultato il 20 agosto 2019.
  2. ^ Sestiere di Porta Dei Canarini (Canarini), su giostrasulmona.it. URL consultato il 20 agosto 2019.
  3. ^ Sestiere Porta Bonorum Hominum (Bonomini), su giostrasulmona.it. URL consultato il 20 agosto 2019.
  4. ^ Sestiere di Porta Iohannis Passarum (Japasseri), su giostrasulmona.it..
  5. ^ Borgo San Panfilo, su giostrasulmona.it. URL consultato il 20 agosto 2019.
  6. ^ Borgo Pacentrano, su giostrasulmona.it. URL consultato il 20 agosto 2019.
  7. ^ Borgo Santa Maria della Tomba, su giostrasulmona.it. URL consultato il 20 agosto 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Abruzzo