Apri il menu principale

Giovacchino Forzano

drammaturgo, regista e librettista italiano

BiografiaModifica

Direttore de Il giornale apuano, periodico politico liberale, con sede a Carrara per i tipi di Sangunetti tra il 1907 e il 1913; collaborò anche con «La Nazione».

In gioventù studiò medicina, poi legge; si dedicò anche al canto e per un breve periodo si esibì come baritono nella provincia toscana. Successivamente iniziò a scrivere con crescente successo.

Fu autore di libretti d'opera, drammi storici, commedie di ambiente borghese, celebrazioni nazionalistiche e soggetti cinematografici.

Amico di Benito Mussolini, rilevò gli stabilimenti cinematografici della Tirrenia Film a Tirrenia fondando gli studi Pisorno, prima "città del cinema" in Italia.

È stato il padre del cineasta Andrea Forzano, che durante la seconda guerra mondiale diresse Ragazza che dorme (1940) e La casa senza tempo (1943). Nel dopoguerra Andrea Forzano fu regista, insieme a Joseph Losey, del film Imbarco a mezzanotte (1951). Giovacchino Forzano fu anche il nonno, per parte di madre, del giornalista Luca Giurato, del cantautore Flavio Giurato e del fotografo Blasco Giurato.

Era solito trascorrere lunghi periodi di vacanza sull'Appennino tosco-emiliano, a Lizzano Pistoiese, durante i quali, nel silenzio del borgo, traeva spunto per la realizzazione delle sue opere.

Fece parte della Massoneria[2].

ScrittiModifica

LibrettiModifica

TeatroModifica

VarieModifica

  • Carrara dal 27 aprile al 22 agosto '59, Carrara, Tip. Artistica, 1909
  • La favola del Lupo, dell'Orso, delle faine, del Mastino, ecc, 1914
  • Carrara nel 1859: notizie raccolte da documenti inediti dell'Archivio Comunale e riordinate ad uso delle scuole, Firenze, Tip. Lanini, 1911

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ dal Registro delle nascite della Pieve di Borgo San Lorenzo
  2. ^ Massimo Della Campa, Luce sul Grande Oriente. Due secoli di massoneria in Italia, Milano, Sperling & Kupfer ed., 2005, p. 318.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41859064 · ISNI (EN0000 0001 0891 1085 · SBN IT\ICCU\CFIV\038408 · LCCN (ENn83174053 · GND (DE122961900 · BNF (FRcb120518107 (data) · BAV ADV12226067 · WorldCat Identities (ENn83-174053