Apri il menu principale

Giovanna Scotto

attrice teatrale, attrice cinematografica e doppiatrice italiana

BiografiaModifica

 
Giovanna Scotto in una foto di gioventù

Nacque a Torino da un amministratore di Compagnie, esordendo nel teatro dialettale già da bambina. Nel 1909-10 fece parte della compagnia Gramatica-Ruggeri, nel 1913-14 era prim'attrice giovane nella Falconi-Zoncada, dal 1919 al 1922 prim'attrice con Lamberto Picasso, e nel 1924 recitò nella Compagnia Stabile Sarda. Nel 1927-28 in una compagnia dannunziana, e dal 1929 partecipò per un decennio ai principali spettacoli classici all'aperto, come nell'Oreste di Vittorio Alfieri alle terme di Caracalla, l'Orestea di Eschilo, l'Ippolito e Le troiane di Euripide, l'Aiace di Sofocle.[1]

Debutta nel cinema all'epoca del muto, nel film Fortunale del 1912. È presente nel cinema sonoro dei primi anni '30, come in Ragazzo di Ivo Perilli e Acciaio di Walter Ruttmann (1933), e in seguito La figlia di Jorio, Aurora sul mare, Due lettere anonime e Operazione mitra. Numerosi anche i lavori nella prosa radiofonica EIAR e RAI dagli anni trenta agli anni sessanta.

Si trasferì a Roma, dove continuò a lavorare come attrice ma, soprattutto, come doppiatrice della C.D.C., diventando, assieme a Lydia Simoneschi, Tina Lattanzi, Dhia Cristiani, Andreina Pagnani e Rosetta Calavetta, una delle doppiatrici di punta della sua generazione. Doppiò Ingrid Bergman in Casablanca, Ethel Barrymore ne La scala a chiocciola, Martha Scott ne I dieci comandamenti e Reta Shaw ne Il segreto di Pollyanna. Prestò spesso la sua voce anche ad altre importanti attrici, come Claudette Colbert, Agnes Moorehead, Mary Astor e Jane Darwell. Nel campo del cinema di animazione, ha prestato a voce a Fatima nel cartone La rosa di Bagdad e la voce narrante nel film Cenerentola della Disney (primo doppiaggio).

Sposatasi giovanissima con Vincenzo Scotto,[2] da cui prese il cognome d'arte. Rimasta vedova, nel 1947 si sposò in seconde nozze col poeta, giornalista, sceneggiatore e critico cinematografico Diego Calcagno.[1]

Morì a Grottaferrata il 23 dicembre 1985 all'età di 90 anni.

FilmografiaModifica

DoppiaggioModifica

CinemaModifica

 
Giovanna Scotto in sala doppiaggio nel 1951

Film d'animazioneModifica

Prosa radiofonicaModifica

Varietà radiofonici RaiModifica

Prosa televisiva RaiModifica

Prosa teatraleModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Mario Guidorizzi: Voci d'autore: storia e protagonisti del doppiaggio italiano, 1999
  2. ^ Gerardo Di Cola: Le voci del tempo perduto: la storia del doppiaggio e dei suoi interpreti dal 1927 al 1970, Èdicola, 2004

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN67919043 · ISNI (EN0000 0000 2555 6444 · SBN IT\ICCU\LO1V\254871 · LCCN (ENn85284043 · BAV ADV12460789 · WorldCat Identities (ENn85-284043