Giovanna di Borbone (1338-1378)

aristocratica francese
Giovanna di Borbone
JanaBourbon.jpg
Giovanna di Borbone
Regina consorte di Francia
Stemma
In carica 19 maggio 1364 - 6 febbraio 1378
Predecessore Giovanna I d'Alvernia
Successore Isabella di Baviera
duchessa consorte di Normandia
In carica 22 agosto 1350 - 8 aprile 1364
Predecessore Giovanna I d'Alvernia
Successore titolo estinto
Delfina di Francia
In carica 22 agosto 1350 - 8 aprile 1364
Predecessore Maria del Balzo, delfina del Viennese
Successore Margherita di Borgogna
Altri titoli Principessa Reale di Francia
Nascita Vincennes, 3 febbraio 1338
Morte Parigi, 6 febbraio 1378
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis, Francia.
Casa reale Borbone
Padre Pietro I di Borbone
Madre Isabella di Valois
Consorte Carlo V di Francia
Figli Giovanna
Giovanni
Bona
Giovanni
Carlo (futuro Carlo VI)
Maria
Luigi d'Orléans
Isabella
Caterina
Religione cattolica

Giovanna di Borbone (Vincennes, 3 febbraio 1338Parigi, 6 febbraio 1378) è stata duchessa consorte di Normandia e Delfina di Francia dal 1350 al 1364, poi Regina consorte di Francia dal 1364 alla sua morte.

OrigineModifica

Principessa della casa reale francese, discendente dal re di Francia, San Luigi IX, Giovanna, sia secondo la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, che secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era figlia del secondo Duca di Borbone e Conte di Clermont, Pietro I e di sua moglie, la principessa francese Isabella di Valois[1][2], che, secondo la Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle era figlia del conte di Valois, Conte di Angiò e del Maine, conte d'Alençon e conte di Chartres, che fu anche Imperatore consorte titolare dell'Impero Romano d'Oriente e re titolare d'Aragona, Carlo di Valois[3] e della sua terza moglie, Matilde di Châtillon[4][5] ed era sorella (Giovanna era la nipote) del futuro re di Francia Filippo di Valois[6], di Bianca di Valois (1317 - 1348), moglie di Carlo, conte di Lussemburgo, re di Boemia, Re dei Romani e futuro Imperatore del Sacro Romano Impero[7] (fu la madre di Caterina di Lussemburgo) e di Maria di Valois (1311 - 1341), in quanto moglie di Carlo d'Angiò, fu Duchessa di Calabria[8] e fu la madre di Giovanna I di Napoli.
Pietro I di Borbone, ancora sia secondo la Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle, che la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, e la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era il figlio primogenito del Signore e poi primo duca di Borbone, conte di Clermont e conte di La Marche, Luigi I e della moglie, Maria di Avesnes, nota anche come Maria di Hainaut[9][10][11].
Giovanna era la sorella di Bianca, moglie del re di Castiglia e León, Pietro I e di Bona, moglie del Conte di Savoia e Conte d'Aosta e Moriana, Amadeo VI[12].

BiografiaModifica

 
Incisione ripresa da una statua raffigurante Giovanna di Borbone.

Quando Giovanna aveva circa cinque anni, suo padre, Pietro I, cercò di fidanzarla con Amedeo, l'erede della contea di Savoia, di circa dieci anni, come, secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, risulta da due lettere, scritte da Pietro I, nel febbraio del 1343[2].

Nel 1347, secondo gli Ægidii de Roya Annales Belgici, vi fu una trattativa di fidanzamento con Goffredo, il figlio secondogenito del duca di Brabante e duca di Limburgo, Giovanni III (duo filii ducis Brabantiæ Parisis acceperunt uxores: Henricus primogenitus filiam ducis Normanniæ et Godefridus filiam ducis Borbonii)[13].

Nel 1348, secondo il documento n° CCLXII della Histoire de Dauphiné, fu redatto un contratto di matrimonio di Giovanna (Dom. Johannam primogenitam Dom. Ducis Borbonesii) con Umberto II, barone de la Tour-du-Pin e delfino del Viennois e conte di Albon(Dom. Humberti Dalphini Vienn.)[14]; anche questa trattativa non si concluse fu interrotta nel febbraio 1349[2].

Nel luglio del 1349, secondo il documento n° CCLXXVII della Histoire de Dauphiné, fu stipulato dai rispettivi genitori, Pietro I (Pierre Duc de Bourbonnois conte de Clermont et de la Marche) e Giovanni il Buono (Jehan ainsnez fils du Roy de France, Duc de Normandie et de Guyenne) un nuovo contratto di matrimonio di Giovanna (Jehanne de Bourbon nostre ainsnée fille) con il nuovo delfino del Viennois, Carlo (Charles de France nostre ainsnez fils)[15].
Giovanna, l'8 aprile 1350</ref>[16], a Tain, nel Delfinato[1] sposò il nuovo delfino, Carlo[17], figlio primogenito dell'erede al trono del regno di Francia, Giovanni il Buono e della sua prima moglie, Bona di Lussemburgo, come ci viene confermato dalla Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle[18].
In quello stesso anno, suo suocero, Giovanni il Buono divenne re di Francia e suo marito, Carlo divenne l'erede al trono.

Suo padre, Pietro I, fu ucciso durante la battaglia[19]; il suo corpo fu trasportato a Parigi e sepolto nella Chiesa dei Giacobini (fr:Couvent des Jacobins (rue Saint-Jacques))[4]. Nei suoi titoli gli succedette l'unico figlio maschio, Luigi, come Luigi II[4].

Il 23 giugno 1358, sua madre, Isabella, lasciò ai figli 25.000 Livre tournois e, dopo aver preso il velo, si ritirò nel convento di San Marcello dei francescani di Parigi[4].

Giovanna divenne regina, nel 1364, alla morte del suocero, Giovanni II il Buono, e venne incoronata il 19 maggio.

Da uno studio sulla pazzia del figlio, Carlo, il futuro Carlo VI, risulta che Giovanna, nel 1373, dopo la nascita del suo ottavo figlio, ebbe un completo esaurimento nervoso con perdite di memoria, che durò alcuni mesi[20].
Sempre quello studio riporta che le condizioni mentali del nonno e del bisnonno furono instabili[20]

Giovanna, secondo la Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, morì due giorni dopo aver dato alla luce la sua ultima figlia, Caterina[21]; lo storico francese, Jean Froissart, racconta che, mentre Giovanna era in avanzato stato di gravidanza volle fare un bagno, nonostante il parere contrario dei medici, poco dopo le si ruppero le acque e morì dando alla luce la bambina.

Il re, Carlo V, rimase molto turbato per la morte di Giovanna e non fu più lo stesso[21].

Il cuore della regina fu sepolto nella Chiesa dei Cordiglieri e le sue viscere nella Chiesa dei Celestini (fr:Couvent des Célestins de Paris) a Parigi. Il cadavere venne infine sepolto nella Necropoli reale della basilica di Saint-Denis[16].

FigliModifica

Giovabnna a Carlo V di Francia diede nove figli[22][23]:

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 216
  2. ^ a b c (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 299
  3. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 205
  4. ^ a b c d (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 299
  5. ^ (FR) Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle, par. 91, pag 72, nota 2
  6. ^ (LA) Recueil des historiens des Gaules et de la France. Tome 20, Continuatio Chronici Guillelmi de Nangiaco, pag. 646
  7. ^ (LA) Francisci Chronikon Pragense, Liber II, Caput XI, pag. 134
  8. ^ (LA) Rerum Italicarum scriptores, vol. 23, Annales Ludovici de Raimo, anno 1331, colonna 223
  9. ^ (FR) Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle, par. 91, pag 72, nota 1
  10. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 203
  11. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 298
  12. ^ (ES) Cronicas de los reyes Castilla: Cronica del rey don Pedro, aňo II, capitulo XV, pagg 53 e 54
  13. ^ (LA) Rerum Belgicarum Annales Chronici et Historici, Ægidii de Roya Annales Belgici, righe 23 e 24, pag 61
  14. ^ (LA) Histoire de Dauphiné et des princes, doc. CCLXII, pagg. 576 e 577
  15. ^ (LA) Histoire de Dauphiné et des princes, doc. CCLXXVII, pagg. 607 -609
  16. ^ a b (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 300
  17. ^ (FR) Histoire de Dauphiné et des princes, doc. CCLI, pag. 577, nota d
  18. ^ (FR) Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle, par. 291, pag 173
  19. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pagg. 215 e 216
  20. ^ a b (FR) [https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k57221199/f286.image.texteImage, Revue des Deux Mondes, 1910 - tome 60, p.844
  21. ^ a b (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 278
  22. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: KINGS OF FRANCE (VALOIS) - JEANNE de Bourbon (CHARLES de France)
  23. ^ (EN) #ES Genealogy: Capet 20 - Jeanne de Bourbon (CHARLES V "le Sage")
  24. ^ a b (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 1, pag. 330 e nota 1
  25. ^ a b c d (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Branche de Valois, pag. 110
  26. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 20 e nota 2
  27. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 25 e note 1 e 2
  28. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 60
  29. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Branche de Valois, pag. 111
  30. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 150
  31. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 161
  32. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 170
  33. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 282 e 283
  34. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, pag. 277

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN78289275 · ISNI (EN0000 0000 3963 0780 · LCCN (ENnb2003009403 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2003009403