Apri il menu principale

Giovanna di Valois (1391-1433)

principessa francese nata nel 1391

OrigineModifica

Secondo le Note sur l'état civil des princes et princesses nés de Charles VI et d'Isabeau de Bavière, Giovanna era la figlia quartogenita (terza femmina) del re di Francia, Carlo VI, e di Isabella di Baviera[1], appartenente al casato dei Wittelsbach, era la secondogenita di Stefano III di Baviera-Ingolstadt (Herzog Stephan von Bayern sein Tochter) e di Taddea Visconti, figlia di Bernabò (dieselbe junckfrau war Hern Barnabos von Meyland Enkelin), come ci viene confermato dal Nova Subsidia diplomatica ad selecta juris ecclesiastici ..., Volume 10[2].
Carlo VI di Francia, secondo la Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 2, era il figlio maschio secondogenito (primogenito alla nascita) del re di Francia, Carlo V, e della moglie, Giovanna di Borbone[3].

BiografiaModifica

 
Le nozze tra Giovanna e Giovanni VI.

Giovanna nacque a Melun, il 24 gennaio 1391[4] e all'età di tre anni fu fidanzata al conte di Montfort, Pietro (che il padre volle ribattezzare col nome di Giovanni[5]), erede del Ducato di Bretagna[4]; il contratto di matrimonio, riportato nelle Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome II, è datato 1392[6]; secondo il Chronicum Britanicum Pietro (Giovanni) era il figlio maschio primogenito del Duca di Bretagna, Conte di Montfort e Conte di Richmond, Giovanni V e di Giovanna di Navarra[7], futura Duchessa reggente di Bretagna e futura regina consorte d'Inghilterra; il matrimonio fu celebrato due volte, la prima nel 1396, e poi nel 1397, in quanto nella prima dispensa papale non era stato scritto che gli sposi erano minorenni[8], il secondo matrimonio, quello ufficiale fu celebrato al Louvre di Parigi il 30 luglio 1397[9].

Suo suocero, Giovanni V, morì nel 1399; il Chronicon Britanicum riporta la morte di Giovanni (Johannes Britanniæ dux) il 2 novembre (II mensis novembris) 1399 (MCCCXCIX), a Nantes (in castro de turre nova Nannetensi) e fu sepolto nella chiesa di San Pietro a Nantes (in choro ecclesiæ B. Petri Nannetensis)[10].
Dopo la morte di Giovanni V, il re di Francia Carlo VI, ottenne la tutela di tutti i figli di Giovanni, i quali erano tutti ancora minorenni, incluso suo marito, il nuovo duca Giovanni VI[11].
All'età di circa undici anni, suo marito, Giovanni (Pietro), fu incoronato duca di Bretagna, nella cattedrale di Rennes col nome di Giovanni VI, sotto la tutela del duca di Borgogna, Filippo II l'Ardito, mentre la madre, Giovanna era reggente del ducato[12].

Nella lotta che contrapponeva i duchi di Bretagna ai conti di Penthièvre quando questi ultimi cercarono di conquistare il ducato, nel 1420, Giovanna fu efficace nel difendere il ducato: i conti di Penthièvre avevano invitato Giovanni VI a una manifestazione presso Loroux e lì lo avevano arrestato[13]. Essi diffusero poi la voce che egli era morto e gli cambiarono prigione giornalmente per rendere difficile la sua localizzazione. Giovanna di Valois, la moglie di Giovanni VI, chiamò i nobili bretoni a raccolta, essi risposero e, saputo che era detenuto nel castello di Châtonceaux, lo assediarono e Giovanni fu liberato[13]; Giovanna di Valois aveva costretto la contessa Marguerite de Clisson a liberare suo marito e, dopo che Giovanni era stato liberato la cittadella di Châtonceaux venne distrutta e il suo nome cambiato in Champtoceaux.

Giovanna morì a Vannes, il 27 settembre 1433 e fu tumulata nella cattedrale di San Pietro a Vannes[9]; il Chronicum Britanicum riporta che Giovanna (Johanna senior filia regis Franciæ ducissa Britanniæ) morì a Vannes il 20 settembre e fu sepolta nella chiesa cattedrale di San Pietro a Vannes (in ecclesia cathedrali S. Petri Venetensis)[14].

FigliModifica

Giovanna a Giovanni VI diede sette figli[15].[16]:

NoteModifica

  1. ^ (FR) Note sur l'état civil des princes et princesses nés de Charles VI et d'Isabeau de Bavière, in Persée, 477-478.
  2. ^ (DE) cap. CXVII, in Nova Subsidia diplomatica ad selecta juris ecclesiastici ..., vol. 10, pp. 309-310.
  3. ^ (FR) Chronique des règnes de Jean II et de Charles V, Tome 2, Biblioteca nazionale di Francia, p. 62.
  4. ^ a b (FR) Note sur l'état civil des princes et princesses nés de Charles VI et d'Isabeau de Bavière, p. 477.
  5. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BRITTANY 1213-1514 (DREUX-CAPET) - JEAN de Bretagne)
  6. ^ (FR) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome II, Traitè de mariage..., colonne 590 - 593
  7. ^ a b c (LA) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome I, anno MCCCLXXXIX, colonna 115
  8. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: KINGS OF FRANCE (VALOIS) - JEANNE de France
  9. ^ a b (FR) Note sur l'état civil des princes et princesses nés de Charles VI et d'Isabeau de Bavière, pag. 478
  10. ^ (LA) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome I, anno MCCCXCIX, colonna 115
  11. ^ A. Coville, "Francia: armagnacchi e borgognoni (1380-1422)", cap. XVII, vol. VI, pag. 657
  12. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: KINGS of NAVARRE 1328-1479 (CAPET-EVREUX) - Infanta doña JUANA de Navarra)
  13. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BRITTANY 1213-1514 (DREUX-CAPET) - PIERRE de Bretagne
  14. ^ (LA) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome I, anno MCCCCXXXIII, colonna 116
  15. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BRITTANY 1213-1514 (DREUX-CAPET) - JEANNE de France (PIERRE de Bretagne)
  16. ^ (EN) #ES Genealogy : Capet 16 - Jeanne (Jean VI "le Bon")
  17. ^ a b c (LA) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome I, anno MCCCCXLII, colonne 116 e 117
  18. ^ (LA) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome I, anno MCCCCL, colonna 117
  19. ^ (LA) Mémoires pour servir de preuves à l'Histoire ecclésiastique et civile de Bretagne, Tome I, anno MCCCCLVII, colonna 117

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica