Apri il menu principale

Giovanna la pazza (film 2001)

film del 2001 diretto da Vicente Aranda
Giovanna la pazza
Titolo originaleJuana la Loca
Paese di produzioneSpagna, Portogallo, Italia
Anno2001
Durata115 min
Generedrammatico, storico
RegiaVicente Aranda
SoggettoManuel Tamayo y Baus (dramma teatrale La locura de amor)
SceneggiaturaVicente Aranda, Antonio Larreta
ProduttoreEnrique Cerezo
FotografiaPaco Femenia
MontaggioTeresa Font
MusicheJosé Nieto
ScenografiaJosep Rosell e Miguel Chang
Interpreti e personaggi

Giovanna la pazza è un film del 2001 diretto da Vicente Aranda. Il film è stato realizzato con la partecipazione della Spagna, dell'Italia e del Portogallo e gli attori del film vengono da questi paesi. In questa pellicola Pilar López de Ayala interpreta la regina di Castiglia, madre di Carlo V d'Asburgo e moglie di Filippo I di Spagna. Nel cast gli attori italiani sono Daniele Liotti, Manuela Arcuri e Giuliano Gemma.

Indice

TramaModifica

Il film inizia nel castello di Tordesillas, dove Giovanna di Castiglia, ormai settantenne, ricorda il suo amore perduto. I ricordi di Giovanna portano nella pianura spagnola, dove vi sono delle carrozze scortate da un reggimento di cavalieri spagnoli. All'interno di una delle carrozze si trova la giovane principessa Giovanna, che sta fissando il ritratto del proprio fidanzato, Filippo d'Asburgo. Arrivata a un porto nel nord della Spagna, Giovanna saluta la madre Isabella di Castiglia e i fratelli e parte per le Fiandre per celebrare il matrimonio-alleanza con l'arciduca di Borgogna. Intanto, non lontano da Bruxelles, l'arciduca Filippo sta svolgendo un torneo con l'arco ma venuto a sapere, dal suo consigliere De Veyre, che la principessa sta per arrivare a Bruxelles parte immediatamente per la capitale delle Fiandre. L'incontro tra i due sposi avviene nella sala ricevimenti del palazzo di Bruxelles dove l'arciduca, affascinato dalla bellezza di Giovanna, fa celebrare la sacra unione da un prete e porta la principessa nelle sue stanze dove consumano immediatamente il matrimonio. Nel frattempo in Spagna muore il fratello di Giovanna, Giovanni, erede al trono del regno di Castiglia. Nel frattempo alla corte di Bruxelles trionfa la vita grazie alla generosa fecondità di Giovanna, che dà alla luce una bambina che diverrà regina di Francia: Eleonora d'Asburgo. Giovanna intanto si innamora di Filippo e gli chiede a solo un mese di distanza dalla nascita di Eleonora di metterla incita, ma Filippo la respinge. Due anni dopo Giovanna rimane nuovamente incinta e al settimo mese, durante una festa a palazzo, l'arciduchessa partorisce il bambino (che diventerà Carlo V d'Asburgo) in una latrina. Dopo pochi anni in Spagna muore anche la regina Isabella, che lascia il trono a Giovanna. Alvaro (amico d'infanzia di Giovanna) cavalcando giorno e notte porta la notizia nelle Fiandre all'arciduchessa, che, venuta a sapere della morte della madre, sente il bisogno di stare con il marito. Giovanna lo cerca nel padiglione di caccia del castello e lo trova con un'altra donna che non riesce a riconoscere, i due hanno una pesante discussione in cui Filippo le dà della pazza. Giovanna in preda alla rabbia va nel cortile del palazzo e inizia ad urlare delle frasi sul fatto che la madre è morta e il marito la tradisce. Giovanna scopre che la donna con cui il marito l'ha tradita è la sua dama di compagnia Ines e per punizione le taglia i capelli. Filippo e Giovanna hanno un'altra pesante discussione. I due partono per Burgos (Spagna) per essere nominati sovrani di Castiglia. Filippo mette nuovamente incinta Giovanna, ma anche qui continua a tradirla. Giovanna mostra sempre un forte amore morboso per Filippo che spesso viene scambiato per pazzia. Intanto Filippo ha un incontro con Ferdinando d'Aragona (padre di Giovanna) che gli consiglia di far escludere Giovanna dal governo poiché anche lui crede che la figlia sia pazza. Filippo una sera lascia il palazzo per dirigersi verso un'osteria dove nota una danzatrice mora di nome Aixa. Giorni dopo Filippo si incontra con Aixa e il re le dice di chiedergli qualsiasi cosa: Aixa allora gli chiede di farla diventare dama della regina in modo da poterla vedere quando la desidera e Filippo accetta. Così Aixa diventa dama della regina, sotto falso nome, poiché la razza dei mori è perseguitata dagli spagnoli. Intanto Filippo sta organizzando insieme al suo consigliere De Veyre un complotto per dichiarare Giovanna pazza e impadronirsi del trono. Dopo pochi giorni Giovanna scopre che Beatriz (Aixa) è l'amante di Filippo e la sfida a duello con spada davanti a dei parlamentari, recatisi da lei per verificarne che sia pazza o meno. Dopo essersi abbandonata alla disperazione, Giovanna si dirige verso la sala del parlamento dove la stanno dichiarando pazza in modo da rinchiuderla in un castello isolato e nominare reggente Filippo fino alla maturità del principe Carlo. Nell'assemblea Giovanna mette in chiaro che non intende farsi rinchiudere e vuole continuare a regnare. In seguito Filippo si ammala di una grave malattia infettiva e Giovanna si dispera. Dopo qualche giorno di agonia Filippo muore e Giovanna viene ugualmente rinchiusa nel castello di Tordesillas fino alla morte. Nelle vicinanze del castello si trova la tomba di Filippo e a Giovanna, di tanto in tanto, è consentito di andare a visitarla.

ProduzioneModifica

Il film non è un ritratto accurato degli eventi storici, prendendo molte libertà con i fatti. Alcuni dispositivi di carattere e trama sono completamente di fantasia, in particolare l'amante moresca di Filippo. Alcune scene sono state liberamente ispirate alla pièce teatrale La Locura de Amor (Teatro del Principe, Madrid, 12 gennaio 1855) dal drammaturgo Manuel Tamayo y Baus (1829-1898), che ha ispirato un film precedente con lo stesso soggetto. Il film è stato girato in castelli e luoghi storici in Sigüenza, Talamanca de Jarama, il Monastero di Las Huelgas in Burgos, e Guimarães in Portogallo, tra gli altri luoghi scelti con cura. La colonna sonora è stata composta da José Nieto, che ha studiato alla scuola Burgos di organisti, come Antonio de Cabezón, e La Folia Española, Luis de Milán, importante compositore del XVI secolo.

La pellicola ha incontrato diversi problemi prima ancora che fosse stata distribuita al pubblico. I co-produttori italiani cambiarono alcune parti per la prima in Italia, e Aranda minacciò delle azioni legali. Tuttavia, la versione distribuita in Spagna e negli Stati Uniti era l'originale. Sony Pictures lo ha poi distribuito nei cinema statunitensi con il titolo "Mad Love" al posto del più appropriato "Giovanna la Pazza".

RiconoscimentiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema