Giovanni Battista Cairati

Giovanni Battista Cairati (Cairate, XVI secoloGoa, 1596) è stato un architetto italiano.

BiografiaModifica

Originario della piccola città di Cairate, in Lombardia, iniziò a lavorare, intorno al 1560, al servizio dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme e costruì fortificazioni a Malta e in Sardegna. Tornato a Milano, fu nominato ingegnere cittadino, e diresse e supervisionò le opere di fortificazione nella regione negli anni 1560-1570.[1]

Nel 1577 entrò al servizio del re di Spagna delle Filippo II e nel 1583 fu nominato ingegnere capo in India dopo aver lavorato a Tangeri e nelle Azzorre in Portogallo. In questa veste, lavorò alla costruzione di fortificazioni in vari luoghi nell'Africa orientale e in India come Vasai, Malacca, Mannar, Hormuz, Mascate, Daman e Mombasa.

Intorno al 1593 progettò la fortezza di Forte Jesus nell'Africa orientale (attuale Kenya). Il forte, costruito tra il 1593 e il 1596 e ispirato ai modelli architettonici del Rinascimento italiano, è il suo ultimo lavoro conosciuto.

Fortezze costruite o ricostruite da CairatiModifica

BibliografiaModifica

  • Charles Boxer e Carlos de Azevedo, A Fortaleza de Jesus e os Portugueses em Mombaça, Lisboa, Centro de Estudos de História Ultramarina, 1960, pp. 79-105.
  • Manuel Lobato, “Fortalezas do Estado da Índia: do centro à periferia”, A Arquitectura Militar na Expansão Portuguesa, Lisboa, Comissão Nacional para a Comemoração dos Descobrimentos Portugueses, 1994, p. 49.
  • Rafael Moreira, “O engenheiro-mór e a circulação das formas no Império Português”, Portugal e Flandres. Visões da Europa (1550-1680), Lisboa, Instituto Português do Património Cultural, 1992, p. 102.
  • Idem, “Os primeiros engenheiros-mores do Império Filipino”, Portugal e Espanha entre a Europa e Além-Mar. Actas do IV Simpósio Luso-Espanhol de História de Arte. Coordenação de Pedro Dias, Coimbra, Instituto de História da Arte – Universidade de Coimbra, 1988, pp. 528-530.

NoteModifica

  1. ^ "CARRATO, João Baptista". Dicionário dos Italianos estantes em Portugal. Cátedra de Estudos Sefarditas "Alberto Benveniste". Universidade de Lisboa [1]

Collegamenti esterniModifica