Apri il menu principale

Giovanni Battista Lomellini

doge della Repubblica di Genova e re di Corsica
Giovanni Battista Lomellini
Giovanni Battista Lomellini-doge.jpg

Doge della Repubblica di Genova
Re di Corsica
Durata mandato 24 luglio 1646 –
24 luglio 1648
Predecessore Luca Giustiniani
Successore Giacomo De Franchi Toso

Dati generali
Prefisso onorifico Serenissimo doge

Il Serenissimo Giovanni Battista Lomellini (Genova, 1594Genova, 1674) fu il 108º doge della Repubblica di Genova e re di Corsica.

BiografiaModifica

 
Stemma nobiliare dei Lomellini

Figlio di Stefano Lomellini e Orietta di Adamo nacque a Genova in un periodo intorno al 1594. Le prime fonti storiche sull'attività politica e di stato per la Repubblica di Genova di Giovanni Battista Lomellini risalgono 1622 (o comunque al compimento dei 28 anni d'età) quando ricoprì la carica di generale delle Galee; nella guerra tra lo stato genovese e il Ducato di Savoia del 1625 il suo nome compare tra gli attivisti nobiliari al fianco della Superba.

Ambasciatore di Genova presso il Governatore di Milano e in seguito al servizio lavorativo per il Banco di San Giorgio, fu nominato senatore della Repubblica e il 24 luglio 1646 eletto alla massima carica dogale: la sessantatreesima in successione biennale e la centottesima nella storia repubblicana. In qualità di doge fu investito anche della correlata carica biennale di re di Corsica.

Il suo mandato biennale, considerato dagli storici tranquillo e nella norma, fu contraddistinto dalla gotta che in varie occasioni gli impedì di presiedere alle cerimonie pubbliche. In questo periodo a Genova si insidiò l'Ordine di San Filippo Neri. Al termine del mandato - il 24 luglio 1648 - la commissione dei supremi sindacatori espresse il suo voto favorevole alla nomina di Giovanni Battista Lomellini quale procuratore perpetuo per tutto il resto della sua vita.

Morì a Genova intorno al 1674 e il suo corpo venne tumulato all'interno della basilica della Santissima Annunziata del Vastato.

BibliografiaModifica

  • Sergio Buonadonna, Mario Mercenaro, Rosso doge. I dogi della Repubblica di Genova dal 1339 al 1797, Genova, De Ferrari Editori, 2007.