Giovanni Battista Scanaroli

vescovo cattolico italiano
Giovanni Battista Scanaroli
vescovo della Chiesa cattolica
Portret van Johannes Baptist Scanaroli, RP-P-1909-4482.jpg
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo titolare di Sidone (1630-1664)
 
Nato1579 a Modena
Ordinato presbitero17 dicembre 1622
Nominato vescovo15 luglio 1630 da papa Urbano VIII
Consacrato vescovo7 ottobre 1630 dal cardinale Luigi Caetani
Deceduto10 settembre 1664 (85 anni), Roma
 

Giovanni Battista Scanaroli (Modena, 1579Roma, 10 settembre 1664) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Il 7 ottobre 1630 fu consacrato vescovo titolare di Sidone.

Monsignor Scanaroli fu per 20 anni prelato dell’arciconfraternita di San Girolamo della Carità, che aveva lo scopo di fornire aiuti corporali e spirituali ai carcerati di Roma. Fu autore di un'opera voluminosa De visitatione carceratorum, che precorre di più di un secolo le dottrine sostenute da Cesare Beccaria nel suo noto trattato: Dei delitti e delle pene.[1][2]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Alessandro Visconti, L'Università di Macerata nel passato e nel presente, in Macerata e la sua università, Bianchini, 1933, p. 52.
    «Nella sua opera de Visitatione carceratorum stampata nel 1655 appare quasi un precursore del Beccaria: mentre è indubbiamente precursore dell'inglese Howard, che, per l'opera The State of the prisons in England and Wales del 1777, fu indicato come l'iniziatore della scuola classica penitenziaria.»
  2. ^ Luigi Anfosso, Giovanni Howard e Cesare Beccaria, in Studi penitenziari, 1911, p. 154.
    «Beccaria ebbe molti predecessori; prima di tutti Giovanni Botero, poi un vescovo: Giovanni Scanaroli, che sino dal 1655 pubblicò: «De visitatione carceratorum libri tres, quibus omnia ad visitationem, patrocinium et liberationem carceratorum spectantia explanantur»»

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22532079 · ISNI (EN0000 0000 6146 2453 · BAV 495/128830 · CERL cnp00926295 · LCCN (ENn2001061296 · GND (DE1055341218 · WorldCat Identities (ENlccn-n2001061296