Apri il menu principale

Giovanni Battista d'Embser

Giovanni Battista d'Embser
NascitaTrieste, 1669
MortePizzighettone, 1733
Cause della morteCaduto in combattimento
Dati militari
Paese servitoBanner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svg Sacro Romano Impero
Kingdom of Savoy.svg Regno di Sardegna
Forza armataEsercito del Sacro Romano Impero
Regia Armata Sarda
ArmaArtiglieria
SpecialitàArtigliere
GradoGenerale di battaglia
Colonnello d'artiglieria
ComandantiGuido von Starhemberg
Eugenio di Savoia
Vittorio Amedeo II di Savoia
Carlo Emanuele III di Savoia
GuerreGuerra di successione spagnola
Guerra di successione polacca
BattaglieAssedio di Torino
Assedio di Pizzighettone
Comandante diArtiglieria
Altre carichescrittore
voci di militari presenti su Wikipedia

Giovanni Battista d'Embser (Trieste, 27 novembre 1669Pizzighettone, 27 settembre 1733) è stato un militare austriaco naturalizzato italiano.

BiografiaModifica

Giovanni Battista d'Embser , ufficiale asburgico di origine triestina, aveva combattuto nella Guerra di Successione Spagnola col grado di capitano d’artiglieria, in forza al Corpo di Spedizione Austriaco in Piemonte sotto il comando del Feldmaresciallo Guido von Starhemberg, composto da 12000 uomini e d’Embser fu uno dei 1500 sopravvissuti alle sanguinosissime campagne militari del 1703-1705.

Si distinse durante l'assedio di Torino del 1706 al seguito in Italia del principe Eugenio di Savoia: l’ottima prova da lui data in quel frangente aveva convinto il Duca Vittorio Amedeo II a “naturalizzare” d’Embser e a promuoverlo tenente colonnello diventando il comandante delle artiglierie della Cittadella del Regno di Sardegna. Era considerato il miglior ufficiale sabaudo d'artiglieria in servizio a quel tempo.

È autore di numerose pubblicazioni dedicate all'artiglieria, tra cui si ricorda il "Compendio della grand'arte d'artiglieria" commissionata dallo stesso Carlo Emanuele III, il "Dizionario Istruttivo di tutte le Robbe appartenenti all’Artiglieria" e i "Dissegni d’ogni sorta de Cannoni et Mortari con tutte lepezze, stromenti ed utigli appartenenti all’Artiglieria come anco le piante, alzate et profili di tuttele machine, edifizy, et ordegni necessari alla medema, l’anno 1732".

Il 26 settembre 1733, durante le fasi dell'Assedio di Pizzighettone, viene gravemente ferito colpito da un proiettile e morirà il giorno dopo.

Controllo di autoritàGND (DE12999779X · CERL cnp00645752