Apri il menu principale

Giovanni Bolzoni (calciatore 1937)

calciatore italiano nato a Codogno
Giovanni Bolzoni
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1969
Carriera
Giovanili
19??-19??Guardamiglio
19??-19??Sampdoria
Squadre di club1
1957-1960Sampdoria24 (7)
1960-1963Genoa77 (15)
1963-1966Napoli38 (9)
1966-1968Salernitana49 (15)
1968-1969Rapallo21 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giovanni Bolzoni (Codogno, 25 giugno 1937) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Ala, era soprannominato Sconquasso per la sua irruenza non sempre ben tenuta sotto controllo.[1]

CarrieraModifica

Prelevato giovanissimo dalla Sampdoria dalle file della formazione dilettantistica del Guardamiglio[2], percorre coi blucerchiati la trafila delle giovanili aggiudicandosi nel 1958 il Torneo di Viareggio, ed esordisce in prima squadra il 2 febbraio 1958 in occasione della vittoria interna sulla Fiorentina, disputando poi quasi per intero il girone di ritorno del campionato 1957-1958 andando anche a segno. Le due annate successive in blucerchiato sono meno fortunate, chiuso nel ruolo di ala da Bruno Mora e Luigi Toschi, con 12 presenze e 2 reti complessive.

Nell'estate 1960 si trasferisce quindi ai rivali cittadini del Genoa, allora militanti in Serie B. In rossoblu Bolzoni disputa tre stagioni, contribuendo con 7 reti alla promozione in A della stagione 1961-1962, e realizzando 2 reti in 20 incontri nell'annata successiva in Serie A.

A fine stagione su interessamento di Roberto Lerici[2] si trasferisce al Napoli, primo acquisto della squadra in quella stagione[3], appena retrocessa in B. La prima stagione è positiva sul piano personale (8 reti in 25 incontri), meno su quello di squadra coi partenopei che chiudono con l'ottavo posto. L'annata 1964-1965 vede il ritorno degli azzurri in A, a cui Bolzoni , alla sua seconda promozione personale, contribuisce però solo marginalmente con 9 presenze ed una rete.

Dopo 4 presenze in Serie A nella stagione 1965-1966, accetta di tornare in Serie B con la maglia della Salernitana, segnando una rete in 14 presenze coi campani che chiudono il campionato all'ultimo posto. Resta a Salerno per altre due stagioni in Serie C per poi trasferirsi nel novembre 1968 al Rapallo Ruentes, sodalizio in cui chiude la carriera agonistica.

In carriera ha totalizzato complessivamente 48 presenze e 9 reti in Serie A e 105 presenze e 23 reti in Serie B.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Genoa: 1961-1962

Competizioni internazionaliModifica

Napoli: 1966

NoteModifica

  1. ^ Piero Sessarego, Sampdoria ieri oggi domani, Nuove Edizioni Periodiche, 1991, pag. 143
  2. ^ a b Roma, 15 luglio 1963, pagina 9
  3. ^ Roma, 15 luglio 1963, pagina 1

BibliografiaModifica

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.
  • Piero Sessarego, Sampdoria ieri oggi domani, Nuove Edizioni Periodiche, 1991, p. 424

Collegamenti esterniModifica

  • Dario Marchetti (a cura di), Giovanni Bolzoni, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.