Giovanni Cacioppo

cabarettista, attore e conduttore televisivo italiano

Giovanni Cacioppo (Gela, 2 aprile 1965[1]) è un comico, cabarettista, attore e conduttore televisivo italiano.

Giovanni Cacioppo in una delle sue performance a Trecastagni (Catania) nel 2007

CarrieraModifica

Inizia a farsi conoscere nel 1994, quando vince il concorso "Zanzara d'oro" a Bologna e realizza in teatro il monologo comico "Acqua e selz". Da allora, prende parte a numerosi programmi televisivi: Maurizio Costanzo Show, Tivù cumprà con Mirabella e Garrani, la trasmissione per ragazzi Solletico, Scatafascio, il programma di Paolo Rossi su Italia 1, Zelig (dal 1998), Torno Sabato (2003-2004), Mai dire lunedì, Mai dire Martedì, Che tempo che fa e Colorado Cafè (2006).

Meno nota ma più cospicua è la sua carriera come attore. In teatro rappresenta L'uovo e la patata (1995), In nomine patris (1997), Io labora (1998) – riproposto nel 2005 in una nuova versione - ed il monologo Aprite quella porta (per piacere) del 2002. Tra il 1999 e il 2002 partecipa con Paolo Rossi allo spettacolo Romeo & Juliet – una serata di delirio organizzato.

Per il cinema recita con il trio Aldo, Giovanni e Giacomo in Così è la vita (1998) e La leggenda di Al, John e Jack (2002, interpretando Tom "schiena di legno"); partecipa anche ai film Lucignolo con e di Massimo Ceccherini (1999), Al momento giusto con Giorgio Panariello (2000) e Tutti all'attacco (2005) con Massimo Ceccherini e Dado.

Per Mai dire martedì ha creato i personaggi di Graziello e il viaggiatore Cacioppo, mentre per l'edizione precedente, oltre al già citato Graziello, aveva creato il cittadino Cacioppo. Nel 2008 ha lavorato alla sit-com Taglia e Cuci in coppia con Mago Forest per il canale satellitare Fox della piattaforma pay-tv Sky. Nel 2009 vince il Delfino d'oro alla carriera (Festival nazionale adriatica cabaret). Attualmente vive con la famiglia a Bologna.

Nel 2015 torna a Colorado cafè.

Nel 2016 partecipa nella parte di Aldo al film di Luca Miniero Non c'è più religione.

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Il giorno della sua nascita è incerto: nel web ci sono fonti che riportano il 2 aprile e altre che riportano il 14 luglio

Collegamenti esterniModifica

  • Colorado Cafè, su coloradocafe.it. URL consultato il 18 luglio 2006 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2006).
Controllo di autoritàVIAF (EN12251232 · ISNI (EN0000 0000 4810 3843 · SBN IT\ICCU\UBOV\892387 · LCCN (ENnr2003024254 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2003024254